Passa ai contenuti principali

IL TUO BAMBINO DI CHE COLORE E'?

Un mese fá  nel bellissimo gruppo whatsup tra amiche, dove gli argomenti principali sono profonde riflessioni di senso sull'educazione dei figli ( e non scherzo), una delle mie amiche ha pubblicato un articolo sui bambini Indaco  e sui bambini Arcobaleno e di Cristallo. 
Dopo aver letto i due interessanti articoli, sui quali evito di fare commenti perché sarei troppo cattiva e spietata, mi sono chiesta ma i miei bambini di che colore sono?
Già perché sembra che ogni bambino possieda intorno a sé un'aura colorata e riuscendo a vederne il colore ci sono buone possibilità di entrare in relazione con queste fantastiche creature che sono venute al mondo per imprimere un grande cambiamento.
Ecco io non vedo aura intorno ai miei figli, se non ogni tanto alone di marmellata, sugo o terra.
Anche io come le mamme di questi bambini speciali faccio fatica a capirli e ad interpretare i loro atteggiamenti.
Con un grande sforzo di immaginazione allora ho deciso di costruire una mia personale lista di tipologia di bambini e colori abbinati (seguendo la moda di quest'anno.....Scherzo).

- BAMBINI MARRONI/VERDI: I bambini marroni sono venuti al mondo per insegnarci a rotolare nella terra, per far capire alle industrie che producono spray scioglimacchia, che loro sono più forti di qualunque prodotto. I bambini marroni/verdi fin da piccoli mangiano a piene mani terra, sabbia ed erba e sono attratti da tutto ciò che è fangoso e sporco. Quando crescono questi bambini tendono a rimanere legati alla natura e quindi scelgono di andare a vivere in case di paglia e a fare gli artisti usando tempere naturali e creta.
Le mamme di questi bambini devono mostrarsi orgogliose di fronte all'ennesima caduta nella pozzanghera e alle macchie di erba che circondano i loro abiti dalle ginocchia al sedere.

- BAMBINI ROSSI/GIALLI: I bambini rossi/gialli sono nati già con una fame atavica di amore e cibo, che hanno sempre manifestato ringraziando la mamma con un enorme quantità di rigurgiti.
I bambini rossi/gialli si approcciano al cibo con estrema riverenza riportando sui loro vestiti enormi macchie di sugo al pomodoro e di ragù e graziose macchie di unto giallo. Anche nel loro caso l'industria chimica è perdente, perché mai è riuscita a debellare le loro opere d'arte macchiaiole.
Quando crescono i bambini Rossi/gialli diventano assidui frequentatori di ristoranti e lavanderie e tendono a mettersi abiti costosi e divertenti bavaglie.
Un consiglio per le mamme di queste bambini: non crucciatevi troppo se i loro discorsi sono sempre incentrati sul cibo e se vogliono la pasta al sugo anche a merenda; lasciando che la loro creatività si espanda farete di loro dei grandissimi cuochi o tutt'al più dei tristi grassoni.

- BAMBINI AZZURRI: I bambini azzurri sono in genere maschi e sembra siano già nati con questa differenza di genere impressa a fuoco nel Dna. Sono i bambini che appena raggiungono l'anno adorano solo macchinine e palloni e ai quali è impossibile insegnare qualcosa dell'universo femminile.
I bambini azzurri non abbassano la tavoletta, fanno pipì sull'asse, non sanno dove sono le loro cose, non sanno sistemarle, adorano il calcio e gli sport in generale.
Le mamme di questi bambini devono rincorrerli per casa dando indicazioni e devono tentare di entrare nel loro mondo macho per poterci parlare. Da grandi questi bambini sogneranno palloni e veline, moto e ombrelline, ma poi si limiteranno ad andare in palestra o a giocare a calcetto con gli amici, per finire infortunati dopo 5 minuti di partita.

- BAMBINI ROSA: I bambini rosa sono in genere femmine, che nascono già con grandissime doti vocali di pianto. Iniziano presto a parlare, anche se magari non sempre il loro linguaggio è comprensibile per noi adulti, e ad avere un'adorazione per trucchi, vestiti e scarpe.
I bambini rosa sono attratti da giochi di travestimento, bambole, e colori pastello quali rosa,glicine e lilla oppure da fantasie animal, quali leopardate e zebrate.
I bambini rosa da grandi sogneranno di lavorare nello show biz o nella cura del corpo.
Un consiglio alle mamme di questi bambini: fateli studiare per forza e indirizzateli verso discipline artistiche e creative.

- BAMBINI VIOLA: I bambini Viola nascono per insegnarci la pacatezza e lo spirito religioso. Sono bambini con un' indole tranquilla e pacata che dove li metti stanno e che passano ore immersi in giochi o meditazioni. I bambini Viola in genere sono quelli più bisognosi di aiuto perché a causa della loro pacatezza sono spesso vittime di prepotenze da parte dei bimbi più forti. I bambini Viola da adulti sceglieranno di studiare molto, lauree e master in materie spesso scientifiche e si nasconderanno dietro a spessi occhiali per nascondere la loro speciale pacatezza.
Le mamme di questi bambini devono obbligarli ad andare alle feste, a conoscere gente perché se no se li troveranno in casa fino ai 50 anni.

Dopo avere creato questa piccola lista di bambini divisi per colore e sforzandomi giornalmente di riconoscere l'aura che circonda i miei figli vi ricordo che questo post vuole solo essere ironico e leggero e non ha alcun fondamento scientifico.

Commenti

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…