Passa ai contenuti principali

DITEMI CHE PASSERA'!

Cene da incubo...con uno dei nani sempre in piedi, che vuole venire in braccio o che non vuole mangiare e scaraventa ogni oggetto per terra....DITEMI CHE PASSERA'
Botte da orbi ed interminabili corse e tira e molla per un oggetto del desiderio....DITEMI CHE PASSERA'!
Quando li metti a letto iniziano a gridare da un lettino all'altro...scavalcano le sbarre e si infilano sotto il letto o nel letto dell'altro...tempo di addormentamento anche 1 ora.....DITEMI CHE PASSERA'!
Martina ha tolto il pannolino, ma se sgridata o ignorata fa la pipì ovunque si trovi.....DITEMI CHE PASSERA'!
Si alzano la mattina con interminabili domande, quando tu hai ancora le ciglia appiccicate agli occhi ed hai bisogno della tua dose di caffeina mattuitina....non mollano finchè non rispondi e i perchè possono durare anche 20 minuti.....DITEMI CHE PASSERA'!
Al parco fanno i giochi più pericolosi e mai tutte e due nello stesso posto! DITEMI CHE PASSERA'!
I miei nervi si vedono a fior di pelle e tante volte la pazienza esce da casa mia sbattendo la porta. DITEMI CHE PASSERA'!
A volte la notte si riesce a dormire giusto due ore di fila prima di entrare nel tunnel: "Male bancia"...."Papà Luca".... "Acqua"......DITEMI CHE PASSERA'!
Come potete vedere il periodo non è dei migliori.....PASSERA'?

Posto comunque una buonissima ricetta per dei muffins buoni, buoni.....

MUFFINS AL COCCO
150 GR FARINA TIPO 2
80 GR FARINA DI COCCO
50 GR BURRO
70 GR ZUCCHERO
150 ML DI LATTE
MEZZA BUSTINA DI CREMOR TARTARO
1 UOVO

MESCOLARE FARINA, FARINA DI COCCO E LIEVITO.
SCIOGLIERE IL BURRO E MESCOLARLO CON LO ZUCCHERO FINO A RAGGIUNGERE UN COMPOSTO OMOGENEO, AGGIUNGERE L'UOVO E MESCOLARE.
UNIRE IL COMPOSTO OTTENUTO A QUELLO DELLE FARINE, MESCOLANDO PER AMALGAMARE IL TUTTO E AGGIUNGERE IN FINE IL LATTE.
VERSARE UN CUCCHIAIO DI COMPOSTO NEGLI STAMPINI DA MUFFINS (IO HO LA TEGLIA DA 12 E ME NE SONO USCITI 8)...COSPARGERE LA SUPERFICIE DEL MUFFINS CON FARINA DI COCCO.
INFORNARE A 180° GRADI PER 20 MINUTI CIRCA.
PER CHI VOLESSE UNA VOLTA COTTI, SI POSSONO APRIRE A META' E METTERCI LA NUTELLA.....NOI SIAMO STATI SUL LIGHT!

La cucina sta diventando il mio tranquillante naturale......

Commenti

  1. non so dirti se passerà, se è così mi avvisi?????
    scherzo.... dai, passa per forza!!!! Coraggio!!
    giuppy

    RispondiElimina
  2. Aiuto!!!!!ma sono sempre stati monellini o hanno iniziato dopo!!!!!le mie pupazzole hanno quasi un anno e mezzo e finora sono stra-brave.......ditemi che resteranno cosi'!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. ditelo anche a me...PASSERA'????

    I miei han quasi due anni e le mie giornate son tipo le tue .... e non trovo nessuno sfogo... la cucina per me è tabu' ..son troppo stanca per cucinare ..mi resta solo il sonno ...ma di dormire non se ne parla ....

    ma si, passerà .... deve passare ....

    RispondiElimina
  4. aiuto! i tuoi nani hanno 8 mesi in più dei miei, ma siamo sulla strada giusta per raggiungere le stesse vette di adrenalina...deve passare in frettissima!!! :-)

    RispondiElimina
  5. e che ti dico? siamo messe uguali, un abbraccio solidale

    RispondiElimina
  6. che bello scenario futuro che mi state prospettando.......

    RispondiElimina
  7. Io ti dico: speriamo. intanto mi copio la tua ricetta che l'ultima che hai dato era speciale.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…