Passa ai contenuti principali

UNA RONDINE E UNA FESTA DI COMPLEANNO

Breve storia di una rondinella e una allegra festa di compleanno.

Ieri mattina la famiglia Gioielli era tutta pronta per andare a festeggiare il compleanno di un amico: il vino l'avevamo preso, la torta era pronta (postero ricetta alla fine del post),pane preso, costumi in borsa.
Pronti al trasloco, papone scorge in cortile nascosto sotto una finestra una rondinella che non volava più.
I bimbi sono corsi a vederla e così abbiamo deciso di metterla in una scatola e di poterla dal veterinario.
E qui inizia una bella avventura.
Il veterinario dice che non ha nulla, forse è solo un problema meccanico, bisognerebbe tenerla in una gabbia darle da mangiare e vedere cosa fa.
Io però non  ho una gabbia e sto per andare a una festa ....idea chiamiamo l'oasi della Lipu
"Salve volevo portarle una rondine, non vola e non so cosa fare"
"No è suo dovere portarla!" "Bene allora gliela porto subito!" "No, noi adesso chiudiamo per pranzo, può venire dopo le 14.30" " Io non riesco alle 14,30 ...starei andando via" "Allora chiami la polizia provinciale , che viene a prendere la rondine e la porterà a loro".
Il tutto è durato circa mezz'ora e la veterinaria non ha mosso un dito, anzi mi ha pure proposto di lasciarla andare e poi vedere cosa faceva.....
Terminata l'avventura i bambini erano contenti di questa storia, addirittura Martina ha detto che da grande vuole fare il dottore degli animali, così la rondine la poteva portare a casa.
Le domande in macchina si sono moltiplicate, domande sulla polizia, sul dottore degli animali, sul perché io non potevo curare la rondine, visto che loro quando sono malati li curo....
E' bello il mondo agli occhi di un bambino, anche quello che per noi è banale o ti fa anche un po' arrabbiare per loro nasconde scoperte e cose nuove da imparare e da sognare.

La festa di compleanno era di un nostro amico, l'abbiamo nella cascina dove abitano loro, c'erano bambini di tutte le età, persone di tutte le età e pure varie culture.
La cucina era divisa tra noi e delle donne marocchine, che stavano cucinando per la rottura del ramadan della sera, un miscuglio di odori, tradizioni e rispetto per ciò che è altro da noi.
Loro che pregavano in cucina e noi che aspettavamo a cucinare per non disturbarle.
Ad un certo punto poi sono arrivati i giovani aztechi, che soggiornano in cascina da un po', e hanno iniziato a suonare chitarre e ad intonare canzoni della loro terra, con le signore marocchine che guardavano divertite dalla porta.
E noi ospiti ed amici lì a mangiare e a chiaccherare.
La sensazione di essere lì in mezzo è stata bellissima, ho toccato con mano l'intercultura, il mischiarsi di varie culture e la bellezza e lo stupore di entrambi di essere comunque felici e a nostro agio.
Concludo dicendo che anche oggi era una giornata speciale perché tutta la family andava a trovare la ado al campo scout, ma Martina non è stata bene, così i coraggiosi uomini sono in montagna e noi qui a squagliarci di coccole e caldo.
La torta del compleanno è uscita buona, è una rivisitazione della  torta al latte caldo del pasto nudo.
Le mie modifiche sono state queste:
Nel latte invece di sciogliere la vaniglia ho messo due cucchiai di ovomaltina( in questo periodo anche se so che non è sanissima, sono un po' in fissa con questa delizia, ricorda il saporre della mia infanzia) ....ma credo che il cacao sia meglio.
Una volta cotta la super torta soffice l'ho tagliata a metà e in mezzo l'ho farcita con la crema pasticciera.

CREMA PASTICCERIA:
3 TUORLI DI UOVA (con gli albumi ci potete fare la frittata)
500 GR DI LATTE,
3 CUCCHIAI DI FARINA TIPO 0
4 CUCCHIAI DI ZUCCHERO DI CANNA.
BUCCIA DI UN LIMONE

Mescolare in metà del latte la farina senza fare i grumi, mescolare nell'altra metà del latte i tuorli e lo zucchero.Mettere i due contenuti in un recipiente, e iniziare a mescolare a fuoco basso, aggiungere anche la buccia di un limone a pezzi grossi, in modo da poterla togliere.
Far cuocere la crema circa 10 minuti e lasciarla raffreddare.

Una volta farcita la torta l'ho spolverizzata con del cacao amaro.
Buonissima!

Commenti

  1. Ma siamo certi che la polizia si sarebbe poi mossa per portare una rondine dal veterinario? Ma....complimenti per il blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta....bello bello anche il tuo blog....ho chiamato il veterinario per verifica e si...la polizia è andata a prendere la rondine....son soddisfazioni!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…