Passa ai contenuti principali

BRAVO BRAVO BRAVO BRAVISSIMO!

L'argomento principe di oggi è un po' nella mia pancia, poi sollecitata da questo post e con mille idee che non si potevano raccogliere in un commento ho deciso di scrivere.
Io sono una madre che si sbrodola in lodi? Sono una di quelle che si commuovono per ogni conquista dei suoi figli? Sono una specie di "grupie" dei miei figli? Ho capito qual'è la giusta misura della lode?
Rispetto ai miei figli, avendone tre e tutti molto diversi per carattere, capacità e affinità e una di età completamente diversa dagli altri....la mia laude è sicuramente molto diversa.
Morgana, la ado....lei sostiene che non la lodo abbastanza, che di fronte a dei bei voti non mi spreco in complimenti e nemmeno quando su insistenti richieste velate o meno mi aiuta in casa....ecco per questo argomento sono mamma vecchio stile e penso "E' il tuo dovere"....non lo dico, ma lo penso. Quindi a meno che non faccia cosa particolarmente sorprendenti come prendere 9 in qualche verifica, mi limito a dire "Bene, hai studiato". Sembra che tutto ciò sia visto però da lei come mancanza di entusiasmo nei suoi confronti e quindi poco interesse.
Ogni tanto le dico che è brava per qualcosa, ma probabilmente senza il pathos che lei ritiene corretto.
Ecco su questo punto mi sto ancora interrogando sulla giusta misura, perché è ovvio che son felice quando a scuola va bene, etc....però (si lo so sono la mamma) essendo lei molto intelligente a volte penso non si sforzi a sufficienza e quindi il mio "finto" entusiasmo si vede.....(é anche giusto che lei faccia ciò che si sente di fare in questo momento....quindi anche se non prende sempre 9 ....per me va bene).
Martina, bambina molto sveglia ed attenta, curiosa di imparare alcune cose e molto pronta a sforzarsi per farle....ha gattonato per seconda,ma ha camminato per prima, ha parlato prima, anche se in un modo suo.
Lei mi aiuta in casa, ed ha solo 4 anni, ma senza dire niente, arriva e ti porta l'oggetto che cercavi, ti chiede se può pulire il tavolo,ordinare i vestiti, aiutare suo fratello....etc.
Lei la lodo sufficientemente perché a volte davvero mi sorprende per le domande che fa, per la prontezza di riflessi e stupita proferisco: "Brava Amore"....e vedo nei suoi occhi il luccichio.
Sebastiano, bambino sveglio e attento, appassionato di cucina e lettura, curioso, ma poco propenso allo sbattimento,si arrende facilmente.
Lui adora aiutare in cucina, ma odia vestirsi, riordinare,sparecchiare....con una fervida fantasia che lo vede ogni giorno trasformarsi in un essere diverso.
Lui lo lodo tanto, quando sistema, quando si veste, quando mangia, e mi rendo conto che sbaglio.
Uso la lode per spronarlo, per incoraggiarlo e mi rendo conto che è una finta lode....è una cosa che faccio per "manipolare" il suo comportamento...nella speranza che Domani faccia così perché io ho detto bravo....ma non si fa!!!
Quale è la giusta misura della lode? Come faccio ad essere una mamma partecipe ma non ipocrita e soprattutto come posso sapere quando le mie lodi sono finte...ovvero volte a modificare il comportamento di mio figlio e quanto sono vere...quindi volte a congraturarsi per i bei risultati raggiunti.
La mia paura risiede sia per la prima figlia che non sentendosi lodata crede che io non sia interessata a lei, sia per la seconda figlia, alla quale le lodi creano un luccichio sia al terzo bambino che lodo per migliorare.
Devo davvero imparare a modificare il mio modo di restituire ai miei figli che qualcosa è stata fatta bene o no, devo restituire il valore delle loro azioni senza dare giudizio sulla persona....cose che conosco a menadito, ma che poi nella pratica quotidiana son difficili da mettere in pratica.
Ma perché ho tutti questi problemi con la lode?
Perché non voglio crescere dei figli che si sentiranno bene con se stessi solo se c'è qualcuno che glielo dice, perché non voglio che cerchino l'approvazione a tutti i costi e perché nella vita si può sbagliare e proprio lì in mezzo all'errore si deve imparare a ricominciare.
Quindi anche senza bravo, bravissimo cercherò di passare il mio amore, il mio rispetto e la mia ammirazione....che non vuol dire che non userò più quella parola, ma che ogni volta che mi verrà di pronunciarla....penserò a tutto questo filo del pensiero.

Commenti

  1. Solo due parole, anzi, tre: TI CAPISCO DAVVERO! Grazie per questo bel post, mi sta facendo pensare, di nuovo e ancora...

    RispondiElimina
  2. Hai fatto ottime osservazioni, è un post con molti punti di riflessione.
    Io penso che i figli vadano lodati, non solo per i successi (tipo i 9 a scuola), ma soprattutto quando riescono a completare qualcosa su cui hanno diverse difficoltà.
    Rimanendo in tema scolastico, può essere lodato più un 6 in una materia ostica di un 9 in una materia che è nelle proprie corde.
    Idem a casa coi piccolini ovviamente.
    Penso che la gratificazione da parte dei genitori sia sempre molto importante. Quando saranno adulti arriveranno diversi tipi di lodi e gratificazioni, in altre forme, ma la serie causa-effetto varrà sempre.
    La difficoltà quindi è far capire che se si sbaglia, non è la fine del mondo, ci si rialza e si prova a migliorare. E quando il miglioramento arriva, arriva anche la lode, e quella della mamma vale doppio.
    Questo è il modo in cui mia madre mi ha cresciuto, ed è quanto sto cercando di fare con la mia primogenita, penso sia la scelta giusta. Mia madre mi ha raccontato tante volte di come i suoi successi nella vita non fossero stati lodati ma anzi, accettati come dovuti, e di come ci sia sempre rimasta malissimo perché si è sforzata di fare sempre meglio, sempre di più, per ricevere quelle lodi che alla fine non sono mai arrivate.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

FELICE GIORNO DELLA NASCITA

E' arrivato il 15 Novembre e tu non sei qui con me.
E' il primo compleanno da quando sei nata che passiamo lontane.
Hai compiuto gli anni ed io e i tuoi fratelli ti abbiamo cantato una sguaiata canzoncina tramite whatsup.
Hai compiuto gli anni ed io non ho potuto darti un bacio e darti un regalo.
Quest'anno, come non mai, il tuo compleanno è felice giorno della nascita...già perché non si nasce solo quando si viene al mondo, ma si nasce un sacco di volte nel corso della vita.
Tu sei nata a te stessa e al mondo e hai deciso di partire alla ricerca della tua missione.
Tu sei nata ai tuoi progetti e ai tuoi sogni e hai deciso di corrergli incontro.
Il tuo compleanno è ora, perché non c'è modo migliore di festeggiare il nostro venire al mondo che celebrarla la vita!
Tu nell'ultimo periodo hai celebrato ogni giorno e hai sparso in giro le tue gocce di serenità e gioia ed io le ho viste nello sguardo di chi ti ha incrociato.
Il giorno della tua nascita...io c'ero e s…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…