Passa ai contenuti principali

LEGGERO

Giovedì sera, una serata con le amiche.
Ci troviamo in un bar e prima di entrare già un po' di disagio mi entrava nelle ossa.
Noi quattro donne ci sediamo al tavolo, ma ci sono persone sparse ovunque...al bancone, sedute, giocano a calcio balilla, sono seduti fuori in giardino...
Mi alzo per ordinare da bere e al bancone il barista è un ragazzo che ho conosciuto 3 anni , quando lavoravo come educatrice all'oratorio.
Torniamo a sederci e alle nostre chiacchiere frivole tra donne...vediamo arrivare il fratello minore di un nostro amico e la sorella minore di un'altra nostra amica.
La amica in ritardo arriva, ci mettiamo le giacche e usciamo per una sigaretta e il ragazzo al bancone dice "Grazie e alla prossima!!" Erano le 22.10... e noi "Usciamo a fumare...non fate sparire le birre!"
I discorsi si fanno più seri e intanto la musica nel locale si alza....su canzoni che non ho mai sentito e i ragazzi continuano ad entrare...facce note, con le quali ho lavorato anni .....
Noi "pische" abbiamo passato una bella serata....non scanzonata, ma bella.....
Nel viaggio di ritorno in macchina, immersa nella mia solitudine....ho sentito la mia età....non il peso degli anni, ma la consapevolezza di avere più di 30 anni e di come questo modifica le serate, le scelte.
La vita da ragazza, avendo avuto una bimba a 22 anni, un po' l'ho persa ....ma ricordo le uscite prima della sua nascita, il dormire in giro, il fare tardi e il divertirsi con niente
....ora è ancora così....ma è la testa che non ha più quella leggerezza....certo ai concertoni vado lo stesso, a ballare anche ....con una frequenza ridotta ovviamente....ma poi quando il momento finisce o a volte anche durante sento che la mia testa, la mia persona sta già riflettendo su altro....chi non ricorda l'euforia dei diciott'anni per un concertone o una festa...quella euforia e leggerezza che ti sta appiccicata settimane prima e dopo!!!!
Forse crescere e mettere su famiglia....vuol dire anche guadagnare quel po' di serietà e presenza a se stessi.....o forse sono solo piccole paranoie mie....però quella leggerezza e quel cuor contento un po' mi manca.

Commenti

  1. Sapessi quanto me a me quella leggerezza che una volta era la protagonista della mia vita. Purtroppo si cambia, cambiano le esigenze, cambiamo un pò anche noi, eppure siapo poco più che trentenni. Ma guardando l'altro lato della medaglia, ci ritroviamo mamme e mogli, abbiamo dei figli meravigliosi che in un certo senso colmano quel vuoto del tempo che fu.....
    Passa la gioventù.... baci

    RispondiElimina
  2. Sì, da quando sono nati i gemelli, la testa è cambiata ma la mia vera natura no...lo vedo anche nel modo che ho di comportarmi con loro, ma - ti dico la verità - ogni tanto ripenso a quella che ero "prima", mi mancano le serate con le amiche, l'andare a giro etc... ma non è vero quello che dice ele "ci ritroviamo mamme e mogli, abbiamo dei figli meravigliosi che in un certo senso colmano quel vuoto del tempo che fu....."
    baciiiiiii

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…