Passa ai contenuti principali

A PARTE CHE GLI ANNI PASSANO PER NON TORNARE PIU'

Sono passati i vostri compleanni figli miei ed io sempre dopo pochi giorni dall'ultimo taglio di torta mi accorgo di come siete ormai tutti più grandi.
I miei adorati gioielli di anni ne hanno compiuti 5....festa di tutto rispetto all'oratorio con una torta di Peppa Pig su richiesta da parte di Martina ed una semplice al cioccolato per Sebastiano (ne ho fatta una super buona che alla fine del post linkerò...ma non è dietetica!)
La ado in punta di piedi invece è arrivata a compierà ben 16 anni, con cena ufficiale del fidanzato e invece alcune sere prima serata solo mamma e figlia: trucchi e cena tedesca.
Ora vi guardo e ripenso alla fatica dei parti, delle notti insonni, dell'allattamento, dello svezzamento, dello spannolinamento, dell'ambientamento,dell'alllontamento, dell'orientamento...etc.(che tormento!) e mi meraviglio della vostra crescita. Tre piccoli frugoletti che a loro modo, unico e inconfondibile, stanno diventando grandi. Tre frugoletti che ancora adesso cercano la mamma, a tutte le ore, con le domande più difficili al mondo, per condividere le cose belle e quelle brutte.
Io sono ancora qui...stupita e meravigliosamente innamorata di ciascuno di voi...perché ognuno di voi è una parte della mia metà e come un puzzle mi trovo completa.
A giorni completamente stanca, arrabbiata, imbufalita, acida...altri completamente devota, innamorata, serena ed accogliente.
Ma noi siamo cresciuti così, tutti e cinque sulle montagne russe....col fiato in gola fino a scoppiare e con la testa leggera quando si scende.
Io mi sento a mio agio dentro i nostri giri della morte, anche se grido e scalpito....sono al mio posto e mi godo " i nostri anni che passano per non tornare più" perché sono sicura ho voi come cinture di sicurezza della vita e quindi "...Niente paura ci pensa la vita mi han detto così".
Ora in mezzo a mille feste volevo condividere con voi il link di due torte fantastiche che ho fatto.
La prima l'ho eseguita paro paro...ed è questa.
L'altra avendola modificata vi scrivo la mia ricetta, ma questa è  la ricetta originale.

TORTA DI MELE CON MARMELLATA
300 GR FARINA DI FARRO BIANCO (Podere Pereto)
300 GR ZUCCHERO DI CANNA MASCOBADO
200 GR BURRO
1 BUSTINA CREMOR TARTARO
2 MELE GIALLE
UN BARATTOLO DI MARMELLATA KIWI E MELA (Rob del Bosco Oscuro)
BUCCIA GRATTUGIATA DI UN LIMONE.

Montare con le fruste elettriche il burro e lo zucchero. Aggiungere uno alla volta i tuorli. Aggiungere la farina e il lievito e la buccia del limone grattugiata.
 Montare  gli albumi un pochino fino a che non diventano spumosi  e versarli nell’impasto.
Versate l'impasto che risulterà non troppo morbido in una teglia ricoperta di carta forno.
Lavare le mele e sbucciarle. Tagliarle a fette sottili e infilarle nell'impasto molto vicine.
 Mettere un cucchiaino o più di marmellata tra le fettine di mele.
Infornate a 220° gradi per circa mezz'ora.





Commenti

  1. sei incredibile!
    Capisco perfettamente i tuoi stati d'animo e le sensazioni che provo con i tuoi figli, per i tuoi figli. I miei sono già grandi rispetto ai tuoi ma, credimi, non cambia nulla anche se sono grandi.
    I figli sono sempre figli.
    Mi hai fatto molta simpatia leggendo la ricetta. Ti ringrazio per la citazione, perchè significa che ti ho ispirata, ma con le modifica che hai fatto è diventata un'altra ricetta che, questa volta, proverò io, perchè mi sembra molto interessante. Grazie comunque per la tua correttezza.
    un abbraccio
    Anna

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

FELICE GIORNO DELLA NASCITA

E' arrivato il 15 Novembre e tu non sei qui con me.
E' il primo compleanno da quando sei nata che passiamo lontane.
Hai compiuto gli anni ed io e i tuoi fratelli ti abbiamo cantato una sguaiata canzoncina tramite whatsup.
Hai compiuto gli anni ed io non ho potuto darti un bacio e darti un regalo.
Quest'anno, come non mai, il tuo compleanno è felice giorno della nascita...già perché non si nasce solo quando si viene al mondo, ma si nasce un sacco di volte nel corso della vita.
Tu sei nata a te stessa e al mondo e hai deciso di partire alla ricerca della tua missione.
Tu sei nata ai tuoi progetti e ai tuoi sogni e hai deciso di corrergli incontro.
Il tuo compleanno è ora, perché non c'è modo migliore di festeggiare il nostro venire al mondo che celebrarla la vita!
Tu nell'ultimo periodo hai celebrato ogni giorno e hai sparso in giro le tue gocce di serenità e gioia ed io le ho viste nello sguardo di chi ti ha incrociato.
Il giorno della tua nascita...io c'ero e s…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…