Passa ai contenuti principali

La mamma lavoratrice

Salve a tutti,
sono una donna di .....anni (compiuti da poco) ho tot.anni di esperienza in questo settore e quest'altro....e sono mamma di 3 figli.
Lavoro part-time 35 ore la settimana più alcuni progetti privati e sono mamma di 3 figli.
Il mio lavoro mi piace e credo di essere competente in quello che faccio, posso sempre migliorare certo, ma chi non può....sono mamma di 3 figli.
Fissi una riunione per le 8,30....certo che posso venire...mi organizzo: preparo vestiti per due bimbi, carico lavastoviglie, preparo lavatrice, sistemo la cucina e preparo la colazione ...ah poi mi vesto e  mi preparo ed arrivo....sono madre di 3 figli....se devo anche portare i nani all'asilo....facciamo 9 sono più sicura di arrivare.
Suona il telefono e tu sei al lavoro..."ASILO"....devo rispondere...."Arrivo a prenderla"....scusate ma devo andare bimba malata....si lavoro ma sono mamma di 3 figli.
Lavorare per me è importante, il mio  lavoro per me è importante, ma non sceglierei mai la carriera perchè comuque sono madre di 3 figli.
Sono lavoratrice anche quando sono in ufficio e loro sono a casa con quasi 80° in due e io mi ritrovo a telefonare e chiedere come stanno in 5 minuti...perchè sono mamma lavoratrice.
Ribadisco io adoro lavorare e non starei a casa a fare "Solo" la mamma perchè non rientra nelle mie corde, ma i miracoli che faccio per far quadrare la settimana quando ci sono chiusure dell'asilo e della scuola o malattie che colpiscono dal giorno alla mattina ....solo io li so!
Oggi questo piccolo sfogo perchè è  una settimana che dormo male, ho i bambini malati e cerco di non far saltare nemmeno un appuntamento di lavoro...corro, cerco di finire il lavoro da casa perchè mi piace il mio lavoro, ma gestire una coppia di twins malati non è semplice se a questo si aggiunge una ado inizia ad avere qualche dolore e a svegliarsi anche di lei di notte....non lo è per niente.
Io sono un po' alla frutta, ma stringo i denti e resisto e vado al lavoro e cerco di portare a termine tutto quello che devo fare per poi far ritorno a casa e ricominciare a misurare la febbre, dare medicine, soffiare i nasi, pulire panni, preparare cene leggere, sentire la pediatra e via dicendo.
Perchè una donna, mamma che lavora è tutto questo e anche molto di più.
Non credo che i miracoli della mamma lavoratrice si riescano ad includere in questo scarno elenco, ma mi prodigherò per fare un elenco aggiornato della altre mille competenze acquisite così che ognuna di noi potrà inserirle nel suo curriculum...perchè una donna che lavora e ha dei figli è molto più di quella che si presenta al lavoro sempre e comunque...anche nelle mattine in cui vorrebbe mandare tutto a viole, infilarsi sotto il piumone e coccolare i suoi cuccioli malati!
Io in tutto questo ho anche una piccola fortuna....dei nonni in pensione che mi sostituiscono quando sono al lavoro...un post in loro onore a breve. 

Commenti

  1. condivido a pieno riuscire a incastrare tutto è un impresa da titani e da acrobati assieme
    per fortuna esistono i nonni disponibili

    RispondiElimina
  2. Prima di avere figli ho sempre detto NON rinunciero' mai al lavoro...dopo i twins sono un po' piu' "morbida" in questo ...e dopo settimane di malattia dico io VORREI PROPRIO rimanere a casa a fare SOLO la mamma!

    RispondiElimina
  3. potrei mettere la mia firma sotto questo articolo....con la differenza che non ho nonni a supporto. le 3 pesti hanno 7, 6 e 2 anni, rispettivamente a scuola elementare, materna e nido, e ogni giorno, ogni ora è un'acrobazia.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…