Passa ai contenuti principali

Cose a cui sono sopravvissuta


Ci sono cose, a cui prima di diventare madre pensavo di non poter sopravvivere; ma al momento avendo scampato questo pericolo,voglio condividere le mie vittorie:
- La mancanza di sonno: già perché alla nascita di un bambino o più d'uno la mamma viene sottoposta ad un periodo di violenta privazione del sonno. Questa privazione provoca in tutti gli esseri umani, seri problemi di lucidità mentale e potenziali istinti omicidi. Quindi nelle notti in cui i risvegli notturni superano le 3 o 4 volte, ogni mamma è avvolta dal manto bianco dell'apatia e della follia.
Ecco dopo quasi 6 anni volevo dirvi che sono sopravvissuta e a parte qualche porcone  parola fuori luogo nel cuore della notte, sono riuscita a non avere gravi danni cerebrali e a non procurarne ai miei figli.( Questa cosa però avviso....costa molta fatica!).
- L'allattamento al seno e artificiale: scelta facile dicono tutti....per una cippi dico io. Se scegli di allattare al seno il tuo corpo diventa strumento di nutrimento per il tuo/tuoi bambini e tu devi essere pronta e a disposizione quanto in modo gentile (leggere pianto interrotto e martellante) il tuo bel bebè chiede di mangiare. Certo tu madre ti senti utile, quasi santa ed è un momento bellissimo, ma non sei più molto padrona del tuo corpo e del tuo tempo.
L'allattamento artificiale sicuramente è più comodo, niente bambini attaccati al seno, chiunque può sfamarli....ma quasi tutte le donne lo vivono come un lutto, un piccolo fallimento, insomma ti senti un po' la strega di biancaneve, quando offre sorridente la mela avvelenata.
Quasi dopo 6 anni posso dire di essere sopravvissuta ad un allattamento gemellare quasi misto (più materno che artificiale) e i miei figli sono vivi e vegeti. Certo ho dovuto mettere dei tappi nelle orecchie per non sentire le voci pro- e contro, ma ce l'ho fatta.
- Il taglio cesareo: ogni donna arriva al giorno del parto con paure e certezze per quel momento.
Ecco il parto è anch'esso un momento molto sacro, dove la donna compie un miracolo grandioso, ma se esegue un taglio cesareo sembra che tutta la sacralità della vita che ha comunque generato dal suo grembo perda di senso.
La mia unica certezza era VOGLIO IL PARTO NATURALE. Quindi lottando contro bambini podalici e cefalici sono approdata ad un travaglio, lungo e sofferto e poi finito con un taglio cesareo...con tutto il terrore per il decorso della ripresa.
Io il giorno dopo ero in piedi e camminavo e allattavo i piccoli e dopo una settimana, mi sentivo  bene e senza troppi dolori.
Certo anche qui ho dovuto imbavagliare la mia vocina interna, che voleva sminuire il mio parto, però dopo 6 anni credo di avercela fatta.
- Il nido:l'idea di lasciare i tuoi bimbi nella mani di educatrici e di rientrare al lavoro atterrisce molto una mamma, in fase amore con il suo piccolo. Io ricordo che la prima volta che li ho portati, ed ho iniziato l'inserimento, piangevo un pochino una volta lasciati....però piangevo solo io, perché loro sono sempre stati felici di rimanere al nido, sono sempre stati col sorriso e tornati con il sorriso e quindi questo mi ha aiutato.
Dopo 6 anni sono ancora molto grata con le educatrici che li hanno accolti, coccolati, addormentati, sfamati al posto e hanno a loro insegnato tante tante cose.

Per il momento finisco qui....ma seguirà una seconda parte.

Commenti

  1. Bellissimo ritrovare esperienze tanto simili nel tuo blog!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

FELICE GIORNO DELLA NASCITA

E' arrivato il 15 Novembre e tu non sei qui con me.
E' il primo compleanno da quando sei nata che passiamo lontane.
Hai compiuto gli anni ed io e i tuoi fratelli ti abbiamo cantato una sguaiata canzoncina tramite whatsup.
Hai compiuto gli anni ed io non ho potuto darti un bacio e darti un regalo.
Quest'anno, come non mai, il tuo compleanno è felice giorno della nascita...già perché non si nasce solo quando si viene al mondo, ma si nasce un sacco di volte nel corso della vita.
Tu sei nata a te stessa e al mondo e hai deciso di partire alla ricerca della tua missione.
Tu sei nata ai tuoi progetti e ai tuoi sogni e hai deciso di corrergli incontro.
Il tuo compleanno è ora, perché non c'è modo migliore di festeggiare il nostro venire al mondo che celebrarla la vita!
Tu nell'ultimo periodo hai celebrato ogni giorno e hai sparso in giro le tue gocce di serenità e gioia ed io le ho viste nello sguardo di chi ti ha incrociato.
Il giorno della tua nascita...io c'ero e s…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…