Passa ai contenuti principali

DU IS MEI CHE UAN




Lontano Marzo 2008,prima ecografia fatta,ottava settimana, la ginecologa disse"Guardi, ci sono 2 sacche e 2 cuori...aspetta 2 bambini". Io sdraiata sul lettino con gli occhi fissi sullo schermo iniziai a ridere....per l'emozione, per la sorpresa e papone che era seduto sulla sedia rimase là, in silenzio...
La presi con filosofia del resto "Du gust is mei che uan!"
Quando scoprì che i miei figli erano un maschio e una femmina diventai la mamma più felice del mondo!!!!
Che bello, in un colpo solo la coppia!!!!(Non sapete quante volte questa frase l'ho sentita dire da chiunque e in ogni dove)

E allora??!!!Che succede in questi giorni??!!!

Perchè i miei du gust così amati, desiderati e sognati sono diventati, in questo periodo, un po' pesanti??!!!
Devo dire che quando sei incinta di due gemelli, ti immagini come sarà dopo, quanto avrai da fare e come diavolo farai sola a gestire 2 neonati...be finchè non lo vivi forse tutto questo non lo capisci.

Io sono superfelice dei miei gioielli, ma devo dire che ci sono giorni molto faticosi e notti troppo tormentate e lunghe!!!
Ogni tanto lo scoraggiamento mi prende un po' e mi chiedo
ma quando andrà un po' meglio.....
e poi mi dico....ma cosa intendo per meglio???!!!!
Andrà forse un po' meglio quando camminano??!!!Ma se uno va di qui e l'altra di là!!!
Andrà forse un po' meglio quando andranno all'asilo??!!Sicuramente uno si ammalerà e poi si ammalerà anche l'altro!!
Quando andranno a scuola???Doppi compiti, doppie riunioni con gli insegnanti!!!

Allora mi dico che forse quel meglio devo cercarlo ogni giorno... anche quando cado dal sonno, quando per l'ennesima volta hanno fatto la cacca tutte e due, appena cambiati, quando la pappa è per metà sul pavimento, quando nella notte dopo l'urlo n°1 si aggiunge anche l'urlo n°2!!!!
La fatica è tanta, ma anche la gioia, i sorrisi e l'amore!!!
Bè...fare la bi-mamma non è compito facile ....ma io devo essere veramente fortunata...perchè i miei bambini sono sani, felici, crescono bene e fanno dei mega sorrisi!!!
A volte però....è bene ammettere la fatica e la stanchezza e pensare che "Du is mei che uan....ma che fadìga!!!"

Commenti

  1. cara, hai proprio ragione, bisogna ammettere che la fatica è tanta, bisogna ammetterlo per non sentirsi colpevoli quando diventiamo isteriche! :-)
    Comunque tutte noi pensiamo che man mano crescono le cose si fan più semplici, salvo poi incontrare sistematicamente qualcuno che ti dice "goditeli finché son piccoli, che da grandi poi diventano degli stronzi!"
    Sob...

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, la fatica c'è, inutile negarlo...ma sono tante le soddisfazioni e le emozioni che ci scatenano che va bene così, anche se la sera stramazziamo sul divano esauste! Io in questi giorni ho Mattia che ha la "coccolite" acuta, saranno i dentini, sarà il caldo, saranno solo capricci ma...quanta pazienza!

    RispondiElimina
  3. Come ti capisco! Anche per me ci sono giorni che stramazzo esausta, giorni che sono isterica, giorni pesanti... ma quanto mi rendono felice!!!

    RispondiElimina
  4. ta ghet prope resu!
    però... ammettilo, siamo dei privilegiati!
    Voglio dire, non è da tutti ricevere un dono così grande, perciò questo significa che siamo speciali, che se ce ne sono arrivati 2 invece di 1 è perchè saremo in grado di crescerli alla grande.
    Certo che a volte è dura, soprattutto quando son malati/e o non dormono, però un loro sorriso è impagabile e cancella (quasi) tutto.
    Ciao!

    RispondiElimina
  5. mi aggiungo agli altri genitori gemellari di cui sopra. E' una faticaccia ma "du sorrisi is mei che one!!"

    RispondiElimina
  6. non sai quanto ti capisca.. alcune volte ci si scoraggia ma come si farebbe senza i loro teneri sorrisini e le loro dolci manine che cercano i nostri abbracci?
    saremo pur stanche.. ma in fondo al cuore felici, per il doppio dono che Dio ci ha fatto..

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…