Passa ai contenuti principali

SULLE LUNGHE CODE D'ATTESA

Oggi è stato il primo giorno di terza media della grande....un giorno ricco di sogni...un giorno che segna l'inizio dell'ultimo percorso...verso la scuola superiore....lei è già molto proiettata là....verso il futuro che tra poco dovrà affrontare.
Io ricordo l'inizio della terza media e il grande fervore per ciò che sarebbe successo l'anno dopo e la preoccupazione per gli esami.
L'altra cose che ricordo è l'ebbrezza che accompagnava ogni inizio anno scolastico...ovvero lo Shopping scolastico: liste piene di quaderni quadretti 4 mm, di squadre, compassi, gomme e l'ebbrezza nella scelta del diario e delle penne.....
Oggi sono andata con la grande a comprare le cose per la scuola e mi sono detta "I tempi cambiano....non vedo l'ora di uscire da qui".
Il supermercato era pieno di madri isteriche che giravano con liste e tentavano a spintoni di recuperare lo stretto necessario.
C'erano bimbi che piangevano perché volevano che la mamma gli comprasse proprio quello zaino o quel quaderno.
C'erano padri annoiati che oziavano attaccati al carrello nell'attesa che figli e mogli lo riempissero di cose....
Io ero nella categoria "Prendiamo in fretta ciò che serve e usciamo da qui."
Morgana è stata veloce e brava nell'ascoltare i miei consigli su alcuni acquisti...e poi abbiamo atteso solo mezz'ora alla cassa....
Per la prossima volta devo ricordare che il primo giorno di scuola non bisogna andare a fare shopping!!!!
Ma oggi la giornata aveva già dato alcuni segnali rispetto al tempismo e alla fortuna.
Stamattina aprivano le iscrizioni in piscina ed io alle 9,30 sono andata per iscrivere me al corso di acquagym....dove spero di annegare i miei 5 kili di troppo, Morgana al corso di nuoto...che uno sport bisogna farlo e i nani al corso di acquaticità.....per farli divertire.
Dopo 45 minuti di attesa e ancora circa 50 persone prima di me, decido di andare a lavorare per un po' e di tornare dopo 1 ora, ma al mio ritorno...la fila non era del tutto esaurita....quindi dopo 30 minuti sono riuscita a parlare con l'addetta.
Risultato io ho il mio corso, Morgana la sua tessera, ma per i nani niente da fare...tutto esaurito...solo una lista d'attesa lunga.....
Ma se io avessi dovuto iscrivere solo i bimbi e farmi ben 3 ore di attesa per sentirmi dire"Non c'è più posto" penso che mi sarei arrabbiata non poco.
Nonostante l'abitudine e l'età....non mi rassegno alle lunghe code d'attesa......

Commenti

  1. uao che giornata stressante...anche io avevo pensato al corso per i twins...e acquagym per me...devo andare ad informarmi...chissà se anche io non troverò + posto.... quest'anno (ancora per poco) ho deciso io gli acquisti per l'occorrente di scuola (infanzia) e ho evitato le marche...tranne per le tovagliette...una con disegno principesse..l'altro le macchine cars...ma temo che già il prossimo anno dovrò scegliere tra ben10 e winx....

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…