Passa ai contenuti principali

CLOSE TO ME: regole poco serie di bon ton ad un concerto.




Sabato sera dopo molto tempo sono stata ad un concerto di una band che ha segnato la mia adolescenza.
Io da adolescente facevo parte del gruppo dei Dark ,  (su wikipedia viene ridenominato gotico). 
Beh io ero la classica ragazza con capelli neri lunghi, faccia un po' smorta, trucco nero e vestita rigorosamente di nero e viola con gli anfibi ai piedi anche il 15 di Agosto....poi mi è passata...anche se il nero e il viola rimangono i miei colori preferiti.
La band in questione erano i Cure e questa fuga nel passato l'ho fatta con mia sorella.
Sorvolo sul viaggio di andata perché io e lei a Milano siamo negate, e non si capisce come abbiamo fatto a girare un pezzo di mondo senza perderci.
La'atmosfera del posto aveva del surreale, ti pettinavano con creste enormi rigorosamente verdi ( sarà per lo sponsor?!?), ti truccavano, c'erano donne seminude che si facevano fare tatuaggi e body painting, ti regalavano qualunque cosa dal chewing- gum all'accendino....
Io e la mia gemella Kesler ci siamo divertite nel tempo morto a stendere una lista di NO (ovvero non si deve fare) valida ai concerti.
Il bon - ton del concerto:
1- Mai andare ad un concerto con la maglietta di un altro gruppo, tanto più se di genere totalmente diverso di quello che andrai a sentire ( es: la maglietta di Raoul Casadei non è ben vista al concerto dei Sepoltura.)
2-  Non indossare infradito di plastica o anche di altro genere, non sei piscina e durante un pogo potresti ritrovarti le dita del piede fratturate.
3- Non indossare il costume da bagno, non sei in piscina e poi fa troppo Riccione il 15 Agosto.
4- Se hai più di 50 anni e sei un uomo panzuto e peloso eviterei la collana di perle, davvero non dona e sembri la brutta copia di Crudelia Demon
5- Se hai più di 50 anni e sei uomo o donna il rossetto rosso sbavato, fa molto centro diurno anziani e non molto tipo alternativo.
6- Mai mettere le mutande di Star War con scritta bella in vista se sei un Nerd dentro, fa molto sfigato uscito dal film american pie
7- Se hai la pancia piatta non c'è bisogno di metterla a tutti i costi in mostra legandoti la maglietta sotto il seno o tagliandola....prima o poi i ciccioli toccheranno anche a te e odierai quelle con la pancia piatta
8- Il tacco 12 ai concerti è sempre un po' scomodo, e quando si tratta di stivaletto borchiato che arriva a metà gamba ancora di più....però ti stimiamo molto.
9- Non devi per forza somigliare al cantante, tanto quelli che ti vedono penseranno sempre che sei solo una brutta copia.
10- Se non sai le canzoni, muovendo la bocca a tempo non dimostri di saperle, ma assomigli più ad un pesce nell'acquario.

Ovviamente queste sono solo alcune perle di saggezza emerse nella serata, e sicuramente la mia sorellina potrebbe sempre incrementare.
Il concerto è stato veramente bello, io ho fatto un tuffo nel passato, che ho pagato con un sonno arretrato che forse recupererò a Natale ( Visto le due notti quasi in bianco di giovedì e venerdì causa malanni del nano) e tutto questo condiviso con la mia sorellina....davvero una bella serata, che ogni tanto per toglierci un po' di peso degli anni e di stanchezza dalle spalle ci vuole.


Commenti

  1. Grande Diana! Hai fatto bene ad andarci e secondo me le serate più belle sono proprio quelle musicali! E poi mitica la lista del bon ton, io ci aggiungerei: "se hai più di 50 anni e porti tua figlia adolescente ad un concerto rock e sei lì con lei a pogare e qualcuno ti offre un cannone non mostrare le MS dicendo che ti bastano quelle".
    Cra.

    RispondiElimina
  2. regalo per te su mio blog http://www.contofinoa3.blogspot.it/2012/07/un-premio-per-me.html

    RispondiElimina
  3. In quei giorni ero a Milano per lavoro ed avrei voluto venire anche io al concerto ma non ce l'ho fatta...ciò detto: mi ha fatto troppo ridere questo post (anche se l'ho letto pochi giorni fa) e volevo dirti di "guardare" se ne hai voglia qui http://mammacosaleggi.blogspot.it/2012/04/scene-da-un-matrimonio-ed-altre.html
    per farti capire cosa pensa mia di figlia sui Cure pur nel 2012. Un saluto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…