Passa ai contenuti principali

GLI UOMINI VENGONO DA MARTE




Ieri stavo parlando con una persona della differenza dei punti di vista e delle priorità tra uomini e donne e lei mi ha citato il tanto famoso dove si spiegano le differenze di genere...e io ho detto :" Io sono madre di un maschio, magari posso cambiare qualcosa!".

Detta questa frase mi sono venuti alla mente tutti i pensieri legati alla mia prima volta di mamma di figlio maschio e alla scoperta che questo ha portato per me.
Il mio Seba:
- Canta tutto il giorno canzoni inventate che parlano di mostri, cartoni animati e amore (in questo periodo il suo inno più cantato è Ciao Amore di Tenco....non so da chi l'abbia sentito).
- Adora il calcio e ne parla come se fosse un intenditore dicendo ovviamante delle gran castronerie ad es: "mamma ti ricordi quando siamo andati a vedere l 'atalanta che giocava con l'Italia??"
- Ha un tono di voce molto, molto alto...adora gridare.
- Usa parole buffe ...e in pseudodialetto (questo lo fa anche Martina).
- E' un manesco, quando lo prende la gioia e la tristezza lui picchia....
- E' sensibile, se alzi un po' la voce o lo sgridi lui se ne va Urlando (ovviamente) e piangendo.
- Quando si fa male o sbaglia è sempre colpa tua (::::non commento....)
- E' ancora un po' impacciato nel vestirsi da solo, spesso mette i vestiti al contrario oppure non si mette la mutande (è andato anche all'asilo senza...)
- Non sa assolutamente dove trovare le cose in casa, ma chiede sempre dove sia tutto.
- Ha un sacco di amici, quando usciamo a fare delle passeggiate tutti lo conoscono.
- Quando vado a prenderlo all'asilo in genere piange perché vuole il papà.
- Adora il papà, stravede per il suo papà...e io gli sto simpatica dai...!
- E' sempre nel suo mondo fatato e farlo tornare nel nostro non è sempre così facile....a volte vado anche io nel suo e lo convinco a tornare un attimo con i piedi per terra.
- A tavola sempre di mangiare con Peppa Pig, sempre zozzo e pieno di cibo sui pantaloni.
- Se c'è una pozzanghera lui ci entrerà dentro fino alle orecchie e riuscirà a sporcarsi consecutivamente anche due giacche e due paia di scarpe.
- Adora cucinare, assaggiare, mescolare....un cuoco pasticcione 

Questo è il quadro del mio ometto diametralmente opposto alla sua sorella, e tante volte anche a me.
Io fatico un pochino a farmi ascoltare, ma  poi mi diverte tanto e non riesco sempre a sgridarlo. Lui vive sempre nella Fantasia più pura e inventa storie e canzoni esilaranti...è un compagnone e quando è in vena si fa coccolare e mi coccola fino a farmi sciogliere.
Dimenticavo ha una passione per il seno femminile...e per le amiche della ado...se ne innamora sempre...
Accetto consigli per crescere il nuovo uomo del duemila.

Commenti

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…