Passa ai contenuti principali

IL BAGNETTO!


Il bagnetto è una fantastica salsa piemontese....che la mia nonna Tina faceva spesso, pur non essendo piemontese e chiamava salsa verde.
Io ricordo di questa salsa...il colore verde brillante spalmato sul pane, l'odore forte di aceto, e i pranzi di Natale e i denti di Hulk dopo averla mangiata.

Ma il bagnetto è anche il primo vero gesto di cura del piccolo, che dopo la medicazione dell'ombelico, manda in crisi una mamma: bimbo piccolo e indefeso, acqua (alla temperatura giusta...che ci sono molti bimbi lavati in acque con la temperatura giusta per cucinare l'aragosta), utilizzo del sapone con una mano, reggere il nano con l'altra, e poi finito il bagnetto ...l'asciugatura veloce del nano senza farlo cadere...che è bagnato e scivola.

I primi bagni dei nani erano lunghe serate chiusi tutti in bagno (Morgana compresa) con una temperatura tropicale....perchè non prendessero freddo e con una ninna nanna senegalese cantata dal papà e poi l'acqua che profumava di melissa e l'odore dell'olio di mandorle spalmato e massaggiato con cura dopo.
I primi bagni sono stati fatti nel lavandino e del primo di tutti e due c'è anche un filmato, poi siamo passati al secchio da soli o in tandem.
Il bagnetto è sempre stato un momento intimo, dove l'amore e la cura si trasformavano in massaggi e profumi, in coccole e canzoni.

OGGI:
Il bagnetto oggi è una richiesta costante di Sebastiano, che adora stare in ammollo....lui quando decide che è ora del bagno si carica di giochi e li butta tutti nella vasca e passa ore ( o meglio vorrebbe starci delle ore) a bere l'acqua del bagno e a lavare i vetri che chiudono la vasca con la spugna zeppa di schiuma.
Martina, essendo un gattino, non ama molto il bagno, ma costretta poi si diverte a scivolare dal bordo all'interno della vasca, a fare plin plin nell'acqua e a bere acqua calda... a volte già con la plin plin.
Per la mamma il bagnetto è la sua mezz'ora di salvezza, dove prepara la cena o piega i panni o rifa i letti o apparecchia.....una piccola parentesi di semilibertà.
Alla fine del bagno permangono le coccole con crema a fiotti e l'asciugatura dei capelli con canzonicine abbinate.

ORA la ricetta del BAGNETTO (o salsa verde):
2 spicchi d'aglio
50 gr di prezzemolo
acciughe
50 gr mollica di pane raffermo
aceto di vino bianco
olio e.v.o.
sale

Tritare con un frullatore anche ad immersione aglio, acciughe e prezzemolo. Aggiungere la mollica del pane ammollata nell'aceto e poi amalgare il tutto aggiungendo mentre si trita olio e.v.o. Aggiungere sale a piacere e spalmare, spalmare e spalmare.

PS: Anche io vivo il bagno come una coccola, ma in questo periodo docce veloci al mattino prima di svegliare i nani....aspetto tempo migliori....dove schiuma, musica e vino accompagneranno il mio relax!

Ps 2: Nell'età dell'adolescenza la doccia diventa una delle attività principali, con rispettiva asciugatura e tiratura con piastra dei capelli....quindi 1 ora circa ogni al massimo 2 giorni....fate voi il conto!

Commenti

  1. La foto è bellissima! Anche i miei adorano il bagno, riempiono di giochi la vasca (prevalentemente aggeggi in plastica col buco che poi si riempiono a loro volta di acqua :-(
    ...e poi puliscono le piastrelle con la spugna piena di schiuma...
    Alla città del Sole ho scoperto delle micro palline effervescenti che colorano l'acqua (dicono realizzate con coloranti naturali eh!)...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…