Passa ai contenuti principali

25/04/2013

E' dall'anno in cui siete nati che ogni 25 Aprile vi portiamo alla manifestazione.
Arriviamo quasi sempre puntuali alla stazione e in mezzo a mille saluti, abbracci e chiacchiere percorriamo il Viale centrale della nostra città, senza schierarci dietro nessuna bandiera, ma orgogliosi di camminare insieme ad uomini ormai anziani che hanno rischiato la vita per la nostra libertà.
Voi ignari di tutto camminate vestiti nelle vostre magliette rosse e guardate la gente che sventola bandiere e canta.
Come si spiega a dei bambini cosa è il 25 Aprile, chi sono i Fascisti, chi era Hitler, perché ci hanno salvato gli americani?
Chi sono quei nonni che  parlano, perché si mettono corone di fiori sul monumento ai caduti, cosa è la guerra?
E' difficile il compito del genitore ovviamente sotto tanti aspetti, ma quando c'è di mezzo la coscienza critica, la famosa educazione civica e la trasmissione di valori.... le cose per me si fanno ancora più complicate.
Io faccio del mio meglio per fornire ad ogni mio figlio risposte vere sui fatti della vita, ovviamente ricalibrati alla loro età.
Credo che rispondere sinceramente alle loro domande anche su argomenti difficili, scegliendo le parole e la storia giusta sia parte del mio educare.
Niente risposte frettolose o false anche su domande difficili, ma io sono per parlare e spiegare ogni curiosità...per stimolarla e soddisfarla.
La cosa che però più mi aiuta in questa difficile educazione civica è sapere che intorno a me gli amici ci sono, mi aiutano a trasmettere quei valori che spero i miei figli imparino e  gli amici insieme a me dimostrano con la loro presenza di crederci.
Io credo che bisogna dimostrare la nostra vicinanza a chi anni fa' ha lottato per la nostra libertà, che bisogna dire no a chi fa valere la sua ragione con la forza.
Io vi insegnerò a dire No alla violenza, agli autoritarismi, alle intolleranze, alle libertà proprie che ne calpestano delle altre, alle convinzioni assolute.
Io vi insegnerò che la cosa importante è credere nel cambiamento, credere nei propri valori non vuol dire uccidere quegli degli altri, rispettare gli altri e mostrare riconoscenza alle persone che hanno lottato prima di noi.
Io vorrei che questo rimanesse nelle vostre testoline come ricordo dei nostri 25 Aprile e finché verrete con me sfileremo ogni anno e ogni anno ricorderemo l'importanza della tolleranza e dei giusti valori.
Il 25 Aprile è anche amici, grigliata e in genere segna il nostro inizio di primavera ( non quest'anno.....piove piove piove!), l'inizio delle giornate più fuori che in casa.
Il 25 Aprile un giorno che sancisce la liberazione dell'Italia....proprio in questo momento  storico ,bambini miei vi vorrei riportare allo spirito di quel giorno e  vi vorrei infondere la fiducia che le cose possono cambiare, come grazie a quel giorno fu cambiata per sempre la storia dell'Italia e del mondo intero.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…