Passa ai contenuti principali

BRICIOLE DI UNA GIORNATA...CCIA!!

Metti una settimana intensa con risvegli mattutini per esigenze di lavoro.
Metti che papone stamattina doveva uscire prima lui e tu prepara, vesti, metti le scarpe ai nani e convincili a scendere le scale ed entrare nel passeggino.
Metti che Sebastiano fa i capricci e come suo solito si trasforma in mulo cadente...ovvero si getta all'indietro ovunque sia...metti che tenti di forza a metterlo nel passeggino e lui senti che piange per un dolore, ma lo guardi e non vedi dove.
A metà strada mentre passeggi velocemente verso l'asilo, lui si gira ed è una maschera di sangue....tu ti senti svenire, ma ti riprendi e corri verso l'asilo....dici alla maestra di recuperarti Martina perché c'è un' emergenza....sciacqui il nano e vedi che non è niente di grave...si è tagliato un po' il filetto del labbro.
Dopo mezz'ora e le rassicurazioni della maestra vai al lavoro, con il cuore gonfio di sensi di colpa...che alla mattina hai fretta e forzi un po' la mano ai loro tempi.
alle 10.30 sul cellulare compare il nome NIDO e tu dici "Ok giornataccia".
Corsa dalla pediatra, pranzo veloce e trepidante attesa di papone che si sacrifica e sta a casa con il bimbo perché tu hai 2 riunioni importanti.
Bene dopo tutto questo tornati a casa ho deciso pure di fare dei biscotti per i nani...io sublimo così i sensi di colpa.

RICETTA BISCOTTI contro le giornataccie:
-200 gr di farina tipo 0
-200 gr zucchero di canna
-200 gr burro
-mezza bustina di cremor tartaro (Lievito)
- 2 uova
- Cornflakes (io ho usato fiocchi d'orzo).

Sciogliere il burro nel micro o continuando a lavorarlo con delle fruste.
Aggiungere lo zucchero e farlo diventare una cremina.
Aggiungere 2 uova e continuare a mescolare con la frusta.
Mettere la farina e lo lievito. Dopo averli ben incorporati, versare i cereali in un piattino e mettere un cucchiaino della pasta, che risulta come una crema, nel piatto dei cereali.
Formare delle polpettine e schiacciarle un po', adagiandole sulla placca del forno, ricoperta dalla carta forno.
Infornare per circa 5 minuti in un forno caldo a 180°.

Domani mattina tenteremo di sconfiggere le giornattaccie inzuppando questi biscotti nel latte......
e delle giornataccia ne resteranno solo briciole!!!

Commenti

  1. che dire... scrivo la ricetta e la attacco al frigo che le evenienze con i gemelli in fase di dentizione si sprecano!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…