Passa ai contenuti principali

CAPRICCI ELEVATI ALLA SECONDA

I nani sono tornati dalle loro vacanze al mare, belli, abbronzantissimi e capricciosi all'ennesima potenza.
Venerdì pomeriggio, dopo l'ennesima giornata di lavoro duro (ovvero intervento ad un convegno e preparazione di vari abstract durante il viaggio in macchina) approdiamo sulla spiaggia e subito con le braccia al collo mi corre incontro Martina.....mio figlio si rende conto di avere anche una madre solo molte ore dopo.
I capricci iniziano subito alla cena...una splendida paella in spiaggia, forse un po' troppo per due nani che non hanno dormito al pomeriggio e sono stati in spiaggia no stop fino alle 22.00 (tralascio le mie paturnie per il sole tra le 12.00 e le 16.00.....meglio!).
La giornata successiva va un po' meglio anche se i capricci si ripresentano puntuali per ogni minima cosa, soprattutto per il cibo....cosa che in tre anni è successa rare volte.
Ma le parole dei miei suoceri mi rincuorano "Quando non c'eravate voi erano bravissimi...da quando siete arrivati invece..."....bhè grazie!
Il pranzo di Domenica sempre già programmato, era pasta con le vongole in spiaggia insieme a zio, zia e cuginetto che venivano a dare il cambio.....iniziato alle 13.45 con altro capriccio di mia figlia che la pasta con le vongole no, la pasta rossa....ma il gelato si....e lì la Rottermaier che c'è in me ha imposto a tutti i presenti, che per non sentire piangere la nana si stavano piegando al capriccio, un severo NO!
Il rientro tutto sommato è andato bene, anche se non  sono mancati pianti per giochi che erano nel bagaglio o per l'acqua.
Il rientro alla materna ha portato con se pianto per la bicicletta,per il gelato, perchè non ci voglio andare,
perchè non voglio tornare a casa, perchè sono caduto etc.
Ieri sera alla fine primo tempo della partita, vista in un grande prato con amici, è partito un capriccio doppio, ad alta voce in mezzo alla gente perchè NON SIAMO STANCHI.....NON VOGLIAMO ANDARE A CASA....
Portati di peso in macchina, per tutto il viaggio Sebastiano ha pianto e ha continuato anche dopo mentre era a letto....addormentandosi con il singulto.
Io sono provata, ho i nervi a fior di pelle, trattengo la rabbia che sale dalla pancia e cerco strategie per sconfiggere sul nascere i capricci elevati alla seconda, perchè vermante faccio molta fatica a gestirli.
Il mio problema è che con loro qualsiasi strategia non funziona: se ascolto e faccio la paziente no, se alzo la voce no, se ignoro alzano il tiro...e poi fanno comunella tra loro, si spaleggiano ed io mi sento impotente.
Tali situazioni poi aumentano il nervosismo anche tra me e papone , portando a delle litigate furibonde ed inutili.
Speriamo che l'effetto vacanza con i nonni passi in fretta....visto che il minimo relax che avevo preso...si è esaurito in pochi giorni.

Commenti

  1. te lo stavo per chiedere: non è una "vendetta" per essere stati lasciati dai nonni?

    RispondiElimina
  2. Appunto, capricci a go-go.
    Ma quando passa questa fase mannaggia, non se ne può più.
    Comunque è sicuramente un tentativo di richiamare l'attenzione.
    Ieri ho passato tutto il pre-cena a coccolare il piccolo Moto, e non ha fatto nessun capriccio a tavola. In compenso stamattina si è svegliato alle 7 e mi è stato appiccicato come una cozza, non riuscivo ad andare al lavoro. Non so come, ma devo riuscire a trovare il tempo per stare un po' da sola con lui.
    PS: il regalo è arrivato grazie! Questo week-end fotografo e faccio un post.

    RispondiElimina
  3. Diana, siamo sulla stessa barca, in più nel mezzo c'ho lo spannolinamento doppio con Leo che è diventato IRRICONOSCIBILE. Sabato ho dato i numeri. In questi giorni va un po' meglio, ma a volte mi chiedo se è normale sentirsi così...

    RispondiElimina
  4. anche noi in fase capricci... mi dice spesso NO e a tavola rompe per tutto... sarà la gelosia che inizia a farsi sentire dopo 6 mesi, o sarà il caldo? Boh!!! Se va dai nonni, quando torna è intrattabile.E il nano piccolo inizia a lamentarsi quando me ne vado per un'oretta e lo lascio al suo papà...oggi "tirava giù la casa"--- va beh! MAL COMUNE, MEZZO GAUDIO. (si dice così, vero?).Stefy

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…