Passa ai contenuti principali

Bambole e mostri

Care mamme,
so che magari questo post potrà dispiacere a qualcuna di voi o che magari mi farà sembrare altamente talebana nella scelta dei giocattoli...ma da pochi giorni ho scoperto con orrore la presenza in commercio di una bambola che veramente mi mette orrore.
Mi è venuta quindi l'idea di fare un excursus delle bambole che hanno accompagnato i miei giochi e quelli delle mie bimbe...e anche del mio bimbo perché anche lui spinge passeggini e veste e sveste bambole.
Ovviamente citerò note marche di giocattoli, ma vi assicuro che non ricevo per questo nessun compenso anzi sicuramente arriveranno querele.
La prima bambola che ho desiderato più di tutte e per la quale ho pianto lacrime è il Mitico Cicciobello.
Io adoravo quello africano e spesso usavo quello di mia zia ( che aveva 11 anni in più di me e ne aveva uno). Ricordo che un giorno quando mi sono tagliata con un tavolino di cristallo e portata in ospedale, lei, la mitica zia, mi ha prestato il suo Ciccio e io ho dormito con lui per ben due sere di fila.
Il Cicciobello dei miei tempi si limitava a piangere quando perdeva il ciuccio, mentre oggi il mitico Ciccio fa un sacco di cose e quello più terribile che ho visto è il Ciccio Bua che per mostrare cha ha la febbre piange ad altissima voce e diventa rosso fuoco...per farlo smettere bisogna fare una puntura nel sedere del povero Ciccio e lui si calma. Ho conosciuto molte bimbe  che dopo averlo visto acceso...hanno tolto le pile.....per non metterle più.

L'altra bambola con la quale ho giocato, sognato, vestito etc. è la mitica Barbie...lei già ai miei tempi aveva macchine, case, vestiti da sogno, un Ken e tanto altro.
La mia piccola nana ha nei suoi giochi ancora dei vestiti che appartengono alle mie Barbie e sulla signora del bon ton, sulla Parodi delle bambole niente da dire.

Nei tempi la figura della Barbie non bastava più, serviva una bambola più grezza, più coatta ed ecco che nasce la Bratz....una bambola con vestiti succinti, grandi teste e gambe chilometriche. Le proporzioni fisiche non vengono rispettate e la bambola si arricchisce di accessori molto fashion.
Purtroppo alla mia grande (ovviamente quando era piccola) sono state regalate e quindi in casa mia sono approdate, portando una ventata di volgarità nei giochi di una bambina.

Oggi ho scoperto che è nata un'altra bambola che veramente mi preoccupa sia dal punto di vista della volgarità che dello spavento: Monster High.
Questa bambola oltre ad essere vestita in modo imbarazzante,ha delle gambe scheletriche e il colorito dell'incarnato molto simile a quello dei morti.
Ritengo che il messaggio che passa alle bimbe rispetto al tema del morte sia veramente poco educativo.
E' vero che non bisogna demonizzare la morte, ma dargli il giusto valore si. Creare una bambola zombie con accessori trendy in stile teschio non da il giusto valore.
Lasciamo che le bimbe sognino ancora bambole bellissime simili a principesse da vestire e far sposare e che abbiano i loro bambolotti da coccolare e da far piangere.
Facciamo che il gioco rimanga per il bambino un momento di scoperta, meraviglia, fantasia e non intacchiamolo con stili e contenuti che ai bambini non appartengono, se no i piccoli mostri poi ce li troviamo noi al posto dei nostri figli.

Commenti

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

FELICE GIORNO DELLA NASCITA

E' arrivato il 15 Novembre e tu non sei qui con me.
E' il primo compleanno da quando sei nata che passiamo lontane.
Hai compiuto gli anni ed io e i tuoi fratelli ti abbiamo cantato una sguaiata canzoncina tramite whatsup.
Hai compiuto gli anni ed io non ho potuto darti un bacio e darti un regalo.
Quest'anno, come non mai, il tuo compleanno è felice giorno della nascita...già perché non si nasce solo quando si viene al mondo, ma si nasce un sacco di volte nel corso della vita.
Tu sei nata a te stessa e al mondo e hai deciso di partire alla ricerca della tua missione.
Tu sei nata ai tuoi progetti e ai tuoi sogni e hai deciso di corrergli incontro.
Il tuo compleanno è ora, perché non c'è modo migliore di festeggiare il nostro venire al mondo che celebrarla la vita!
Tu nell'ultimo periodo hai celebrato ogni giorno e hai sparso in giro le tue gocce di serenità e gioia ed io le ho viste nello sguardo di chi ti ha incrociato.
Il giorno della tua nascita...io c'ero e s…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…