Passa ai contenuti principali

w la pappa con il pomodoro



Da circa 3 settimane i nani stanno mangiando a mezzogiorno la pappa.
Oggi mentre facevo bollire il brodino, frullavo il pesce, prendevo la farina di mais e tapioca ecc... mi sono sentita un po' un'alchimista che mescolando vari elementi spera di trovare la giusta combinazione affinchè la pappa non divenga solo uno strato di simil cera sul pavimento ma anche cibo!!!!
Mentre mesi addietro mi preparavo a questo fatidico e tragico momento ho letto un libro molto interessante
Io mi svezzo da solo di Lucio Piermarini
www.bonomieditore.it/piermarini.html
Questo libro mi aveva convinto, avevo deciso di seguire uno svezzamento naturale niente pappone incolore, ma come lui suggerisce, dare ai bambini tutto ciò che mangiamo noi, senza restrizione alcuna...dice che se mostrano interesse per il vino gli si può dare un goccino da provare.
Poi ho deciso comunque di sentire il parere del mio omeopata il quale mi ha detto di non fare assolutamente così, ma di iniziare con i papponi incolori e insapori perchè c'è un forte pericolo di allergie.
Io ho optato per una via di mezzo, in quanto dopo aver assaggiato la prima pappina preparata per i nani...ho avuto un rigurgito.
La pappina aveva un colorino verdastro e un vago sentore di grana....ma come se il formaggio fosse stato diluito allo 0,0001% all'interno del brodo.
Allora il mio metodo consiste nel preparare si brodo + verdura + carne ecc, ma di fare tipo delle velluate di una verdura la volta e di proppore la carne o il pesce da soli, non tutto mescolato.Questo perchè ho pensato che a me mangiare un frullato di carbonara + bistecca e insalata...mi farebbe rabbrividire!!!
Oggi il menù prevedeva vellutata di carote e merluzzo, bollito dalla sottoscritta.
Bè Sebastiano mangia tutto anche i papponi e il menù di oggi l'ha divorato. Martina, che è più raffinata, oggi si è leccata i baffi.
Effettivamente il loro pranzo è stato meglio del mio!!!
Speriamo che questa alchimia duri, perchè temo che la nana si stanchi in fretta e ricominci a reclamare la tetta.
Continuerò a sperimentare varie ricettine e se vengon buone le inserirò nel blog.


Commenti

  1. Salve! Passo di qui per caso..
    Foto deliziosa, nomi molto belli e post spassosissimo!
    P.S. Non ho figli, ma quando li avremo io e la mia compagna saremo all'incirca della tua stessa idea..
    Auguri!

    RispondiElimina
  2. Cara signora Diana

    il suo omeopata dovrebbe documentarsi meglio prima di terrorizzare le mame ma, si sa, il terrore rende. Lei che ha letto il libro, sa che non esiste alcun rischio di allergie iniziando losvezzamento intorno ai sei mesi, e può avere conferma consultando qualsiasi sito(WWW.uppa.it), o libro, serio. Anzi vanno sempre più aumentando le prove che più tempestiva è l'introduzione degli alimeni mnore è il rischio. Negli USA è comunissima l'allergia alle noccioline e per questo vengono introdotte con prudenza molto tardi, ma la frequenza di allergia non è diminuita. In Israele vengono date subito all'inizio dello svezzamento e l'allergia è rara. Non si faccia prendere in giro, chieda sempre "perché" e metterà alle strette tutti i ciarlatani. Lei stessa, ragionando, non si è fidata dell'omeopata(ma allora che ci va a fare?), e ha fatto di testa sua. Con i migliori auguri

    LP

    RispondiElimina
  3. Cari Giovanna e Lucio,
    io nell'omeopatia credo, sto facendo un po' le cose suggerite dal dottore e un po' quelle lette nel libro...questo perchè io mi sentivo un po' insicura. La mia amica sta seguendo il libro alla lettera e tutto va bene con il suo bimbo...sono io che ho chiesto consigli all'omeopata perchè su certi alimenti non mi sentivo sicura.
    Credo che il libro vada letto e che ogni genitore debba iniziare lo svezzamento nel modo in cui lo fa stare più tranquillo.
    Grazie del post!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…