Passa ai contenuti principali

Caro ..... perché te ne sei andato?

Oggi è stata una giornata di vero lutto nella mia vita, e questa settimana  già due cari, mi hanno lasciato.
Lunedì il mio caro ferro da stiro ha deciso di "svampare" quindi ora nel mio ripostiglio soggiornano panni e panni in attesa che qualche animo pio si decida a renderli lisci e mettibili.
Ora il ferro soggiorna nell'ospedale degli elettrodomestici rotti e dopo una piccola cauzione tra un paio i giorni ci farà sapere la diagnosi.
Stamattina però è accaduto l'irreparabile.
Dopo una serata all'insegna di biscotti cioccolatosi per festeggiare il compleanno di papone, ed ad impastare due soffici pagnotte....stamattina nell'accendere il forno per cuocerle...si è svampato!
Io che per rilassarmi impasto e inforno pane, torte e biscotti. Io che ho una passione innata per i lievitati, che sabato per papone volevo fare le lasagne.
Io che veramente di lavoro vorrei fare la panettiera...senza forno mi sento come un mare senza onde.
Il pane e la scoperta del lievito madre sono state per me fonte di ispirazione e di sogni. Giro per i siti di cucina e cerco di scovare ricettine veloci per fare biscotti in casa o torte per la colazione...per la nostra spending review.
Io uso l'impasto e la magia di vedere il pane che lievita per calmarmi, adoro avere le mani appiccicose e ho un sacco di magliette con piccole macchie di impasto sulle maniche. Io che spesso vado al lavoro anche con le mani sporche di impasto e che per sentirmi felice mi siedo davanti ad un forno e osservo il pane che cresce con l'andare del tempo.
Io che per profumare la casa credo che il profumo di pane,biscotti e torte sia il migliore.
Io che voglio trasmettere ai miei figli l'arte del mangiare bene e il piacere della cucina.
Io che come sogno ho quello di fare corsi sui lievitati.
Io ecco oggi senza forno mi sento smarrita....e vi dirò sono ancora più spaventata al pensiero di doverlo cambiare...perché imparare a ricucinare in un forno nuovo non sarà semplice.
Si lo so nulla di tragico...,ma già caro forno mi viene da dire perché te ne sei andato? Qui c'è gente che ti vuole bene....

RICETTA DEGLI ULTIMI BISCOTTI COTTI NEL FORNO CHE FU'
Ricetta liberamente modificata da quella di Annathenice 

200 gr di farina tipo 0
50 gr di cacao solubile (equo e solidale)
1 cucchiaino di bicarbonato
1 pizzico di sale
100 gr di zucchero vanigliato
1 uovo
100 gr di burro
50 gr cioccolato al latte (resti delle uova di pasqua)

Mescolare in una ciotola tutti gli ingredienti secchi (Farina, cacao, bicarbonato, sale).
Mescolare uovo con lo zucchero vanigliato.
Sciogliere nel microonde cioccolato e burro. Mescolare questi ingredienti nella ciotola dell'uova.
Mettere questi ingredienti nella ciotola degli ingredienti secchi e mescolare.
Si formerà una pasta frolla, che io ho steso subito e ritagliato con una formina a cuore.
Infornare a 180° per circa 7 minuti.




Commenti

  1. eddaiiiiii che forza!!!!
    hai un modo di scrivere che contagia ritmo e allegria. Si vede che hai un bel da fare, tanto che non riesci a fermarti nemmeno con il flusso delle parole.
    embè? e le foto dei biscotti? tutti spazzati via prima che potessi fotografarli?
    un abbraccio
    E grazie per la citazione!
    Anna

    RispondiElimina
  2. noooo passi il ferro da stiro ma senza il forno non potrei stare! anche io avevo provato la pasta madre e davvero il pane ha tutto un altro sapore...peccato che poi si sia inacidita..e non sono più riuscita a farla tornare buona :-( se ti va si accettano suggerimenti sul suo utilizzo (come ad esempio rinfrescarla anche se non si fa in tempo ad impastare se ritrovarsene poi sommersi :-) )

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

FELICE GIORNO DELLA NASCITA

E' arrivato il 15 Novembre e tu non sei qui con me.
E' il primo compleanno da quando sei nata che passiamo lontane.
Hai compiuto gli anni ed io e i tuoi fratelli ti abbiamo cantato una sguaiata canzoncina tramite whatsup.
Hai compiuto gli anni ed io non ho potuto darti un bacio e darti un regalo.
Quest'anno, come non mai, il tuo compleanno è felice giorno della nascita...già perché non si nasce solo quando si viene al mondo, ma si nasce un sacco di volte nel corso della vita.
Tu sei nata a te stessa e al mondo e hai deciso di partire alla ricerca della tua missione.
Tu sei nata ai tuoi progetti e ai tuoi sogni e hai deciso di corrergli incontro.
Il tuo compleanno è ora, perché non c'è modo migliore di festeggiare il nostro venire al mondo che celebrarla la vita!
Tu nell'ultimo periodo hai celebrato ogni giorno e hai sparso in giro le tue gocce di serenità e gioia ed io le ho viste nello sguardo di chi ti ha incrociato.
Il giorno della tua nascita...io c'ero e s…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…