Passa ai contenuti principali

IL LIBRO

Passano le settimane, i mesi. In alcuni casi
la donna ha una bella rete di protezione
familiare intorno. Un lavoro che la può
attendere senza troppe pressioni,
e lei può decidere con serenità se rientrare
o prolungare l’assenza fino a che un asilo nido
o una nonna o una tata la possano
egregiamente sostituire. Il compagno non
solo la sostiene nelle sue decisioni, ma ha
già anche ordinato l’ultimo modello di
macchina station wagon (quella su cui sale
anche il cane che non perde un pelo) che
pagherà in contanti. Lei ogni tanto lascia
volentieri il bambino a qualcuno che se ne
occupa altrettanto volentieri ed esce con
le amiche: un abito nuovo, un film,
una mostra, una passeggiata nel verde.
Fantascienza.


LA SOLITUDINE DELLE MADRI
Dopo i primi mesi di vita dei gemelli, ancora avvolta in quella bolla, dove i tempi son lenti e dilatati e dove ti perdi nelle piccole cose e vivi quelle più profonde ...ho conosciuto Il Libro....
Questo libro mi ha permesso di rileggermi, di perdonarmi, di capirmi e di capire.
Il libro l'ho ritrovato in casa di una mia cara amica e l'ho letto e riletto...senza probabilmente averlo capito tutto....sempre che si possa capirlo mai....
Pochi mesi ho visto che nella scuola di Drammaterapia c'era un seminario tenuto dalla scrittrice del libro e così mi sono iscritta.
Oggi ho avuto il privilegio di conoscere e lavorare con la donna che coraggiosamente ha aggiunto le ombre nel periodo più pieno di luce che una donna vive:la gravidanza e la maternità.
Devo dire che ero molto curiosa di vedere la faccia e sentire la voce di questa donna e curiosa di vedere cosa avrei fatto e come sarei stata.
Sto vivendo un periodo molto pieno di fermento e movimento....la ado è nel suo periodo esplosivo sia di ormoni che di vita e i gemelli hanno l'argento vivo adosso.....io lì in mezzo a volte mi sento galleggiare e a volte affogare.
Il periodo mi sollecitava molte riflessioni sul taglio del cordone, sulla mamma bella e buona, su di me e come La donna che sono sta lì dentro.....
Oggi ho avuto la possibilità di ritagliarmi il giusto tempo per fermarmi e lasciar parlare la pancia...lasciar andare il colore ....ascoltare altre donne e ascoltare le ombre che lei dipingeva e lì...lì in mezzo ....ho capito che tutto ciò che ho fatto andava bene e che tutto ciò che farò con i miei figli andrà bene.
Nessuno ha la verità in tasca, nessuno sa cosa va bene e cosa no.....io faccio e cerco di essere una mamma sufficientemente buona .....questo mi basta.
Vorrei ringraziare Marilde per il suo libro e la giornata e tutte le donne che hanno condiviso con me questa giornata!

Commenti

  1. che bello sentirsi che tutto va bene!!!
    buona settimana :)

    RispondiElimina
  2. ...assolutamente consolante .....

    RispondiElimina
  3. ho letto qualche estratto sul blog dell'autrice, ma non ho ancora avuto modo di leggere tutto il libro che mi incuriosisce. Già leggere questo tuo post fa sentirsi bene, di sicuro il seminario ha portato riflessioni positive.

    RispondiElimina
  4. Ma grazie a te Diana! Per queste parole e per esserci stata ieri. E' stata una giornata molto intensa e mi ha fatto davvero tanto piacere conoscerti di persona.

    RispondiElimina
  5. http://www.ilthedellecinque.it/2012/01/la-solitudine-di-una-neo-mamma.html anche io ho avuto un periodo in cui provavo sentimenti negativi...ma mi sono aperta e ho fatto questo post. Da questo post sono venuta a conoscenza del libro e del fatto che non sono l'unica a provare certi sentimenti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…