Passa ai contenuti principali

Lesson number one

Una giornata tranquilla al parco...bimbi che giocano, corrono in bici e si arrampicano sull'albero e poi una frase detta da mio figlio che ha aperto una lunga riflessione.
"Papà non toccarlo, se no ti sporchi!"...la frase era rivolta ad un bimbo dalla pelle scura che era sull'albero insieme a lui.
Papone mi viene vicino e mi racconta l'accaduto ed io d'istinto dico "Beh sgridalo."
Lui più razionale lo porta a fare due passi e una lunga chiacchierata, che poi ci raccontano all'ora di cena.
Sebastiano dice che i bambini che sono neri sono sporchi e se li tocchi ti sporchi.
Io sono allibita di fronte a questa frase ed in verità faccio un passo falso e gli chiedo "Ma chi ti dice queste cose?" Già io parto dal presupposto che non è possibile che sia lui a pensarle, che noi in casa non diciamo frasi del genere e che abbiamo amici di ogni nazionalità.
Lui ovviamente risponde che glielo ha detto un bambino all'asilo.
Noi iniziamo un discorso sul fatto che le persone sono tutte uguali, sull'origine del colore della pelle.
Poi chiedano a Seba se alla scuola materna ci sono bambini con la pelle color marrone, lui annuisce e dice ancora che non si possono toccare se no ti sporchi.
Il papà spiega che non sono neri perché sono sporchi.
Iniziamo a parlare del viaggio che anni fà io e papone abbiamo fatto in Africa, lui ascolta,ma chiede se le persone erano nere...noi abbiamo parlato di loro, dei loro nomi, delle loro storie.
Il papà va in camera a prendere un libro di fiabe africane e per la nanna stasera si leggerà quello.
Io sono ancora qui, con la sua frase che mi risuona nelle orecchie e con la certezza di non aver risposto o meglio spiegato bene il concetto di Uguaglianza, ma come si fa....non è facile e forse nemmeno l'esempio non serve.
Possibile che un bambino di 4 anni pensi che i bambini neri non sono da toccare perché sono sporchi?
Possibile che un bambino di 4 anni riesca a credere a questa cosa perché altri lo dicano?
Io non mollo e continuerò per un po' a battere su questo chiodo con storie, racconti di vita africana e tutto quello che ho in mio possesso per non sentire più quella frase che vi giuro mi ha fatto fare un salto nel periodo dell'apartheid.
Se qualcuno conosce libri o storie adatte suggerisca.

Commenti

  1. .. una mia amica, Annalisa, è insegnante di scuola materna, ha effettuato diversi viaggi in Congo durante i quali ha prestato servizio c/p delle scuole locali.
    ha pubblicato un libro: "Neri come l'inferno, liberi come l'aria" e elaborato un video fotografico delle sue esperienze. quando racconta dei suoi viaggi ai bimbi di qui, ne sono sempre rapiti! ti lascio il suo sito: http://www.inviaggioconanna.com e qui il video: http://www.youtube.com/watch?v=rIbEJWyeLDE

    RispondiElimina
  2. Sicuramente dovete parlarne, tanto e sempre, perchè sono cose importanti ma anche complicate. Complicate perchè il valore dell'uguaglianza non è così immediato come invece il pensiero "se è nero è sporco".
    Noi abbiamo ereditato dalle cuginette (femminucce) un libro sull'argomento: Milly e Molly vanno a scuola. Ma piace anche al mio ometto!

    RispondiElimina
  3. Ciao cara, in classe con i miei ci sono due bambini africani e cerco di capire se loro ci giocano. Al mare, però, questa estate Leonardo se ne è uscito con la domanda: "Mamma perchè lui è nero?" riferito ad un venditore ambulante che, insieme a noi, faceva la fila per un pezzetto di pizza al taglio. Lì per lì mi sono mancate le parole, poi ho preso e ho usato più o meno le parole: "Leo lui ha la pelle più scura di te, di mamma, babbo e Lorenzo... vedi è come quella simpaticona di Solange..." ma non so se è stata la risposta più azzeccata. speriamo.

    RispondiElimina
  4. mi sarebbe venuto un colpo! mi sarei domandata dove ho sbalgiato..sono solidale con te.
    volevo dirti anch'io "molly e milly" e anche ( per piu 'grandi, dai 6-7 anni )
    "le avventure di jim bottone" di michael ende

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

FELICE GIORNO DELLA NASCITA

E' arrivato il 15 Novembre e tu non sei qui con me.
E' il primo compleanno da quando sei nata che passiamo lontane.
Hai compiuto gli anni ed io e i tuoi fratelli ti abbiamo cantato una sguaiata canzoncina tramite whatsup.
Hai compiuto gli anni ed io non ho potuto darti un bacio e darti un regalo.
Quest'anno, come non mai, il tuo compleanno è felice giorno della nascita...già perché non si nasce solo quando si viene al mondo, ma si nasce un sacco di volte nel corso della vita.
Tu sei nata a te stessa e al mondo e hai deciso di partire alla ricerca della tua missione.
Tu sei nata ai tuoi progetti e ai tuoi sogni e hai deciso di corrergli incontro.
Il tuo compleanno è ora, perché non c'è modo migliore di festeggiare il nostro venire al mondo che celebrarla la vita!
Tu nell'ultimo periodo hai celebrato ogni giorno e hai sparso in giro le tue gocce di serenità e gioia ed io le ho viste nello sguardo di chi ti ha incrociato.
Il giorno della tua nascita...io c'ero e s…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…