Passa ai contenuti principali

Preoccupazione è mamma.....

La parola preoccupazione sembra sia insita nel ruolo di una madre. I primi sintomi appaiono alla doppia riga del test di gravidanza e sembra non lascino più scampo.
Ci sono giorni in cui sembra affievvolirsi, ma poi basta poco per rinvigorirla e renderla forte e rigogliosa.
La preoccupazione ha quindi varie sfumature:
-  parte dai colori pastello con semplici interrogativi.
"Avrà mangiato abbastanza?" "Ma quello strano brufolino non l'avevo mai visto". "Chissà se ha capito le divisioni". "Non esce mai.....possibile?".
- si sposta poi sui colori caldi, accesi e gli interrogativi, diventano domande martellanti.
"Mangia poco, è troppo magra, non è normale." "Quel brufolino sembra aver cambiato forma, sarà un herpes, un' infezione, il morbillo?". "Non capisce le divisioni come farà con le frazioni?" .
-  si accende e diventa color fluo e quindi le domande martellanti diventano incubi ricorrenti.
"Ecco, questa bambina avrà sicuramente un problema allo stomaco....devo portarla da uno specialista". "Il brufolo è ingrossato, sarà una rara malattia tropicale....devo andare dal dermatologo." "Niente le divisioni non le sa.....ripeterà le elementari, non ce la farà mai." "E' sempre chiusa in camera, starà sviluppando una patologia psicopatica".

Io sono come mamma un po' arcobaleno, passo dai colori tenui al fluo, ai colori accesi e al non pormi nessuna domanda. Sento sempre, però, da quando sono nati i miei figli quella rughina nella mente, un fastidio che mi accompagna, una domandina presente. Questa perenne presenza che a volte mi rilassa perché mi tiene compagnia, a volte diventa ingombrante e molesta e non mi permette di accendere la mente.Io un po' a questa rughina lego il mio essere mamma.
La mamma è quella che si preoccupa perché non mangi (la mia perché mangiavo troppo), perché hai un dolorino mai avuto, perché hai una brutta cera, perché sei triste, perché non esci o esci troppo.
Essere mamma vuol dire preoccuparsi, avere sempre un pensiero acceso su qualcun altro.
La preoccupazione porta a essere sempre vigili e non pensare solo a sé, ma a sintonizzare il cuore su più frequenze e ad aprire la mente.
La preoccupazione spesso imballa, paralizza e genera confusione, ma questa è una caratteristica di chiunque abbia figli.
La preoccupazione va tenuta a bada e non sempre ascoltata fino alla fine, ma questo vale anche per tutte le madri che ascoltano le lagne dei lori figli e per sopravvivere staccano l'udito a metà.
La preoccupazione spinge a farsi domande, a non dormire sugli allori e questo vale per tutte le madri in genere....già perché quando nasce un figlio dormire non se parla e figuriamoci sugli allori.
Quindi alla fine, grazie preoccupazione perché con te sono nati i miei pensieri materni, catastrofici, altruistici e disorganizzati....da quando sei con me,  quella rughina fa parte del mio Dna.


Commenti

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

1 ANNO FA'

Un anno fa ero ricoverata in ospedale perchè oggi sarebbero dovuti nascere i miei nani con un taglio cesareo programmato.

La sorpresa è stata che l'ecografia ha trovato Martina in posizione cefalica......che i dottori dicevano"Se non si è ancora girata ormai non si gira più....sono anche due".....ma lei già da lì ha mostrato i segni del carattere di piccola iena!!!!

Il mio ricovero è durato 4 lunghissimi giorni, nei quali ho subito ben 4 scollamenti delle membrane ...."Perché signora, comunque è ora che nascono" e esami perenni della pressione visto le dimensioni elefantiadi delle mie gambe e mani!!!!

Io ero andata un po' in paranoia perché tutti parenti e amici mi dicevano cosa dovevo fare secondo loro e mi saranno arrivati 100 SMS di auguri per la nascita dei gemelli....che però non erano nati!!!

Dopo 4 giorni di controlli e di torture di "Faccia le scale"..."Stia a riposo"......"Facciamo l'induzione"...."Aspettiamo il l…