Passa ai contenuti principali

QUANDO LA MAMMA NON C'E' I TOPI........

Nell'ultimo periodo causa eccesso di lavoro mi trovo spesso fuori casa e quindi i bimbi sono dati in gestione al papà, ai nonni, alla scuola materna, alla scuola superiore, ai vicini, agli amici....insomma alla cosiddetta genitorialità allargata.
Io sono abbastanza serena so che sono in buone mani, credo nell'autonomia dei miei figli, nella partecipazione degli altri nella loro educazione.
Ecco Ho detto IO.....Già perché sembra che invece quando  manco a casa ai miei FIGLI succedano le peggiori cose e quindi al mio rientro o ancor peggio direttamente sul luogo di lavoro vengo FAGOCITATA da domande ESISTENZIALI ED URGENTI!!!
Avete presente la canzone di Ligabue "Hai un momento Dio o te o chi per te avete un attimo per meeeeee"....ecco io ci vivo dentro.
Un breve elenco delle DOMANDE IMPORTANTI......e si accettano consigli sulle risposte e anche  su altre forme di genitorialità allargata.
1- "Mamma ti ricordi quei pantaloni, quelli verdi militari,non i miei però, quelli che avevo messo quella sera per andare via con la amica Tal dei Tali....non li trovo più....dove sono mi servono assolutamente"  Qui segue mia superfilippica sull'ordine e sulla responsabilità delle proprie cose.
2- "Mamma oggi la Camilla aveva uno smalto bellissimo di colore rosa, ma non rosa e no fuxia un colore che non conosco....me lo prendi? Mi porti all'edicola domani?" Ecco qui segue una comunicazione sui colori e su ciò che vendono i negozi...l'edicola vende i giornali, la profumeria i trucchi.
3- Lo sai che oggi sul telefono il papà ha messo un gioco nuovo degli Avengers e che io ero Superman e che lui ha un superpotere che pam e poi pum e spacca tutto...vuoi vedere?" Io qui fingo di avere visioni e vedere cose che non vedo....che poi se le vedo o no sinceramente ...non lo so!
4- Poi torno dopo un turno di 24 ore e iniziamo a cenare e qui mi vengono sottoposti in mezz'ora i quesiti che nei test dell'università per risolverli ti danno almeno 8 ore. Io qui dribblo le domande, scelgo le priorità e responsabilizzo.
5- Oppure tra un appuntamento e l'altro di lavoro ricevi una telefonata che dice "Ho deciso mi faccio rimandare in inglese." Qui in in genere prima esce un'esclamazione di sorpresa "SEI SCEMA!" e poi parliamo dell'importanza di provarci e di non darsi per vinte...etc.

Ecco queste sono solo alcune domande e alcune risposte, ma quella più fondamentale è perché quando io non ci sono queste domande fondamentali nascono come funghi dopo un acquazzone?
Io che speravo che...... quando la mamma non c'è i topi ballano.....(ops I figli!)

Commenti

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…