Passa ai contenuti principali

giochi,palestrine e .....

Casa mia, da quando sono nati i gioielli, sembra molto ad un nido in famiglia....nel mio salotto/cucina sono in bella mostra: 2 seggioloni, 2 sdraiette, un tappetone morbido con i giochi, una palestrina morbida, una palestrina in plastica, pallone morbido, barbapapà, sonagli......ecc....

I nani si divertono a rotolarsi sul pavimento pieno di giochi e a volte riescono a passare anche mezz'ora del loro tempo a guardare le palestrine, tentare di suonare il pianoforte, scuotere i sonagli e succhiare avidamente tutti questi oggetti......

Sono molto divertenti quando per spostarsi ruotano dalla parte opposta a dove dovevano andare e poi si arrabbiano.....

La mamma gli ha comprato una bella palestrina dove possono suonare, girare le pagine del libro, attaccarsi agli animali che penzolano e possono usarla sia da sdraiati che da seduti.

Hanno l'orsetto che insegna i colori e le parti del corpo, regalato dai nonni a natale.

Hanno una splendida sdraietta che si autodondola, con specchio e sonagli appesi...dove i primi mesi si addormetavano anche per un ora

Ma lo shopping si sa è lo sfogo di ogni donna, così settimana scorsa ho comprato la sua prima macchinina morbida a Sebastiano e a Martina un tappeto gonfiabile rotolante per imparare a gattonare.....diceva la confezione ???!!!!!

Bè i sudetti giochi sono stati studiati per ben mezz'ora di fila per poi essere abbandonati nel mucchio insieme agli altri....

Già perchè i giochi preferiti dei miei figli sono e rimangono: la lavatrice e l'aspirapolvere!!!!

Sebastiano appena accendo la lavatrice vuole essere messo di fronte all'oblo e ogni volta che gira lui batte le mani felice....studia ogni particolare del sudetto elettrodomestico, va in fibrillazione ogni volta che dopo una sosta il cestello ricomincia a girare.
Inutile dirlo....ma quando inizia la centrifuga lui è all'apice della felicità!!!!
Ed io che spendo soldi per i giochi intelligenti ......basta una lavatrice e per un po' il nano è sereno!!!

Martina ha invece un'attrazione fatale per l'aspirapolvere....i primi mesi il solo rumore la faceva addormentare all'istante....ho pensato avesse disturbi dell'udito???!!!
Ora quando la sente sgambetta come una pazza e fa un sacco di urletti....segue con lo sguardo e anche rotolando tutti gli spostamenti dell'aspirapolvere....altro che tappeto rotolante per gattonare....

Io mi chiedo.....perchè continuo a spendere soldi in giochi che stimolano l'udito, il tatto, la coordinazione manuale....quando in casa ho un tecnico della Calfort e una rappresentate della Folletto???!!!!!

Giuro che d'ora in poi .....solo profumi per me!!!!

Commenti

  1. Daniele ha quattro anni ma niente è più attraente di un cestino pieno di mollette da bucato. Ti ho detto tutto.

    ps: sei rappresentante della Folletto? Veramente? Ma dimmi... è tutto oggetto fantastico che dicono?

    pps: io il calfort non lo uso mai... e neanche l'anticalcare qualsiasi... tra quanto mi collasserà una lavatrice della Rex comprata cinque anni fa? :-)

    RispondiElimina
  2. Cara arianna,
    la rappresentante della folletto era uno scherzo per definire Martina visto che ama gli aspirapolveri e Uomo della Calfort era ovviamente Sebastiano!!!
    Io di lavoro faccio l'educatrice e la cosa che invidio di più alla Folletto è il Bimby...ma mi costa più d'uno stipendio....
    Io nemmeno lo uso il Calfort....io metto l'aceto è un ottimo anticalcare e costa poco!!!

    RispondiElimina
  3. hai ragione, i bambini alla fine giocano sempre con le cose più semplici, un cucchiaio, una carta colorata, o una ciotola di plastica... a volte anche l'oblo della lavatrice... io solo adesso, a volte riesco a dare una parvenza di casa al mio salotto, di solito ha l'aspetto di un asilo. a presto!

    RispondiElimina
  4. le mie adorano la lavastoviglie e, chissà perchè, il televisore :D

    RispondiElimina
  5. MA CHE BELLO TROVARTI QUI!!!
    Quando ci vediamo?
    Con Mattia ho imparato che i bimbi adorano giocare con le scatole dei giochi più che...con i giochi...! In alternativa, con quello che "NON SI PUO' TOCCARE"!
    Quindi ora, con Andrea e Davide, al via con i materiali "di recupero"!
    Un bacio! Che belli i tuoi cucciolini!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…