Passa ai contenuti principali

LA SOLITUDINE

Giovedì stavo andando al mio unico giorno di lavoro e per strada ho visto due mamme che venivano allo Spazio Gioco che spingevano i loro passeggini e chiaccheravano tranquillamente......

Sono andata in crisi!!!????!!!!

Durante la gravidanza e la maternità di Morgana quello che più mi è mancato era scambiare quattro parole con qualcuno....avere delle mamme dei compagni di mia figlia che fossero anche mie amiche, ma questo non è mai accaduto.....
Io quando è nata Morgana avevo 22 anni e nemmeno con le mie più care amiche potevo parlare delle mie paure o delle conquiste di mia figlia....loro non capivano, non erano interessate....pensavano solo alle uscite serali e ai flirt del momento.....come era giusto che fosse...

Ora con i gemelli ...fortunatamente ho amiche che son diventate mamme o poco prima o poco dopo di me con cui confrontarmi, fare due chiacchiere di questo sono molto felice....anche se a volte le uscite tra amici diventano convegni di pediatria e i maschi si lamentano. Io un po' la necessità di confrontarmi ce l'ho perchè nel paesello non ho ancora trovato nessuno......

Allo spazio gioco sono andata e ho conosciuto delle mamme, ma poi tutto è finito lì....se le incontro in giro le saluto....ma niente di più.

Forse la colpa è solo mia perchè non mi sembra di avere niente in comune con loro...le trovo antiquate anche se hanno la mia età, non riesco a trovare degli argomenti di cui parlare ....
Un po' io sono molto solitaria anche quando vado a fare la passeggiata con i bimbi difficilmente mi fermo al parco....io cammino per le stradine fuori paese.....

Non so perchè faccio così fatica a fare amicizia con le persone.....certo è che le mie amiche si contano sulle dita di una mano......tante le ho perse per strada ...un po' per la mia precoce maternità e un po' perchè le nostre strade erano così diverse che quando ci si vedeva si parlava solo dei bei tempi andati???!!!!

Io oggi mi sento anche un po' amica delle mamme blogger che con l'attesa e la nascita dei gemelli mi hanno sostenuto con i loro racconti e vorrei ringraziarle perchè leggerle mi fa sentire meno sola e più compresa.

Spero che quando i gioielli andranno al nido anch'io potrò finalmente avere la possibilità di conoscere bene le altre mamme e magari di trovare una nuova amica??!!!

ps: per il toto gattone......Sebastiano gattona.....aaaiiiiuuuuuttttoooo

Commenti

  1. ciao carissima, vedrai che non appena i piccoli interagiranno con altri piccoli sarà più facile trovare mamme con argomenti o interessi in comune. Volgio dirti comunque che penso che alla fine ognuno di noi conti veramnte pochissimi amici, veri, il resto sono per la maggiorparte delle volte solo delle care conoscenze!! io sono per la qualità! un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Anche io finchè ho potuto andavo in giro e non mi fermavo ai giochi. A me piace camminare e la bambina dormiva bella tranquilla nel passeggino.
    Però se fai sempre gli stessi percorsi agli stessi orari vedrai che incontri sempre le stesse persone!
    E come ti han già detto in molte, appena diventerai assidua frequentatrice dell'altalena farai amicizia con un saaaaacco di mamme!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…