Passa ai contenuti principali

SANTA LUCIA

Stasera è la più magica delle Notti......arriva Santa Lucia.
In questa lunga notte, i bambini vanno a dormire presto e fanno sempre sogni un po' agitati.
Io da piccola mi giravo e rigiravo e allungavo le orecchie per sentire lo scampanellio dell'asino di Santa Lucia.....e vi assicuro che ogni anno lo sentivo e allora chiudevo forti gli occhi......"lo sai che se Santa Lucia vede che sei sveglia...ti butta la cenere negli occhi e diventi cieca!!"".

Al mattino mi alzavo di gran lena e correvo a cercare i regali...già perché Santa Lucia ogni anno cambiava posto.... ricordo che un anno la mia sorellina non li aveva trovati nei soliti posti (tavolo della cucina, sul letto in cameretta) e si mise a piangere.....per poi scoppiare a ridere trovando il divano pieno di doni e caramelle.

Il rito vuole che la notte di Santa Lucia si lasci il fieno e l'acqua per l'asinello, latte e biscotti per la Santa.......

Quanti ricordi .........e che belle emozioni ricche di magia e amore....l'amore di chi con cura prepara i regali, i dolciumi e li mette in posti diversi....e la mattina corre con te a vedere dove sono.....la dolcezza di una colazione tutti insieme e con il tavolo pieno di doni.

Quindi adesso i nani dormono e la Santa, appena la grande andrà a letto, porterà doni e caramelle....per quest'anno niente letterina da imbucare, ma dall'anno prossimo....la faremo!!!!
Io non adoro molto il Natale e le festività comandate, ma la notte di Santa Lucia.....quella è magica ed io adoro pensare che per la nostra famiglia lo sarà per sempre.....una piccola tradizione ricca di antichi ricordi.
Non vedo l'ora di vedere la faccia dei nani quando troveranno i loro i doni......anche per Morgana arriverà la Santa Lucia.....ma per lei.....la magia ora è piccola, piccola......ma io voglio che sia una sorpresa per tutti lo stesso!!!

La mia Santa Lucia è arrivata grazie allo scambio di natale da Verona ed eccola qui...

Buona notte magica!!!! e grazie ancora ad Elisa!!!!

Commenti

  1. E' magica come l'hai descritta, questa notte... Io vengo da un'infanzia milanese e quindi Santa Lucia non sapevo nemmeno cosa fosse, se non per le bancarelle a Mantova, città di mia mamma. A Milano a parte il Natale è molto sentita l'epifania.
    Ma qui a Bg mi sono dovuta adeguare con i pargoli, inventandomi modalità che non conoscevo.. lasciando piccoli pensieri in posti improbabili, segnalati da brillantini azzurri sul pavimento e candele accese la mattina. Anche adesso che sono ormai grandicelli non vogliono rinunciare... e allora tra poco dovrò darmi da fare anch'io ;)
    Un bacione a tutta la family

    RispondiElimina
  2. Bellisima questa usanza... Nella mia famiglia non si usa, peccato... Ma quando avrò dei bimbi anche io (speriamo molto presto) di sicurò inizierò!!! Baci!

    RispondiElimina
  3. Ciao, passo da qui per ringraziarti del commento e per conoscerti meglio.
    Non so di dove sei tu, io sono bolognese di nascita e per noi Santa Lucia è la Santa per eccellenza, è il patrono della città e proprio in questo giorno la tradizione vuole che le persone addobbino l'albero di Natale, oltre alla ricorrenza della "notte più lunga che ci sia".
    Anche per me questa nottata/giornata significa molto e spero di tramandare la tradizione ed i ricordi a mio figlio quando crescerà (per ora deve ancora nascere, ma io guardo già avanti, ihihih)!
    Ora vado ad inserirti tra i blog che leggo, torna a trovarmi quando vuoi, buona domenica!!

    RispondiElimina
  4. la notte più bella dell'anno per i bambini, no? Che bella!!!

    RispondiElimina
  5. I tuoi bimbi sono meravigliosi!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…