Passa ai contenuti principali

IMPRESSIONI DI SETTEMBRE

Ecco l'anno scorso a Settembre stavo iniziando a godermi la maternità.....ero a casa a riposare....a lavare vestitini, prendermi cura di Morgana che iniziava la Prima media e prendermi cura di me e dei gioielli.....mi perdevo ad ascoltarli muovere e gli facevo ascoltare musica e cantavo per loro.

Quest'anno a Settembre devo ritornare al lavoro e non ne ho voglia.......ma rientrando con le ore dell'allattamento mi abituerò pian piano....

I nani hanno iniziato il nido e dopo le prime tristezze iniziali son felice che ci vadano volentieri...anche se per il momento Seb. è ancora a casa e Martina.....visto che sono a casa e mi manca....la sto portando part-time.

Anche in questo Settembre mi perdo a guardare i miei bambini che si muovono....già Seb. gattona da 1 mese e Martina ha iniziato timidamente Domenica.....è così tenera che quando l'ho vista...mi è scesa una lacrimuccia.....

Morgana ormai alle medie ha ingranato benissimo.....ed io la ascolto ripetermi i capoluoghi italiani e i laghi....così ripasso....

Il tempo per sistemare vestiti piccoli da dare alle amiche, aprire i cartoni dei vestiti invernali datemi dalle amiche ...li rosico mentre i nani dormono.

Cucinare lo faccio con i nani nel seggiolone dandogli cucchiai e spiegandogli passo per passo ciò che faccio....punto all'autonomia precoce...

Ieri ho fatto----CROSTATA D'AUTUNNO.

400 gr di farina integrale
150 gr di burro
100 gr di zucchero
2 uova
1 limone
Marmellata casalinga....o no di fichi 250 gr

Accendere il forno a 180°.
Montare lo zucchero con il burro fino a fare una crema. Incorporare 2 tuorli e 1 albume (l'altro tenerlo da parte) e sbattere con una frusta per un po'. Incorporare piano la farina e la buccia del limone grattugiata. Quando il composto diventa duro, usare le mani per impastare.
Imburrare una teglia o mettere la carta forno (Io faccio così....si stacca subito la torta e non si rompe!!)ricoprire la tortiera con una 2/3 di pasta, versarci sopra la marmellata e con la pasta rimanente fare delle piccole striscioline....più spettacolare se si fanno piccole foglie.....spennellare la pasta con l'albume dell'uovo tenuto da parte.
Infornare per 30/40 minuti.


Ecco....mi è partito il trip delle ricette......speriamo passi....

Le mie impressioni di questo settembre si racchiudono in poche righe :

La maternità è un compito assai arduo: per far crescere due nani nella pancia c'è voluta pazienza, amore e tanta tranquillità---
ora per farli diventare grandi ci vuole tanta forza fisica, forza d'animo e amore amore e amore......ma alla mamma a volte servirebbe anche un riposo forzato....per riprendersi dalle notti insonni,pulizie delle vomitate e le corse per star dietro ai loro gattonamenti.....

BUON SETTEMBRE.....

Commenti

  1. e perchè dovrebbe passarti il trip delle ricette??? :D

    RispondiElimina
  2. Ciao,sono Daniela da Cuneo!anche qui da noi ci sono le signore che segnano i vermi sai?con los tesso identico metodo..da bambina mi portavano sempre da loro,non so se funzionasse,ma mi affascina come cosa sapere che questa tradizione é diffusa in molte parti d' italia..!
    ciao,se ti va passa a leggermi su www.ilcoltellodibanjas.blogspot.com

    RispondiElimina
  3. Io ieri invece hofatto una torta salata con la zucca... è autunnale anche quella!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

FELICE GIORNO DELLA NASCITA

E' arrivato il 15 Novembre e tu non sei qui con me.
E' il primo compleanno da quando sei nata che passiamo lontane.
Hai compiuto gli anni ed io e i tuoi fratelli ti abbiamo cantato una sguaiata canzoncina tramite whatsup.
Hai compiuto gli anni ed io non ho potuto darti un bacio e darti un regalo.
Quest'anno, come non mai, il tuo compleanno è felice giorno della nascita...già perché non si nasce solo quando si viene al mondo, ma si nasce un sacco di volte nel corso della vita.
Tu sei nata a te stessa e al mondo e hai deciso di partire alla ricerca della tua missione.
Tu sei nata ai tuoi progetti e ai tuoi sogni e hai deciso di corrergli incontro.
Il tuo compleanno è ora, perché non c'è modo migliore di festeggiare il nostro venire al mondo che celebrarla la vita!
Tu nell'ultimo periodo hai celebrato ogni giorno e hai sparso in giro le tue gocce di serenità e gioia ed io le ho viste nello sguardo di chi ti ha incrociato.
Il giorno della tua nascita...io c'ero e s…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…