Passa ai contenuti principali

Raccontami una storia?!

Un po' per lavoro, un po' perchè è il mese della lettura e un po' perchè amo leggere tanto quanto scrivere....mi sto affogando di libri per bambini e sto riflettendo sull'importanza "..di una storia "per loro.
Noi il rito della storia serale orami ce lo abbiamo da un pezzo, quindi una volta nei loro lettini la mamma o il papà , a seconda del turno (non sono proprio stabiliti...infatti io ne faccio di più...per passione mia) racconta la storia.
La prima regola è : luce spenta o solo lucina per leggere.
La seconda è: tutti i bisogni primari (cacca,pipì, sete, freddo, caldo) devono essere espletati.
La terza regola prevede la testa sul cuscino....e si inizia.
Prima da brava mamma prendevo vari libri di fiabe da quelle classiche tipo Cenerentola,Biancaneve detta Campaneve, Cappucetto rosso, I tre porcellini e via dicendo e mi attenevo al testo.
L'altra regola da non dimenticare è che devo fare un po' per uno...quindi la storia si legge un pezzo sul letto di un bimbo e uno sul letto dell'altro.
Io, però, che difficilmente riesco ad essere metodica e adoro cambiare delle fiabe classiche mi sono stanacata subito...quindi prima le ho mischiate...Cenerentola che si innamora del lupo, poi gli ho cambiato colore Capuccetto dai mille colori, poi sono passata ad un infinità di mille libri belli per bambini e alla fine è toccato a :
Vogliamo la storia di quel bambino che non voleva mai dormire, vogliamo quella della tigre e l'altra e dello sceriffo.
Ogni sera io ho un tema da svolgere con tento di bel finale e morale....il voto lo giudico dalla quantità di bei sogni fatti la notte.
Anche papone non poteva sfuggire a questo rituale, ma lui si è inventato la saga del granchio Claudio....
I generi sono così divisi:
- papone genere comico, demenziale e fantasy.
- mamma genere educativo, storico, istruttivo.
Loro adorano ovviamente tutti i generi proposti e quindi spaziano la loro cultura dal trash al classico.

Altra cosa che facciamo spesso, almeno una volta al mese è il giretto in biblioteca....che io i libri li adoro e alcuni poi me li compro...ma non ho posto per tutti quelli che vorrei.
Quando erano più piccini appena arrivati in biblio avevano entrambi un bisogno primario (...cacca..) quindi la prima mezz'ora me la giocavo nella toilette della biblio.
Una volta una psicologa presente mi ha detto che era perché si sentivano a loro agio che riuscivano a liberarsi...io ho sempre sospettato invece una certa regolarità intestinale.

Ora il cult è merenda in biblioteca...ci sediamo mangiamo e sfogliamo. La bibliotecaria si siede con noi e mostra ai miei figli i libri che loro richiedono: "Voglio quello dei supereroi"..."Io quello della stella...."etc.
Dopo averli convinti a prendere solo due libri a testa, andiamo a registrarli...operazione che ormai svolgono in autonomia con la supervisione della bibliotecaria.
Una volta a casa ....divano e lettura....
Da consigliare ne avrei un milione...perché mi piacciono tutti,ma a parte la storia del Gruffalò....che è molto bella perché è anche in rima ce n'è stato uno che abbiamo letto circa un milione di volte prima di riportarlo alla bibliotecaria ed è Gli amori di gatta Cecilia bello bello...

Lo so dovevo postare le foto delle torte del compleanno ma arriveranno....la festa è andata benone.
Lo so che prima postavo ricette e ora pure libri....qui nel mio blog racchiudo tutto ciò che amo : la mia famiglia, cucinare, leggere e scrivere....quindi mi sa che dei post dedicati ai libri ce ne saranno ancora.

Commenti

  1. Che bel post, mi sono sentita per un attimo anch'io in un lettino con la luce soffusa ad ascoltare cappuccetto giallo!

    RispondiElimina
  2. Ciao e piacere anche io sono mamma di due gemelle, ora 4 anni e anche noi la sera se non cadono stremate dall'asilo, lo dedichiamo a leggere prima di dormire. Un abbraccio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…