Passa ai contenuti principali

Cosa si fa, dove si va questa sera?



Il martedì sera è stata istituita la serata donne: ovvero le amiche escono per una birretta, un cinema(solo se non lo scelgo più io...che Melancholia non è piaciuto),un aperitivo,una cenetta...la serata è stata istituita a seguito di troppe serate in cui per una cosa o per l'altra non ci si ripigliare e quindi i giorni passavano...ora è istuita ma non va molto meglio.
Riassumo ultimo scambio di mail perchè ricco di spunti e di idee:

- AMICA 1 : Allora che si martedì sera? Chi c'è batta un colpo.

Risposte:
- Altra cena, figlia al seguito e scompagnata, impegno del marito,viaggio di lavoro, step,serata lavorativa, scuola italiano in cooperativa, etc.

- AMICA 1 allora scrive:

Questa settimana dobbiamo ammettere la sconfitta!!
le donne sono state abbattute dai mille impegni di “dovere”:
- essere lavoratrici, e tenere “interessantissimi” convegni sul conflitto (tra l’altro non ho capito se era un invito quello della buzz) cercando di non addormentarsi oltre che di non fare addormentare.
- essere lavoratrice in trasferta e dover dormire in una anonima stanza d’albergo passando magari la serata a lavorare
- essere mogli/compagne e dare precedenza all’impegno sicuramente importante del proprio uomo
- essere madri e mettere a letto la creatura e accettare che non si può far cambiare turno di lavoro al marito minacciando il suo coordinatore
- essere amiche e soccorrere una collega in crisi passando la serata in “ascolto”
- essere molto amiche e sprofondare nel divano e nella sonnolenza dopo l’ennesimo aneddoto sul Brasile
- essere già impegnate con Pilates alla ricerca della forma preparto
- essere impegnate con il volontariato e passare la serata a far capire il verbo essere a 15 stranieri uscendone distrutta
oppure
- essere già impegnate in altri eventi mondani e divertirsi alla faccia delle altre!!
quando le donne riusciranno ad essere solo donne che si divertono per almeno due ore alla settimana?
E tutto questo accade nella settimana in cui la maggior parte dei nostri uomini ha prenotato un biglietto per una fantastica vacanza di quattro giorni a Barcellona senza minimamente preoccuparsi del loro essere mariti, padri etc ma solo interessati al loro essere AMICI in cerca di una sbronza.

AMICA 2 RISPONDE:

hai perfettamente ragione...
io di solito il martedì riesco ad esserci,perciò prometto di esservi fedele sempre e di esserci negli altri 5... invito tutte le altre a riflettere sulla loro condizione di madri e mogli succubi di figli e mariti e liberarsi da questa prigionia... almeno 1 martedì su 2! vi amo tutte un casino!

IO RISPONDO:

Essere incazzate mentre si da priorità al marito
Essere incazzare mentre si da priorità al cohousing
Essere molto meno incazzare quando la priorità è la nonna
Essere un po incazzare per la facilità con cui gli uomini acquistano i biglietti aerei
Essere felice che le amiche ti ricordino che mica solo loro possono farlo
Essere felice di sentire tanta tenacia e prenderla un po per se
Desiderare e determinare che martedì prossimo col capperi che non esco.....
Grazie per la tenacia e le parole vere
Anche io vi amo molto!!!

AMICA 4 RISPONDE:

ma io sarò fuori dal mondo ma c'è qualcosa che non mi torna..
non mi sento meno donna perchè sono moglie
non mi sento meno donna perchè sono mamma
non mi sento meno donna perchè lavoro
non m sento meno donna quando esco con le donne.. ma neache quando esco e ci sono uomini
ma mi sento donna perchè sono tutte queste cose.
è bello ogni tanto trovarsi e mi fa piacere stare con voi e condividere pezzi di vita, ma se non posso farlo, per innumerevoli motivi, pace... assaporerò di più la volta successiva.
vi amo anche io molto e non voglio essere polemica ma sono un pò stanca....

AMICA 5 RISPONDE:

ore 7.30 nano grande lavato, vestito, colazionato e inviato al nido.nano lavato vestito e allattato. come inizio non è niente male...questi sono i miei ritmi da due mesi (direi da tre anni, ma ora sono duplicati). In più la sera quando esco ho sempre almeno un nano al seguito... ea volte sono talmente stanca che vorrei dormire già alle nove......ma nn mi sento meno donna...anzi mi sento donna felice... un po' stanca ma sicuramente felice...so che queste saranno le mie priorità per un periodo...ma continuo ad essere donna felice...certo...ho voglia di uscire con le amiche, di trascorrere più tempo da sola con lui, di dormire, di leggere un libro senza essere interrotta... ma so che prima o poi tornerò a farlo e sicuramente poi mi m nchereanno questi giorni dedicati quasi totalmente al mio essere mamma e compagna...di solito mi diverte leggere le vostre mail e pensarvi al cinema o a bere una birretta, questa volta mi ha invece un po' rattristato poichè ho letto un po' di insoddisfazione... e non è da voi......secondo me alcune di noi sono in un momento della vita molto impegnativo... ma sono certa che sarà un momento che rimpiangeremo quando finalmente avremo tanto tempo da dedicare solo a noi stesse...vi auguro di godere ogni attimo......prima o poi sarò delle vostre... baciiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

IO RISPONDO:

Care donne
Solo una precisazione sono un po arrabbiata perché ho poco tempo, poca forza e troppe robe da fare ...ma ovviamente sono donna sempre anche stanca anche struccata anche mentre preparo i figli per la scuola e mentre riassetto la casa anche quando crollo sul divano alle 21 anche quando esco per una birra o torno tardi per una serata da una collega incinta e il giorno dopo la sveglia é comunque alle 7 perché Martina vuole leggere un libro....a volte però la mancanza di tempo vuoto mi fa incazzare!
Bacio a tutte

AMICA 1 RISPONDE:

Senza volerlo forse è stata una delle conversazioni tra donne più interessanti degli ultimi mesi...
dove ognuna ha parlato di come sta e come si sente e non tanto di cosa fa!!
Spero ce ne siano altre, sono proprio queste le cose che mi mancano...
Forse io sono in quel periodo della vita che chiamo della terra di mezzo...
troppo panzona per poter andare al Pacì alla Festa Trash
ma senza pargolo e quindi con le forze e la voglia di vita sociale (che a casa tutto il giorno a volte pesa).
E anche io non volevo assolutamente intendere che non sono donna quando lavoro, quando sono moglie etc
ma spesso mi manca l’essere donna che si diverte,
a volte chiudo gli occhi e mi ricordo delle serate con le amiche e con gli amici in cui, complice la leggera ebrezza dell’alcool,
ci si divertiva a parlare di noi, dei nostri sogni e progetti o delle cagate che qualcuno diceva.
E allora a volte questo mi manca, mi manca una risata tra amiche...
che è vero che ormai siamo adulte e abbiamo tante responsabilità (lavoro, casa, bollette, marito, figli)
ma per resistere ai doveri della settimana e della giornata credo che svuotare il cervello una volta alla settimana con una risata sia salvifico e ci salvi da una crisi di nervi.
In questo gli uomini sono bravissimi!!
al prossimo martedì
baci

Questo scambio di parole ed opinioni mi fa pensare di essere circondata da grandi amiche e da grandi donne.
Questo post è per ringraziarvi....e w le donne...anche se oggi non l'8 Marzo.....che ricordo a tutti è una commemorazione altro che festa!


Commenti

  1. la stessa discussione tra uomini:
    - ciao. ci vediamo stasera?
    - no, non posso.
    - fanculo, il solito stronzo
    - seeee, parla lui... fanculo te
    - ok. prossimo martedi?
    - ok, ciao!

    ghghghghgh

    RispondiElimina
  2. potrei essere amica1, 2, 3 o te ..a seconda del momento..

    sei fortunata ad avere amiche donne, mamme e lavoratrici con le quali confrontarti e con le quali trascorrere (ogni tanto) una serata serena!!

    RispondiElimina
  3. ahahahahah :-)
    quanto è vero...tra uomini è molto meno profondo ma molto più semplice

    RispondiElimina
  4. .... senza parole....

    RispondiElimina
  5. certi blogger provocano in me stati emotivi altalenanti che variano dal " ma vaff...." al " oddio che tristezza"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo/a penso che sia libera scelta leggere od evitare ciò che non ci piace....quindi prendere in considerazione anche questa ipotesi non è male....io non mi lamenterei...non preoccuparti!

      Elimina
  6. ...anonimi: che cosa vi lascia senza parole? e che cosa vi rattrista? secondo me è un bello scambio di opinioni. poi ognuno si rispecchia più o meno in un'amica piuttosto che in un'altra.

    RispondiElimina
  7. anche io voglio uscire per una birretta con le mie amiche!!!

    passa da me che c'è un premio per te!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…