Passa ai contenuti principali

OGNUNO HA LE SUE STRANEZZE

In questo periodo in casa ognuno ha e fa le sue stranezze e spesso ci si scompiscia dalle risate ad osservarle.
MARTINA:
Il suo nuovo passatempo preferito è togliersi i calzini e pulirsi in mezzo alle dita dei piedi...questo passatempo dura anche 10/15 minuti.
Al parco sceglie sempre i giochi più spericolanti o da grandi e si lancia in acrobazie ed arrampicate...non teme nulla.
E' un periodo che è estremamente isterica ed anche un po' acida....spero non siano già gli ormoni.
E' molto attenta al suo look ed è estremamente femminile....smalto forever e accessori rosa.
Ha un istinto materno molto spiccato ma solo con i suoi bambolotti, ogni bimbo piccolo che io guardo e prendo in braccio è....come dice lei "Beh!!!"

SEBASTIANO:
La sua canzone preferita è "Niente Paura" di Ligabue e chiede di sentirla anche 5/6 volte di fila.
Di notte si infila nel letto di sua sorella e la abbraccia e poi viene spostato e rimesso nel suo letto.
Ha una passione smodata per il seno, sia mio che quello che vede in giro: ieri in un parco si stava schiantando in bici per guardare una donna in topless.
E' diventando un vero canterino ed inventa canzoni con un accozzaglia di parole a caso.
Ha tolto il pannolino ma fa la pipì rigorosamente in piedi e spesso sulle mia mani....urinoterapia??
Adora il colore blu e se potesse vorrebbe cibarsi, vestirsi solo di quel colore....("Seba che lavoro vuoi fare da grande?""Blu").

MORGANA:
Si piastra i capelli più volte al giorno...anche se a me sembra sempre uguale.
Al mattino deve svegliarsi alle 7.00 per poter uscire 15 minuti prima truccata e piastrata e pronta per un nuovo giorno di scuola...se si tarda a svegliarla.....TTRRAAAGGEEDDIA...nonostante riesca a fare le stesse cose anche in mezz'ora.
Si sta preoccupando degli esami di terza media e ogni giorno dice "Ho paura".....speriamo finiscano presto.
Riesce a prendere in una verifica 8,8,6 ovviamente nella stessa materia.....MISTERO.
Si diverte a stuzzicare suo fratello e farlo arrabbiare chiamandolo con nomi strani....poi lui la insegue e la picchia.

La fatica non è passata siamo sempre in mezzo ai terrible two e all'adolescenza...ma è tanto divertente vedere come crescono, le cose che imparano, i discorsi che si possono fare, farsi stupire dalle loro parole e nuove abilità e vederli tutti e tre stravaccati sul divano a guardarsi un cartone, mentre si fanno le coccole.
Grazie a giorni così...resisto nella tempesta!

Commenti

  1. che bella immagine....quando aleggia il sereno...
    l'adolescenza.....che periodo!!!!
    non tornerei a quei tempi per niente se non per l'inconsapevole spensieratezza!!!!

    RispondiElimina
  2. E si proprio una bella tempesta la vostra :D ... a me basta la fase dei terrible two ...credo che una fase adolescenziale mi stroncherebbe....

    Tutto esilarante ma ho cominciato a straridere sul paragrafo di Sebastiano!!!

    ..e poi l'immagine di tutti e tre sul divano è imperdibile :-)

    RispondiElimina
  3. che belli che siete! Dimmi quando si inizia a sopravvivere con i terrible two? Nel senso, quando sarà possibile andare ai giardini senza dover continuamente rincorrere l'uno e stare attenta che l'altro si sta per schiantare dallo scivolo....??

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

FELICE GIORNO DELLA NASCITA

E' arrivato il 15 Novembre e tu non sei qui con me.
E' il primo compleanno da quando sei nata che passiamo lontane.
Hai compiuto gli anni ed io e i tuoi fratelli ti abbiamo cantato una sguaiata canzoncina tramite whatsup.
Hai compiuto gli anni ed io non ho potuto darti un bacio e darti un regalo.
Quest'anno, come non mai, il tuo compleanno è felice giorno della nascita...già perché non si nasce solo quando si viene al mondo, ma si nasce un sacco di volte nel corso della vita.
Tu sei nata a te stessa e al mondo e hai deciso di partire alla ricerca della tua missione.
Tu sei nata ai tuoi progetti e ai tuoi sogni e hai deciso di corrergli incontro.
Il tuo compleanno è ora, perché non c'è modo migliore di festeggiare il nostro venire al mondo che celebrarla la vita!
Tu nell'ultimo periodo hai celebrato ogni giorno e hai sparso in giro le tue gocce di serenità e gioia ed io le ho viste nello sguardo di chi ti ha incrociato.
Il giorno della tua nascita...io c'ero e s…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…