Passa ai contenuti principali

Di etichette e copertine colorate

Anche  i miei gioielli , come un miliardo di altri bambini, hanno iniziato la Scuola Elementare.
Passaggio obbligato, scontato nella crescita dei nostri figli. Ecco io però di scontato in questa nuova avventura non ci sto trovando nulla.
Abbiamo iniziato circa 1 settimana fà con un incontro ,in un salone pieno di genitori , con le maestre che insegneranno ai nostri figli nei prossimi 5 anni.
Loro hanno iniziato a consegnare modulo per mensa, modulo per uscite sul territorio, p.f.o. della scuola e lista quaderni e materiale per la scuola.
Poi hanno spiegato il modo che adotteranno per insegnare a leggere e a scrivere ai nostri figli, quante saranno le classi, numero di bambini.....insomma cose scontate e obbligatorie.
Alla fine della riunione ci hanno spiegato orari della prima e seconda settimana.
Il primo giorno puntuali ore 9,00 io e i gemelli eravamo pronti con cartelle nuove di zecca e tanta voglia di vedere la scuola dei grandi. Ci siamo riseduti nel salone e le maestre ci hanno salutato, spiegato la mattinata e poi hanno inviato i bambini a salutare mamma e papà.
Anche qui tutte cose obbligatorie e scontate.
Poi c'è stata la campanella di fine primo giorno e le altre campanelle fino all'ultima di oggi. Tutto scontato e banale, quello che doveva accadere.
Ecco in mezzo a questa obbligatorietà e scontatezza  mi chiedo  dei perché.
Perché da Mercoledì sera l'insonnia mi accompagna e sento sempre un friccicorio nel cuore quando la mattina li vedo percorrere la strada con la loro cartella?
Perché sono sempre la prima ad arrivare a prenderli?
Perché mi sembrano ancora tanto piccoli e tanto bimbi per passare 6 ore seduti in un banco e per cominciare la loro prima grande avventura di indipendenza.
Da questo momento in poi saranno in grado di leggersi le fiabe da soli, scrivere la letterina a Babbo Natale e Santa Lucia, contare quante caramelle hanno nel cesto e sapere quante ne avranno dopo averne mangiate un tot.
Da questo momento in poi impareranno a parlare con persone adulte in modo garbato, a rispettare regole e tempi.
Certo alcune di queste cose le sanno già fare, ma da ora in poi inizieranno il loro percorso nella scuola, il loro percorso nella lingua italiana, la matematica, gli studi.
Inizieranno ad appassionarsi a qualcosa, inizieranno il primo gradino verso ciò che saranno da adulti.
Ecco io tutta questa scontentezza e obbligatorietà la vedo così.
Felice per la corsa iniziata verso il loro futuro e un po' disorientata e angosciata per i primi passi lontani dal mio sguardo.
Io gli occhi, figli miei, li terrò sempre su di voi e anche se con  fatica( che ho imparato a nascondere)  vi spronerò a correre sulla vostra strada.

Commenti

  1. Sacrosanta verità!! E' nel mezzo che sta la differenza!
    Buon percorso scolastico a loro e a te ;D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…