Passa ai contenuti principali

SENZA PAROLE


Da quando sono rimasta incinta dei gemelli, per tutta la durata della gravidanza e dopo la loro nascita .....sono stata oggetto di confidenze da parte di persone sconosciute più o meno felici sui gemelli.

Mi hanno raccontato:
- parti durati ore e ore con mariti svenuti e bambini piccolissimi portati in patologia per mesi.....
- parti fulminei con mariti presenti e bambini cicciotti buoni e bravi
- parti cesarei stupendi senza dolore e "....ero in piedi dopo 4 ore per andare a vedere i bambini..."
- parti cesarei orribili con dolori atroci e ...."mi sono ripresa dopo mesi...."

- allattamenti tremendi con ragadi sanguinanti e "Ho smesso perché era uno strazio...."
- allattamenti magnifici e "Mangiavano ogni 3 ore e di notte dormivano"..
- allattamenti artificiali bellissimi..."Mangiavano ogni 4 ore e di notte tiravano 6 ore"...

Io ho sempre ascoltato in silenzio e con orrore o invidia tutti questi racconti e mi son sempre chiesta....."Cosa porta una donna a raccontare l'avventura del suo parto disastroso dinnanzi ad una povera gravida....che ha già i suoi pensieri???"

Credo che la solidarietà femminile quando sei incinta svanisca e sembra che alcune mamme traggano piacere nel raccontarti in maniera truce e minuziosa tutto ciò che è andato storto per poi concludere...."Ma vedrai che a te andrà bene!!!!"......questa frase suonava a volte come una minaccia.....a volte come un augurio sincero....

Il racconto che più mi lascia basita e senza parole è quello relativo alla sindrome di trasfusione feto-fetale.

Ho ascoltato racconti terribili di mamme che alla vista dei gemelli mi dicevano: "Anch'io aspettavo due gemelli, ma poi uno al terzo mese l'ho perso....." oppure situazione peggiore "Anche lei (Indicando la bambina di 6 anni) era una gemella e adesso la sua sorellina è il suo angelo custode.......

L'ennesimo racconto di questo genere me l'hanno fatto Lunedì all'interno di un negozio di abbigliamento di bambini.....una signora mi ferma e dice "Ma che bello due gemelli....maschio e femmina....Anche lei aveva una gemella...ma al terzo mese....è morta. Sa io sono gemella e ho gemellato....ma io sono una vera gemella....invece i suoi sono fratelli".
Io visibilmente scossa ho annuito, salutato e me ne sono andata.
Non sapevo assolutamente cosa dire....
la prima volta che ho ascoltato questo racconto ero incinta e sono stata male per settimane....ero terrorizzata...ho continuato a chiedere alla ginecologa di poter sentire il battito dei bambini...per sentire che c'erano tutte e due.
Ma ora di fronte all'ennesimo racconto..... sono senza parole.

Io capisco la sofferenza di perdere un bimbo.....è così grande che per una donna non ci sono parole per esprimerla....ma il senso di condirvela con una persona sconosciuta....qual'è???
Faccio veramente fatica a capirlo.... soprattutto di fronte a confidenze del genere ....
Io vorrei veramente dire a quelle signore che mi dispiace che la loro storia sia andata così, che forse andrà meglio un'altra volta, che so di essere fortunata perché a me è andato tutto bene...
Ma alla fine rimango senza parole.....

Commenti

  1. difficile, da papa' non so che dire. Forse e' un modo per esorcizzare il lutto, una reazione "normale" perche' condividendo il lutto lo si sente pesare di meno.
    Non so, non saprei che dirti.
    ciao
    Luca

    RispondiElimina
  2. E' vero, di confidenze me ne hanno fatte tante, ma per fortuna non mi hanno mai raccontato storie come queste...e meno male, non avrei proprio saputo cosa dire.

    RispondiElimina
  3. Volevo aggiungere un altra cosa, ma il mio dito è stato più veloce della mente ;-)
    Si, mi sento molto fortunata ad avere l'opportunità di poter stare a casa con loro e rimandare il nido di un anno...so che è un lusso che in pochi possono permettersi, ma non per questo sono una mamma di serie A rispetto a chi invece deve fare un'altra scelta :-)

    www.emmaeluca.com

    RispondiElimina
  4. Non so se anche in questo caso è così, ma in generale il racconto minuzioso e ripetuto del fatto (incidente, morte e quant'altro), è un sintomo di trauma nella persona che racconta....
    certo, è un peccato che non si rendano conto che detto a uno specialista potrebbe trovare un esito ma raccontato a chiunque può a sua volta traumatizzare... l'ascoltatore!!

    RispondiElimina
  5. Molte persone amano raccontare le loro disgrazie, di qualunque genere, per essere "compatite", e ricevere attenzioni. Soprattutto quando la ferita non è così profonda come la perdita di un figlio.
    Per fortuna a me è capitato solo una volta, con la storia della feto-trasfusione, e mi ha davvero spaventata a morte.

    RispondiElimina
  6. In merito ai racconti sul parto, io ho fatto il cesareo e ti dirò che se mi capita racconto a destra e a manca di quanto sia stata positiva e assolutamente NON traumatica la mia esperienza! :)
    Da una mia cara amica mi sono sentita dire: "se vi racconto come è andata, decidete di non fare figli". Per carità, non metto in discussione il dolore altrui ma piuttosto che infondere ansia, io me ne starei zitta.

    RispondiElimina
  7. Se c'è una cosa che ho imparato durante la mia gravidanza (in senso lato, lo so che un uomo non può essere gravido, su non siate fiscali) è che la casistica è infinita.

    Apparentemente non è solo un problema femminile...ho sentito cose raccontate dai compagni delle amiche della mia donna che voi non potete neanche immaginare, ma soprattutto che non dicono mai un cazzo di interessante su loro stessi e, appena la tua donna è incinta, ti raccontano tutti i particolari della loro esperienza.

    Per me il motivo è che il parto, e la gravidanza, sono esperienze altamente traumatiche per tutti coloro che ne sono coinvolti (non solo in senso negativo...) e chi ne ha avuto esperienza si sente legittimato a scaricare le sue tensioni su chi ha condiviso, o sta condividendo, la stessa situazione proprio perchè esorcizza le paure che ha vissuto condividendole...magari sbaglio.

    Comunque non ho mai capito perchè alle elementari io ti facevo il filo e tu non mi cagavi :-)

    ciao!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

FELICE GIORNO DELLA NASCITA

E' arrivato il 15 Novembre e tu non sei qui con me.
E' il primo compleanno da quando sei nata che passiamo lontane.
Hai compiuto gli anni ed io e i tuoi fratelli ti abbiamo cantato una sguaiata canzoncina tramite whatsup.
Hai compiuto gli anni ed io non ho potuto darti un bacio e darti un regalo.
Quest'anno, come non mai, il tuo compleanno è felice giorno della nascita...già perché non si nasce solo quando si viene al mondo, ma si nasce un sacco di volte nel corso della vita.
Tu sei nata a te stessa e al mondo e hai deciso di partire alla ricerca della tua missione.
Tu sei nata ai tuoi progetti e ai tuoi sogni e hai deciso di corrergli incontro.
Il tuo compleanno è ora, perché non c'è modo migliore di festeggiare il nostro venire al mondo che celebrarla la vita!
Tu nell'ultimo periodo hai celebrato ogni giorno e hai sparso in giro le tue gocce di serenità e gioia ed io le ho viste nello sguardo di chi ti ha incrociato.
Il giorno della tua nascita...io c'ero e s…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…