Passa ai contenuti principali

MA VI CAPITA?

Non so se capita anche a voi, ma io quando ho una scadenza, una cosa che devo fare assolutamente entro tale data, vado in blackout.
Mi preparo un programma per rispettare la scadenza e per non fare le cose velocemente e all'ultimo momento, ma poi non la rispetto.
Inizio a divagare, a fare cose inutili, mentre cerco di finire il lavoro mi si aprono nel cervello migliaia di cassettini e così non riesco più a tornare al punto.
Questa strana malattia mi perseguita già dal liceo, dove ogni inizio anno mi dicevo "Quest'anno si studia volta per volta, così prima della verifica non fai notte e arrivi preparate..." ma poi succeddeva sempre qualcosa che scombinava i programmi.
Per la maturità mi ero preparata un calendario con pagine da fare giornalmente e la Notte prima degli esami credo di essermi letta più di 300 pagine di storia....
All'università, che ho fatto mentre lavoravo, a volte arrivavo in corsa a finire i libri e di rileggere quelli che proprio era meglio saperli bene non ci sono mai arrivata.
Al lavoro tento di arrivare puntuale, ma anche lì nella consegna di alcuni documenti arrivo sul filo di lana.
Tutto questo per dire che da oggi ho 1 mese di tempo per scrivere una tesi su un corso fatto ben 3 anni. Che adesso la scusa dei gemelli, vale fino ad un certo punto, che devo smetterla di perdermi nei meandri delle cose e decidere che a Novembre io ci sarò!!!!
Si accettano suggerimenti per non perdere tempo e quagliare...ora vado a scrivere!

Commenti

  1. 1) spegnere fb e quant'altro (disturbano terribilmente la concentrazione)
    2) dare a nonni e a babysitter improvvisati i gemelli in modo da non averli in casa scorrazzanti
    3) organizzare al Curcu un fantastico torneo di playstation
    4) mettersi su un tavolo per lo più vuoto
    5) pensare che piuttosto che mettersi a fare pavimenti e quant'altro è decisamente meglio prendersi del tempo per sè e scrivere quel che si vuole
    6) ammesse o 1 pausa all'ora o 1 ogni mezz'ora(se ti scandisci il tempo con le pause ti passa meglio e non dai troppa libertà alla pigrizia)
    7) OCCHIO NON MANGIARE TROPPO PER PIGRIZIA!

    8) BUON LAVORO SORELLA!

    RispondiElimina
  2. ...mi dispiace ma anche io ho questa brutta 'malattia'!!!!!!!...
    non ho consigli......
    ma terrò d'occhio questo post per prendere appunti per il prossimo lavoro!!!!:))
    in bocca al lupo!!!

    RispondiElimina
  3. Anche io per buona parte dell'università ho fatto come te.. Libri letti una volta e molta improvvisazione..poi mi sono data una regolata. Anche perchè lavorando il tempo andava davvero ottimizzato!prova a darti piccoli obiettivi da premiarti (ogni capitolo scritto?) e un bel premio per l'obiettivo finale (un massaggio?un weekend fuori porta con la famiglia?)...in bocca al lupo!!

    RispondiElimina
  4. Chi meglio di tua sorella puo' darti suggerimenti?

    Seguili e vedrai che a Novembre ci sarai :D

    RispondiElimina
  5. Suggerimenti nemmeno io ne ho. Però mi offro per una rilettura se hai bisogno...:-) in bocca al lupoooo!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

FELICE GIORNO DELLA NASCITA

E' arrivato il 15 Novembre e tu non sei qui con me.
E' il primo compleanno da quando sei nata che passiamo lontane.
Hai compiuto gli anni ed io e i tuoi fratelli ti abbiamo cantato una sguaiata canzoncina tramite whatsup.
Hai compiuto gli anni ed io non ho potuto darti un bacio e darti un regalo.
Quest'anno, come non mai, il tuo compleanno è felice giorno della nascita...già perché non si nasce solo quando si viene al mondo, ma si nasce un sacco di volte nel corso della vita.
Tu sei nata a te stessa e al mondo e hai deciso di partire alla ricerca della tua missione.
Tu sei nata ai tuoi progetti e ai tuoi sogni e hai deciso di corrergli incontro.
Il tuo compleanno è ora, perché non c'è modo migliore di festeggiare il nostro venire al mondo che celebrarla la vita!
Tu nell'ultimo periodo hai celebrato ogni giorno e hai sparso in giro le tue gocce di serenità e gioia ed io le ho viste nello sguardo di chi ti ha incrociato.
Il giorno della tua nascita...io c'ero e s…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…