Passa ai contenuti principali

La regola dei tre passaggi


Con la nascita dei gemelli le uscite serali di casa Gioielli hanno iniziato a diradarsi.....
Primo perchè i nani sono nati a Novembre e la vita sociale nei freddi paeselli del Nord si dirada in inverno.
Secondo perché io per i primi tre mesi ero nel vortice delle poppate ogni 3 ore.
Terzo......"Ma se i bambini si addormentano in macchina, dopo nottate insonni,noi non possiamo dormire qui?".....questa era il mio leitmotiv ....ero terrorizzata che durante i TERRIBILI PASSAGGI i gemelli si svegliassero.

Finché abbiamo usato l'ovetto tutto era più semplice.....attaccavi l'ovetto alle ruote del passeggino e poi lo mettevi in macchina..ristaccavi il tuo ovetto, lo portavi in casa e con una lentezza che nemmeno un bradipo sa di possedere li spogliavi e adagiavi nel lettino.
L'operazione veniva quasi perfetta ma le volte in cui c'era il risveglio.......TRAGGGGEEDDDIIA già perchè i miei gioielli riescono a ricaricare le pile anche con pisolini di 30 minuti e dopo sono.......zzi?!!

Quando finalmente la bella stagione è giunta alle porte anche al Nord, i gemelli son cresciuti.....quindi bye- bye ovetti e benvenuti seggioloni d'auto??!!!

La vita mondana si riaccende......feste, camminate per il paesello, giretto in centro, ecc.

Sorge il primo ostacolo:

Con l'abbandono dell'ovetto abbiamo cambiato passeggino e quindi i bambini vanno spostati dal seggiolino d'auto al passeggino e viceversa.......1 passaggio.
Quando i nani dormono questa operazione viene eseguita con delicatezza e velocità .....ma se si svegliano..... il giretto o il cullare della macchina in genere li riporta nelle braccia di Morfeo.

Arrivati a casa...la tentazione di dormire con loro in macchina è sempre forte...ma prevale il buon senso.....quindi con la delicatezza che ormai ci contraddistingue e la lentezza del bradipo....slacciamo i bambini e pian piano ce li accoccoliamo in braccio.......2 passaggio.

Con passo felpato e dondolio annesso ci rechiamo a casa e con estrema cura adagiamo i nani nel letto.....ovviamente di cambiarli non ci salta nemmeno nell'anticamera del cervello....quindi spesso escono già in pigiama (ovviamente di sera).......3 passaggio.

Alla fine di questi mitici tre passaggi io e papone, quando va bene, ci sediamo sul divano esausti ma felici per aver concluso l'impresa...neanche fossimo 2 chirurghi dopo un trapianto di cuore andato bene......
Queste sono le nostre piccole gioie della vita??!!!

Ovviamente il più delle volte in uno dei tre passaggi qualcosa va storto e abbiamo un bimbo se non due svegli come due grilli e noi stanchi morti e desiderosi di andare a dormire??!!!

Una mia amica dice che dopo l'anno i bambini quando dormono non si accorgono più di niente e lei la sua riesce perfino a cambiarla dalla testa ai piedi e a metterle il pannolino pulito......
Noi incrociamo le dita e speriamo che questo piccolo miracolo avvenga.

Commenti

  1. effettivamente dopo l'anno va bene, ma quel terrore lì l'ho sempre avuto anche io, tutto lentamente in assoluto silenzio, senza scossoni...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  2. confesso che anche io, a volte, ero tentato dalla soluzione della nottata in macchina.
    Hai spiegato tutto benissimo, anche per noi è così, e soprattutto con la nostra prima era una tragedia, si svegliava piangendo al minimo scossone.

    RispondiElimina
  3. confermo che da un certo punto in poi quando dormono gli puoi fare di tutto e non si accorgono. La mia stanotte ha bagnato il letto: l'ho cambiata mentre lei stava IN PIEDI e stamattina nemmeno se lo ricordava :-)

    RispondiElimina
  4. Io invece ho un gemello che dorme solo per sfinimento... a volte non ce la faccio più e lo carico in macchina, faccio un chilometro, lui "cappotta" e lo scarico tranquillamente che non si sveglia mettendolo poi nel lettino

    RispondiElimina
  5. Noi prima dell'anno tra una cosa e l'altra non uscivamo granché la sera. Ma con la bella stagione è capitato abbastanza spesso e ti posso confermare che se si addormentano in macchina nei tre passaggi non si svegliano. Ho provato anche a cambiargli il pannolino e non se ne sono nemmeno accorti. Probabilmente il primo sonno è il più pesante.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…