Passa ai contenuti principali

L'ADORAZIONE......

- ADORAZIONE DEI MAGI DI GIOTTO-


I gioielli dall'età di 6 mesi sono stati abituati da papone e dalla sottoscritta a fare almeno la pupù nel WC.
Avevo letto un libro sull'argomento e poi smacchiare a mano pannolini sporchi di c....a non è così divertente così ho deciso di attivarmi.
Ovviamente questo ha sempre comportato corse veloci sul wc quando sulla faccia di uno dei bimbi compariva il segno di "Spingo per fare la cacca"....tante volte andava bene, altre volte era già nel pannolino e altre ancora era un falso allarme.
La mia idea era quella di abituarli a riconoscere lo stimolo e di poter fargli fare la cacca, senza per forza sentirla addosso finché un adulto passandogli accanto non sentisse l'odorino.
La famiglia gioielli ha quindi iniziato a girare con in macchina il mitico riduttore e ne ha donato uno anche ai nonni...così da permettere ai bimbi di continuare l'esperienza anche quando non erano a casa.
Quest'estate nell'ultima mini vacanza al mare è successo un fatto:
mentre Martina era sul wc, il riduttore si è inclinato e la bimba è scivolata un pochino nel wc.
Questo unico episodio ha portato Martina ad un rifiuto categorico verso il bagno e a nascondersi quando doveva fare la cacca....uscendo dopo poco con aria soddisfatta e dicendo "Cacca!".
Al momento abbiamo deciso di non dare peso alla cosa e di non imporci...tutte le volte che le veniva cambiato il pannolino, si chiedeva se voleva andare sul wc, alla sua risposta negativa, le mettevamo direttamente il pannolino.
Una volta arrivati a casa abbiamo deciso di rimetterla sul wc senza chiedere, e dopo le prime volte dove un po' si è opposta, ora Martina ha ricominciato ad usare il riduttore.....MA
La bimbetta quando è in bagno vuole leggere un libro e mentre prima la lasciavo sola ed io ne approfittavo per fare altro...ora lei dice "Mamma duta:=(seduta)" ed io devo passare dai 10 ai 15 minuti davanti a lei a fissarla mentre fa la cacca.....neanche nel Giotto si è vista tanta adorazione....
Io non posso alzarmi e allontanarmi per più di 5 secondi, se no lei mi chiama a squarciagola intimandomi di sedermi oppure scende da sola dalla tazza e corre nuda per la casa...con il rischio di trovarmi il pavimento ricoperto di.............................ci siamo capiti.
Ora moltiplicate il tempo per le 4/5 volte in cui la metto durante il giorno quando non va al nido e ditemi :"Può una mamma con il tempo sempre risicato passare quasi un 'ora al giorno davanti ad una bimbetta e incitarla a fare la cacca????!!"
Avete consigli su come potrei impiegare quel tempo in modo utile...a parte pulire bidet e affini cosa che già faccio durante i primi 15 minuti della giornata????!!!
Avete consigli per poter uscire da questo tunnel di adorazione per la bimba caccante???

Commenti

  1. Purtroppo non ti posso aiutare, ma ti posso dare la mia esperienza, che è stata pure peggiore: la mia quando abbiamo eliminato il pannolino (a quasi tre anni) la cacca ha smesso di farla. Smesso proprio, che ho dovuto farle la peretta di glicerina. Da allora fino alla scorsa settimana per la cacca ha sempre voluto il pannolino. La pediatra mi ha detto di non incaponirmi, perchè l'importante era che la facesse (che pure è stitica, già al normale la fa ogni 2 giorni che non è proprio il massimo). Questo nonostante per la pipì usasse il wc tranquillamente da sola.
    Ora siamo riuscite a farle fare anche al cacca nel water, però dobbiamo metterle davanti un tavolino con su il trenino o il lego o qualche altro gioco, e il Traspamarito deve stare li con lei fino al momento della "produzione" (quando lo caccia perchè vuole stare da sola)
    Coraggio, porta pazienza!!

    RispondiElimina
  2. la mia Despota ha preso a fare le parole crociate sul water e va ch eè una meraviglia!!!naturalmente non sa scrivere ma si dievrte un sacco!!e io posso fare altro;-) complimenti per il tuo blog mi piace tanto...pe rquetso ti hp segnalato per il premio Dardos!!guarda qui per sapere cos'è!!!

    http://mom-andthecity.blogspot.com/2010/09/tanti-auguri-te.html

    ciao...tieni duro!!!

    mom

    RispondiElimina
  3. ancora sono lontana dalla fase spannolinamento, ma solo per quello che avete fatto a partire dai 6 mesi, siete da NOBEL...

    RispondiElimina
  4. non ho consigli da darti...però immaginarti adorante (scusa è) ma mi ha fatto scappare un sorriso! Ma che ci tocca fare a noi mamme ;-)

    RispondiElimina
  5. Come impiegare questo tempo in modo utile? è dura, soprattutto se deve essere utile per te! Posso però dirti di inventare qualche storiella sulla cacca per tranquillizzare la bambina, storie del tipo che la cacca una volta liberata va al mare e incontra tanti pesciolini etc... oppure parlare delle cacche degli animali, a pallini a striscioline, piccole e grandi, insomma farla divertire. Con alcuni bimbi funziona e magari la questione si velocizza! Se posso vorrei dirti di non metterle fretta...sai quanto sono str...etti i bimbi qualche volta!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…