Passa ai contenuti principali

PESSIMISMO E FASTIDIO.........


Premetto che la mia vocazione alla professione di casalinga è pari allo zero.....

Anche prima della nascita dei gemelli ero una disordinata cronica, poco affine alle pulizie inutili e mi obbligavo a ritagliare nell'arco della giornata del tempo per la casa........

Ovviamente con due nani gattonanti per casa è scattata l'operazione "Mastro Lindo" quindi nonostante la S.S. signora delle pulizie venga due volte la settimana ....dopo ogni pappa gemellare....che sono diminuite....visto che il pranzo e la merenda non tettifera la fanno al nido....tocca rassettare.

Io adoro pulire il pavimento è una delle poche cose per cui sono fissata e quindi già prima dei nani passavo e ripassavo lo spazzettone finché la mia immagine non riluceva sul pavimento.....forse è la sindrome di Cinderella......
la colpa di questo accanimento al pavimento è che le mie piastrelle appena cade una goccia si macchiano e si vede subito.....aaaarrggghhhhhh.....
Quindi a fine serata passo l'aspirapolvere...che fa tanto divertire i nani e quando non sbrocco dal sonno ramazzo il pavimento finché non luccica.....

MA.....MA.....MA.....

Terminata l'operazione "Mastro Lindo" mi guardo attorno e scorgo :

- giocattoli buttati ovunque....e che ormai fuoriescono dal cesto.....devo comprarne un altro!!!!
- biglietti di qualsiasi genere nel ex-centro tavola...attualmente porta tutto....non ho ancora fatto una cernita attenta del contenuto del suddetto...ma già ho visto: vecchi biglietti della spesa, un portachiavi orribile, una pietra porta fortuna, penne, spiccioli....ecc...
- una pila di panni da stirare......ferma e immobile......la lascio lì come monito.....ma non funziona....avrei bisogno di una pila di panni parlante e minacciosa e forse......??!!!!
-scatoloni pieni di vestiti che ai nani non vanno più bene da consegnare a parenti e amiche gestanti.....
- una sdraietta inutilizzata
- vestiti di papone impilati sul servo muto....perché lui si cambia spesso...ma guai a sistemare ciò che non mette....
- vestiti di papone gettati a terra...che sta per: sono da lavare....ma non ho voglia di buttarli nel cesto della biancheria!!!!
- un cesto della biancheria dove stanno tanti di quei vestiti che....nemmeno la borsa di Mary Poppins....

Il quadro è quasi completo ed è una vera casa dell'orrore......
però non dimentichiamo che c'è anche la stanza di una adolescente dove i vestiti sono sempre impilati sulla sedia, dall'armadio sbucano sempre maniche di felpe o calzini e ha una scrivania sulla quale potresti fare una caccia al tesoro...e tanto, tanto,tanto altro.....

la mia sensazione prima di andare a dormire
è PESSIMISMO E FASTIDIO
credo mi accompagnerà anche domani

Commenti

  1. Io la sindrome da pavimento pulito proprio non ce l'ho, ma in compenso ho quella da panni sporchi, proprio non li sopporto.
    Infatti a casa ho ben 2 lavatrici...

    RispondiElimina
  2. mi sembra di sentire la mia dolcemetà... :D

    RispondiElimina
  3. Guarda, io incarno la casalinga disporganizzata, ed è un problema. Non sono fissata per le pulizie ma almeno l'aspirapolvwere e i piatti vorrei farli. Poi mi giro e vedo il divano invaso dalla roba da stirare...Tu descrivi in pieno casa mia, con due figli in meno e un cane in più!

    RispondiElimina
  4. "I pavimenti non hanno sentimenti" lessi su un libro quando da neomamma affrontavo il dissidio di cui ci fai partecipi! Vero...! I bimbi poi crescono, ed allora i pavimenti avranno tutte le nostre attenzioni.
    Personalmente i lavori domestici possono essere il pretesto per "staccare" dall'immersione in apnea, sono un diversivo per "ricaricami"...!

    RispondiElimina
  5. Grosso modo casa mia. Io non ho una fissa in particolare, mi rompe fare qualsiasi cosa. La faccio per senso del dovere e , soprattutto, perché se non la faccio io non la fa nessuno (a parte Katia macchina-da-guerra, che viene due o tre ore a settimane alterne... e decisamente non basta!)
    A.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…