Passa ai contenuti principali

AMICIZIA dall'adolescenza ad oggi

L'amicizia per me è sempre stata molto importante, come per chiunque altro.
In alcuni momenti della mia vita è stata totalizzante, inglobante, onnipresente....avevo l'amica del cuore, quella con cui ho condiviso gioie e dolori, fregature e vittorie, quella che era più bella di me e quindi è capitato che un ragazzo, di cui io ero follemente innamorata, si sia messo con lei
Quella delle fughe ai concerti, delle serate in discoteca e delle vacanze in Sicilia.L'Amica con la A maiuscola.
Poi è passata, non so esattamente come, ma ci siamo perse di vista...sicuramente a causa dei primi amori, delle vere lovestory e così il giro di amicizie si è modificato e ha preso un'altro giro.
Il secondo giro sono state  le amicizie legate al fidanzato del momento, alle uscite con i suoi amici, al suo giro....che una volta terminato l'amore sono svanite come neve al sole.
Poi ci sono quelle delle medie e  del liceo, dove ovviamente c'era anche l'Amica(bocciata un anno e quindi finita in altra classe ), e di  quelle alcune sono rimaste, poche ma buone, tra cui l'Amico:
quello maschio,quello che ci conosciamo fin dalle elemetari, quello che da bambina pensassi fosse il tuo fidanzato e poi più grande è l'unico uomo a cui è toccato il privilegio di vederti nello stato peggiore, tanto non ci avrestimai  fatto niente e lo sa....
Poi hai una figlia a 22 anni e alcune amicizie si diradano, le amiche ti chiamo e vanno a ballare e tu balli a casa da sola per far dormire la pupa,le amiche escono per l'aperitivo e tu vorresti dormire alle 20 dopo la notte insonne, le amiche commentano la moda del momento mentre tu ti informi sull'asilo migliore.
Quindi c'è stato un periodo della mia vita in cui le amiche sono state poche e prettamente telefoniche e di informazione(Come va? La bambina? E' vero che ti sei separata? Hai un nuovo amore?)
Io sono cresciuta senza amiche per un po', senza nessuno con cui piangere o ridere o da chiamare quando ero sola.Sono rinata dalle mie difficoltà da sola e forse la scorza della solitudine mi ha portato ad abbandonare alcune persone, a cui voglio un mondo di bene, ma che sento poco e vedo rarissimamente e a credere che potevo star bene anche senza amiche.
La vita poi fa i suoi giri e ti ritrovi ancora da capo a conoscere gente e condividere emozioni con altre persone e scoprire che tu dell'amicizia hai bisogno, che è bello sapere che hai persone che si preoccupano per te e tu di loro.
Poi  hai figli di nuovo e quindi meno tempo e quindi vivi ancora un po' di aridità per scoprire che l'amicizia è importante, che ne hai bisogno e che devi importi di coltivarla.
Oggi le mie amiche non sono tante e non  le sento comunque tutti i giorni...ma so che ci sono.
So che possiamo trovarci la sera con i figli o no e parlare sia delle fatiche che dei gossip, sia del lavoro che della vacanze.
Oggi intorno a me c'è un cerchio di donne con le quali negli ultimi anni sono cresciuta.
Noi abbiamo fatto un percorso insieme e ci siamo sostenute a vicenda.
Un grazie lo voglio dedicare alle loro orecchie che hanno ascoltato pazientemente la mia vita, alle loro bocche che hanno condiviso con me  pezzi della loro vita, alle loro mani che mi hanno sostenuto, alle braccia che mi hanno accolto e consolato, alle loro gambe che hanno percorso con me un pezzo di cammino e alla loro femminilità che ha aiutato la mia a fiorire più rigogliosa.
A tutte le amiche presenti, passate e future voglio dire grazie, perchè so quanto è difficile coltivare e coltivarsi.

Non è tanto l'aiuto dei nostri amici che ci aiuta, quanto la fiduciosa consapevolezza che ci aiuteranno.
Epicuro



Commenti

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…