Passa ai contenuti principali

IL RITORNO.......


Quando la montagna non ne vuole proprio sapere di andare da Maometto...allora Maometto si attiva .....
Era da un po' che volevo ricominciare ad usare i pannolini lavabili per i nani....abbandonati perchè d'inverno non asciugano.....ma visto che qui la primavera ancora non arriva tardavo nella mia decisione....
Bene...Giovedì sera Sebastiano ha avuto un po' di dissenteria...e non si sa se la cacca era acida...o il pannolone glielo abbiamo lasciato per molto: RISULTATO=CULETTO ROSSO FUOCO.
Bene.....ho tolto dalla scatola i cari vecchi pannolini lavabili e abbiamo ricominciato....con qulache dissensi di papone.
In questi giorni hanno tutte e due la dissenteria...così ne sto cambiando molti...e non mancano gli incidenti di percorso...ovvero qualche fuoriuscita...ma non mi dò per vinta.
Tra l'altro la settimana dal 24 aprile al 2 Maggio è quella del pannolino lavabile...e ci sono molte iniziative in giro per l'Italia ....ed una in un Comune vicino al mio...e non mancherò.
Certo a chi dice che non sono comodi, che danno lavoro in più, che irritano di più degli altri e che è tanto sbattimento rispondo: ci sono modelli fichissimi...uguali ai pannolini tradizionali...anzi più stilosi, una lavatrice in confronto ad una montagna di rifiuti....va bhè fatico 5 minuti,sono naturali e non contengono sostanze dannose per i nostri bebè.
Con i pannolini lavabili i bimbi imparano prima il controllo sfinterico......certo un po' di sforzo la mamma ce lo mette...ma è tutto di guadagnato poi.
Io adesso ci riprovo e poi vi farò sapere.
Intanto un risultato l'ho ottenuto...il culetto è in via di guarigione!!!
PS: le sante educatrici del nido, Venerdì hanno tenuto Seb. tutto il giorno senza pannolino...per via della brutta irritazione....STANDING OVATION!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commenti

  1. Non sai quanto mi sarebbe piaciuto usare i pannolini lavabili. Prima non ne conoscevo l'esistenza (sapevo di quelli di stoffa che usava mia mamma), ora è un pò tardino per acquistarli, conto di spannolinarle tra un mesetto circa. Comunque ci penserò per il prossimo figlio, ammesso che io decida di averne un altro.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…