Passa ai contenuti principali

Mani in pasta e mani in testa!

Eccomi con una fantastica ricetta che ha preso inspirazione da due blog di cucina che adoro e che poi è stata modificata.
La ricetta è presa da profumo di mamma, la modifica da il pasto nudo ....questa è la mia versione.

FOCACCIA ALLE ZUCCHINE-

INGREDIENTI:
700 GRAMMI FARINA TIPO 0 BIO
500 GRAMMI DI ACQUA
50 GRAMMI DI OLIO EXTRA VERGINE D'OLIVA
150 GRAMMI DI LIEVITO MADRE LIQUIDO
18 GRAMMI DI SALE
2 CUCCHIAI DI FECOLA DI PATATE
4 ZUCCHINE
1 SPICCHIO D'AGLIO
PARMIGIANO REGGIANO
MAGGIORANA

Mischiare nel robot da cucina(io ho il bimby) tutte le parti liquide (acqua,lievito madre, olio extravergine), aggiungere la farina e la fecola e impastare per 3 minuti; alla fine aggiungere il sale e impastare per 1 minuto.
Togliere il composto che risulterà liquido e spatolarlo a lungo in una ciotola, coprirlo con uno strofinaccio e lasciarlo riposare in luogo non ventilato ( io lo metto dentro al forno).
Io l'ho lasciato risposare tutta notte e al mattino la pasta era triplicata...piena di bollicine.
Pulire le zucchine, tagliare a fettine sottili per lungo e cuocerle in una padella con uno spicchio d'aglio e della maggiorana per circa 10 minuti.
A questo punto accendere il forno a 220° e nel frattempo stendere in una teglia grande il composto.
Ricoprire la superficie della teglia con le zucchine ed una abbondante spolverata di parmigiano.
Aggiungere dell'olio sulla superficie.
Cuocere la focaccia per circa 40 minuti, o quando la vedrete bella dorata. Spegnere il forno, lasciarla riposare 10 minuti e poi servirla.

E' venuta morbida, morbida....buona buona!

Dopo le mani in pasta, un po' di mani in testa.

RISVEGLI NOTTURNI

I risvegli notturni sono stati durante i primi mesi la nostra coccola, dove io seduta nel letto li allattavo, leggevo e poi nel silenzio della notte mi alzavo per cambiarli....perché sempre facevano la cacca.

Poi i risvegli notturni sono stati i miei passi veloci che correvano in camera loro, le coccole dalle sbarre del lettino, io che mi sdraiavo in un letto piccolo e mi accucciavo accanto al bimbo desideroso di calore.
Poi i risvegli notturni sono stati quelli di una mamma infuriata e stremata dal sonno che un po' dice parolacce, ma nel tragitto dalla mia stanza alla loro si calma, respira e si mette in ascolto.
Adesso i risvegli notturni, non me li aspettavo...anche perché il sonno del pomeriggio è stato soppresso alla materna e quindi loro alle 20 sono cotti....e quindi la madre un po' esaurita si sta interrogando sul motivo di questa agitazione.
Per Martina temo che la divisione da suo fratello sia un po' più dolorosa di quella che mi aspettavo, nel senso che lei alla scuola materna lo cerca e quando mangiano o giocano in salone lo controlla per vedere come sta....Io un po' in colpa mi sento, ma credo sia necessario uno stacco, sia importante uno spazio privilegiato per ciascuno, per il loro bene e per il mio.
Io mamma doppia spesso li considero e li vivo come una cosa sola, ma non perché loro siano simili, ma perché hanno la stessa età e quindi propongo le stesse attività da fare con me.
E' difficile dedicare tempo separato a ciascuno e poi Martina, quando lui non c'è, lo cerca....
I bambini sono essere così sensibili che per manifestare una cosa utilizzano mille sintomi: mal di pancia, risvegli notturni, capricci....ed io a volte agisco sulla situazione imminente invece che chiedermi cosa c'è ed interrogarmi su come risolverla.
Quindi in verità vorrei che la smettessero di svegliarsi di notte, e vorrei poter dormire per essere più serena e scattante durante il giorno....ma il perpetuarsi di questa cosa mi porta a riflettere su di loro e a capirli e a provare ad ascoltarli singolarmente, uno per uno.....nel silenzio della notte, mi avvicino, mi alzo e  chiedo "Cosa c'è?"....."Avevo solo sete." Ecco io ci sono piccoli miei anche per l'acqua di notte, la pipì e i draghi nel letto....e un po' vi ringrazio perché proprio quando mi perdo nella stressante quotidianità voi con un colpo gobbo mi riportate a voi e al nostro tempo liquido e silenzioso di un tempo.

Commenti

  1. mi fai venir voglia di trasformare un pezzetto di madre in liquida...
    per il resto, spero che stanotte vada meglio, a tutti, nonostante tutto!!

    RispondiElimina
  2. E si una ricaduta puo' esserci nei loro momenti di disagio ...e tu la stai affrontando veramente bene ...cogliendo il lato positivo della cosa ...poter essere con loro uno alla volta .....

    Vedrai che quando Martina capirà che il fratello è sereno si rasserenerà anche lei ....è già una donnina pronta ad accogliere e ad accudire .....grande sensibilità

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…