Passa ai contenuti principali

FESTA DI COMPLEANNO: MODALITA' ON

Ecco anche quest'anno il tunnel della festa di compleanno.
Dopo tanti tanti discorsi, decisioni e mille organizzazioni abbiamo optato per una festa a casa...o meglio con delle feste a casa.
La prima in ordine di tempo e non di importanza sarà quella di Venerdì dove i nani hanno invitato 4 bambini/ e per uno: quindi 8 bambini e 8 mamme.
Non abbiamo fatto poca fatica a far scegliere solo 4 bambini e mi sono sentita un po' crudele.
Martina è riuscita subito ad individuare le sue amiche top, ma Seba, il bambino che tutti acclamano per il paese, lui che ha mille amici e cento fratelli ha fatto più fatica.
Io però quest'anno ho scelto di fare le cose in piccolo, di non affittare stanze, di non andare negli odiosissimi (per me) parchi con gonfiabili, ma di organizzare una festa "all'antica" a casa, con giochi semplici e torte fai da te.
Forse un po' triste e da abbraccialberi (come dicono i miei amici), ma io sono felice così...meno stress e più divertimento
Quindi adesso dobbiamo organizzare giochi e soprattutto dopo i biglietti con tema di rapunzel, batman e spiderman vogliono la torta a tema.
Io adoro cucinare e le torte, ho fatto un corso di 3 serate di pasticceria...ma temo di fallire.
Sicuramente ho scelto il blog da cui copierò le torte e da Giovedì spignatterò come una pazza.
Per la prima festa è tutto....posterò poi fotine e torte.
La seconda festa è quella con i nostri amici, che hanno tutti bambini della loro età e con cui passiamo tanto tempo...qui è più semplice merenda - aperitivo/cena  ed una amica brava quasi come me (scherzo!) che farà una torta.....qui i giochi se li faranno da soli spero e noi ci divertiremo a festeggiarli insieme.
La terza ed ultima festa sarà quella con i nonni, anche qui merenda- aperitivo più easy e molto familiare.
Ecco questo è il mio programmino per il weekend....

In momenti in cui alcuni aspetti della mia vita sono difficili e torno spesso a casa nervosa,stanca e con poca voglia di avere qualcuno accanto....il pensiero di dedicare il mio tempo a loro, ai miei figli, mi riempie di energie e voglia di fare.
Anche se ammetto di non essere la donna che vede nei figli la sua realizzazione, ma che ha bisogni dei suoi spazi e di altre soddisfazioni, di dedicarsi anime e corpo nelle cose in cui crede....ma poi quando si perde deve tornare al centro e il centro sono i miei figli, la mia famiglia.
Il centro dove tornare.....
Ora cito una canzone di un cantautore italiano che adoro che rende un po' il significato che io do a FAMIGLIA:
"Sei sempre così il centro del mondo
il primo bengala sparato nel cielo quando mi perdo
sei sempre così il centro del mondo
ti prendi il mio tempo, ti prendi il mio spazio, ti prendi il mio meglio." LIGABUE

Ecco come sia passata da festa di compleanno ad un discorso così filosofico è mistero.....
A comunque finita la festa per i gemelli comincerà quella dei 15 anni della ado....anche se dubito che vorrà la torta di rapunzel.....per fortuna?!!?


Commenti

  1. io devo ancora decidere come festeggiare il compleanno dei turulli (quattro anni a settembre); e a dicembre arriva quella del grande... quindi BRAVA! concordo... anche io devo tornare al centro :)

    RispondiElimina
  2. E posso dire ... io c'ero e diana ha superato se stessa e anche l'imbattibile pezzo sarebbe rimasta a bocca aperta. La torta da principessa per la marti erastrepitosa

    RispondiElimina
  3. Ora si aspettano le fotine!!!
    brabissima e super coaraggiosa: 3 feste in 3 giorni!!?!?!

    ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…