Passa ai contenuti principali

LA SMEMO....RATA

In questo periodo complice questa primavera che tarda ad arrivare e i mille progetti che mi frullano in mente, questa voglia di cambiamento, i nani che di notte ricominciano a svegliarsi, io che per mille motivi prima delle 24 non vado mai a letto, i miei sonni agitati, dose elevate di caffeina ....bhe sto perdendo i colpi...
Non che io sia mai brillata in organizzazione, lavori fatti in anticipo e memoria, ma ora è proprio grave.
Mi rendo conto che la mia mente non è mai totalmente presente mentre faccio qualcosa, ma vaga in altro...fatico a tenermi sul pezzo e sto odiando le varie intromissioni mentre faccio qualcosa...per esempio il telefono che squilla.
Mi rendo conto che il telefono mi distoglie sempre dal momento presente e da chi ho davanti ....chi decide che un telefono che suona è più importante di quello che ho davanti o di quello che sto facendo.
I figli poi riescono a deconcentrarmi in pochi minuti, anche perchè da quando spalancano gli occhi a quando vanno a letto è un continuo parlare, chiamare e gridare....forse per richiamare la mia mente che loro essendo più svegli di me vedono che vaga vaga.
E' un momento di fermento alto fermento, voglia di tante cose, ma appunto le dimenticanze si sommano:
- La ado mi chiede il pc per una ricerca e io mi scordo di dire a papone di lasciarlo a casa.
- Amiche mi messaggiano ed io rispondo giorni dopo.
- Do buca a degli appuntamenti perchè non me li ricordo
- Ho delle scadenze che mi scivolano tra le mani
 Per non parlare del lavoro....
Da oggi decido di stare un po' di più sul presente e di lasciare che la mente vagheggi solo quando non può far danni....come Sabato notte quando io vagavo tra i miei pensieri, il letto ha tremato ed io ho pensato di aver avuto una allucinazione....meglio va così non mi sono preoccupata.

L'unico momento in cui mi sento serena è quando cucino...quando le mie mani operano ecco lì nel mio mondo di farina e uova mi sento bene e i miei bimbi con me!

Commenti

  1. nn sei l'unica. spegni il telefono e resta nel QUI ED ORA.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

FELICE GIORNO DELLA NASCITA

E' arrivato il 15 Novembre e tu non sei qui con me.
E' il primo compleanno da quando sei nata che passiamo lontane.
Hai compiuto gli anni ed io e i tuoi fratelli ti abbiamo cantato una sguaiata canzoncina tramite whatsup.
Hai compiuto gli anni ed io non ho potuto darti un bacio e darti un regalo.
Quest'anno, come non mai, il tuo compleanno è felice giorno della nascita...già perché non si nasce solo quando si viene al mondo, ma si nasce un sacco di volte nel corso della vita.
Tu sei nata a te stessa e al mondo e hai deciso di partire alla ricerca della tua missione.
Tu sei nata ai tuoi progetti e ai tuoi sogni e hai deciso di corrergli incontro.
Il tuo compleanno è ora, perché non c'è modo migliore di festeggiare il nostro venire al mondo che celebrarla la vita!
Tu nell'ultimo periodo hai celebrato ogni giorno e hai sparso in giro le tue gocce di serenità e gioia ed io le ho viste nello sguardo di chi ti ha incrociato.
Il giorno della tua nascita...io c'ero e s…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…