Passa ai contenuti principali

ULTIMI MESI

Gli ultimi mesi in famiglia abbiamo imparato che il corpo è prezioso e va curato,amato, coccolato.
Il nostro corpo ogni tanto ci obbliga a fermarci, a riposare, a godere delle ore delle giornate, a capire che siamo fatti di sangue, cellule e organi e non solo di mente.
Io fatico a fermarmi, in questa frenetica vita dove voglio mettere ogni giorno dentro tutto quello che mi piace: figli, compagno, lavoro, cucina, meditazione, letture, amiche, tempo morto, passeggiate, gite, telefonate, cazzeggio. Arrivo alla sera già con il fiatone e con la certezza che anche oggi qualcosa è rimasto fuori, qualcosa non l'ho fatto bene, qualcosa mi è sfuggito, di qualcosa non ho goduto.
Poi arrivano gli ultimi mesi dove iniziano a susseguirsi malattie e stop forzati.
Prima la mia ado, la mia donna coraggio che si ammala ed io e lei passiamo giorni interminabili in ospedale in attesa di una "semplice" operazione per appendicite.
Io e lei abbiamo trascorso del tempo tra coccole e chiacchere, tra pianti e ansie e poi insieme siamo uscite.
Io mamma sono tornata un po' più stanca, ma felice di aver passato del tempo con lei e lei più forte, perché è una donnina senza paura, profonda e ricca di bei pensieri.
Poi il mio fisico cede e arriva il caldo della febbre e il sonno rigenatore.
Lunghe dormite e occhi chiusi, le coccole di tutti e un compleanno con 38,5°.
Giusto il tempo di riprendere fiato e poi sotto un altro....cede papone.
Febbre alta e a letto per giorni. Poi una corsa in ospedale anche per lui e giorni di attesa, ansie e bimbi sempre sballottati e in tensione.
Ora tutto è risolto e pian piano si torna alla normalità.
Sono rimasti indietro un sacco di lavoro, ore di sonno, libri a metà, ricette non fatte, casa non pulitissima, lavatrici, amici messi da parte.
Cosa abbiamo guadagnato perdendo queste cose? Cosa insegna la malattia?
Insegna ad imparare che le priorità sono altre, che le cose importanti si contano sulle dita di una mano, che perdiamo un sacco di tempo in schiocchezze, che i bambini aiutano sempre.
I bambini semplificano, rallegrano, aiutano, commuovono e per me in questi ultimi mesi è stato tanto!


Commenti

  1. ogni tanto ci vuole uno stacco....certo quello forzato da una malattia non è di certo gradito....buona ripresa generale

    RispondiElimina
  2. Condivido ogni riga di quello che hai scritto. Il corpo reagisce quando lo strapazziamo troppo, dovremmo imparare a dargli ascolto. A me ogni giorno rimane fuori troppo di quello che avrei voluto fare e non ho potuto per questioni di tempo. Mi rifaccio un po' nei weekend ma non sempre è sufficiente. Verranno tempi migliori, mi dico sempre, ma poi il tempo passa e la situazione è sempre uguale... Un abbraccio per questo periodo intenso che hai passato, spero adesso le cose vadano meglio...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…