Passa ai contenuti principali

WAITING FOR SANTA CLAUS

Con l'inizio del calendario dell'avvento, che ogni anno mi prometto di fare homemade e come sempre uso quelli già fatti,  inizia per me il periodo più bello dell'anno.
Premettendo che non sono cattolica e quindi il significato religioso della festa non lo sento, amo questo periodo perché è ricco di piccole azioni che portano con sé una grande solidarietà.....anche del mero consumismo...ma io preferisco vedere sempre il lato più brillante della medaglia.
Stamattina ero di turno alla bancarella della scuola materna e dello spazio gioco del mio paese, dove abbiamo allestito un bellissimo mercatino di giocattoli usati e in buono stato, da far invidia ai grandi ipermercati. Io ho dedicato un'ora del mio tempo domenicale ad allestire la bancarella.
tutto il guadagno andrà a favore del comune di Medolla  per la ricostruzione di una scuola materna.
Stamattina al freddo...che è arrivato e porta con sé la magia del Natale, eravamo in tante tutte pronte a comprare e a donare del tempo per gli altri.
Io nel Natale vedo questo aspetto del dono, di pensare alle persone a cui vuoi bene e di preparare qualcosa di speciale da regalare a loro...non è obbligatorio comprare.
Io da un po' di anni preparo marmellate, dadi fatti in casa etc. pensati per ognuno e regalati con cuore.

Nel frattempo a casa nostra è arrivata la varicella e da Giovedì il povero Seb. si sta pian piano riempiendo di pustole....con prurito annesso.
Martina resiste, anche se Venerdì ha pianto perché giustamente "Anche io voglio la varicella....non è giusto che la fanno tutti e io no!"....la scuola materna è decimata.
In questi giorni che ha visto l'effetto della varicella sul fratello però ha cambiato idea.
Costretti a casa ieri abbiamo fatto i biscotti zoomorfi con la varicella:

BISCOTTI IN VARICELLA'S STYLE
- 200 GR DI FARINA TIPO 0
- 40 GR DI ZUCCHERO MASCOBADO
- 1 CUCCHIAIO DI CANNELLA E NOCE MOSCATA
- 150 GR DI BURRO
- 1 UOVO

METTERE NEL ROBOT DA CUCINA LA FARINA, LO ZUCCHERO, E LE SPEZIE E MESCOLARE PER 1 MINUTO.
AGGIUNGERE IL BURRO A TOCCHETTI E IMPASTARE PER 2 MINUTI. QUANDO IL BURRO SI SARA' SCIOLTO, AGGIUNGERE L'UOVO E MESCOLARE 1 MINUTO.
LAVORARE CON LE MANI IL COMPOSTO E FORMARE UN PANETTO DA RIPORRE NEL FRIGOR PER 30 MINUTI.
LASCIATO RIPOSARE IL COMPOSTO STENDERLO CON IL MATTARELLO E FARE DELLE FORMINE DI ANIMALI CON I VOSTRI BAMBINI.
INFORNARE A 180° PER CIRCA 10 MINUTI.
LA VARICELLA E' DATA DALLO ZUCCHERO MASCOBADO CHE NON SI SCIOGLIE DEL TUTTO E LASCIA PICCOLE MACCHIE BRUNE.






Sempre in tema di Natale e cura delle relazioni ho deciso di partecipare a questo bellissimo Swap di AnnaTheNice.
Sempre in tema di Natale oggi farò l'albero con i bimbi....abbiamo deciso di decorarlo con biscotti e luci colorate...posterò foto.
Ora mi metto al lavoro

Commenti

  1. Ciao! ho appena scoperto il tuo blog, ed essendo anch'io mamma di gemelli (e scrivendo su Gemelliribelli.wordpress.it), lo prendo come una fonte di confronto e ispirazione!

    P.S. anche per me Natale è il periodo più bello dell'anno,ma...ho socperto solo oggi che fare l'albero con due pesti di 22 mesi è tutt'altro che divertente e rilassante...mamma che stress! A presto

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…