Passa ai contenuti principali

periodo nero blu


Dopo la mini vacanza siamo caduti dentro il periodo nero -blu ovvero LA FESTA DELLA DEA Ovvero evento che mi ha portato via papone da giovedì sera scorso a domani...ovvero esce la mattina per andare al lavoro e torna a notte fonda.
Non che il papone sia sfegatato atalantino, ma va a fare le pizze----che nelle famiglie numerose i soldi in più sono una benedizione....certo mi spiace che in questo periodo chi sta lavorando in più è sempre lui...ma magari tra un po' anche io contribuirò....
Passiamo alla gestione dei nani con 40 gradi all'ombra:
- Giovedì la giornata non era torrida, quindi pomeriggio al parco e poi a casa tra una doccia e un frutto siamo arrivati alla nanna.
- Venerdì in quattro e quattr'otto, come solo le donne sanno fare, abbiamo organizzato una cena tra amiche solo con figli....e amica con figlio ancora in grembo....è stato divertente vederli giocare in giro in per casa mentre noi chiacchieravamo.....sono una tribù che va dai 12 anni di Morgana ai 20 mesi dei gemelli.....bella serata e i nani si sono addormentati in macchina.
- Sabato...caldo....quindi siamo andati in montagna a trovare la nonna - bis dei gioielli ovvero la mia nonnina....Martina era un po' lunatica e mi è stata appiccicata come cozza per tutto il tempo....Seba è caduto un po' di volte...il caldo è stato torrido, ma con i nonni i bimbi si divertono sempre....risultato secchi in macchina alle 21.00
- Domenica giro in bici con papone e poi pranzo con gli amici e bimbetto.....bagnetto nella piscina gonfiabile in giardino e poi aperitivo per inaugurare la casa di amici....tanti bimbi, molto caldo...ma tutto bene...addormentamento in macchina alle 21.30
Lunedì....caldo torrido....la mission impossible era andare da papone alla festa, Martina non era in forma quindi giochi d'acqua in doccia...un bel riso in bianco con carote(Per la legge della privacy non dirò il malessere di Martina...ma visto il menù!!!)...addormentamento nel forno ore 22.00 dopo un ora e un po' di arrabbiature della mamma...
- Domani ultima sera.....e sarò solissima...nemmeno Morgana ci sarà......speriamo bene!!!!
Quanto è difficile gestire due nani accaldati e tentare di cucinare, sparecchiare, sistemare, lavarli.......quanto sono brave le mamme gemellari che gestiscono tutto ciò senza un marito...perchè lavora fino a tardi!!!!.....

Commenti

  1. lo capisco, con questo caldo è micidiale trovare qualcosa di giusto da fare, io torno a casa la sera e alle 17.00 mio marito va a prendere i bimbi a scuola (frequentano ultimo anno asilo nido). Poi in attesa del mio arrivo si fa quel che si può..ogni tanto mio marito la sera va in palestra e allora sono tutta sola soletta, ma dai che le mamme gemellari ce l'hanno nel DNA altrimenti come saprebbero cavarsela,,,,poi piano piano che crescono va meglio...dicono...bè lo speriamo o no?

    RispondiElimina
  2. Sì, ma non oltre a bravura è senso di sopravvivenza...con il caldo i bambini diventano ancora più ingestibili: domenica sera non ne voevano sapere di stare nel lettino e schiantavano dal caldo, anche se noi abitiamo in collina, il caldo si sente e il mio limite di pazienza e sopportazione ne risente a bestia! Peccato per le ferie, noi torniamo là ad agosto...:-( e sarà un macello!

    RispondiElimina
  3. si lo so il caldo è un macello. ho scritto un post appunto dove mi hanno fatto impazzire perchè stranulati. Speriamo ad agosto in un caldo meno afoso... comunque meglio in vacanza che al lavoro te lo garantisco anche se a volte quando ti fanno impazzire pensi: ma qualche ora di relax in ufficio...bè il caldo ci fa impazzire sia nel primo che nel secondo caso. ciao ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…