Passa ai contenuti principali

AVANZI??!!!!


In casa gioielli per tenere a bada i nani quando noi dobbiamo mangiare .....è scattata l'operazione pezzo di pane.....sempre un po' duro ....perchè la mamma ha il terrore che si ingozzino??!!!

I miei figli che hanno solo 10 mesi...ma mica sono stupidi...ora il pane raffermo non lo vogliono più.....vogliono il panino fresco...morbido....e la mamma li accontenta....anche se mentre lo mangiano li guarda con attenzione e appena accennano un colpetto di tosse è pronta a togliere dalla bocca....con una mossa degna di un pescatore esperto ...il boccone sospetto.

Il risultato di codesta furbizia è che da giorni è poggiato sulla mensola in cucina un sacchetto pieno zeppo di tocchi di pane raffermo, alcuni mangiucchiati e altri perfettamente interi.

Visto che siamo ormai una famiglia numerosa e bisogna risparmiare, che non si butta via niente, che c'è la fame nel mondo....oggi pomeriggio la mamma si cimenterà in questa antica ricetta che ha accompagnato la sua infanzia.....

TORTA DI PANE

Ingredienti:
350 g di panini raffermi;
1l di latte;
mezzo bicchiere di zucchero;
cacao amaro;
100 g di uvetta;
una manciata di pinoli;
1 uovo.

Preparazione:
Immergere il pane raffermo nel latte intiepidito e impastare bene con un cucchiaio finchè non diventa un pappone.
Unire zucchero, cacao, uvetta, pinoli e uovo e mescolare con cura.
Imburrare una teglia da forno, versarci l'impasto e infornare a 180° per circa 20 minuti controllando la cottura....deve risultare un po' umida.


Quelle poche volte che mangio i cibi della mia infanzia appena il sapore mi riempe la bocca vengo trasportata indietro nel tempo.....mi rivedo bambina....sento le voci degli amici giù in cortile....entro in una dimensione magica.....

Questo adoro del cibo....la capacità di farti rivivere posti e momenti sepolti nella memoria e lo straordinario potere aggregativo.....


Io e papone avevamo deciso, quando siamo andati a vivere insieme, che nella nostra casa si sarebbe cucinato bene e si sarebbero invitati gli amici a gustare il cibo con noi!!!Questa promessa è stata mantenuta anche con i nani poppanti.....

Mi piace che i miei figli godano della convivialità della tavola apparecchiata anche per altri??!!

Il mio sogno sarebbe poter fare una mensa dei poveri in cui la cucina sia anche qualitativamente buona e invitare gli ospiti a cucinare i loro piatti preferiti......Questo sogno prima o poi lo realizzerò!!!


Già....la dieta allo sciroppo d'acero.....bhè son dimagrita 2 kg...ma non riesco a correggere il ticket che ho sul blog??!!! Lo rifarò


Buon cibo a tutti.


Commenti

  1. questa torta mi mancava... fate bene a fare così, è giusto non buttare nulla, per rispetto a chi non sta bene come noi.
    ciao e buona domenica!

    RispondiElimina
  2. sai che la torta di pane non l'ho mai fatta? in realtà non mi avanza quasi mai il pane, quando si sta per indurire lo metto nel freezer per momenti di carenza, inoltre facendolo spessissimo a casa si secca molto lentamente. riguardo al potere del cibo, il ricordo che sopravviene, beh, a me succede sempre, quando la sera cucino un po di pastina in brodo e ci sciolgo un formaggino... mi sembra di tornare bambina.
    un abbraccio a due piccoli e a te

    RispondiElimina
  3. ciao e ben trovata ad un'altra bi-mamma...posso aggiungere il tuo link sul sito dei miei gemellini :)

    www.emmaeluca.com

    RispondiElimina
  4. ciao diana,
    grazie per il commento che hai lasciato sul mio blog. Complimenti per questa splendida vetrina, tornerò spessissimo a trovarti.
    Un saluto, CookingMama
    http://cookingmama.myblog.it

    RispondiElimina
  5. questa è la torta che mi preparava più spesso mia mamma! l'ho adorata dalla primissima infanzia fino all'età adulta. da quando non c'è più lei a farmela però non ho più avuto il coraggio di provare a farla io... forse con la tua ricetta (che è proprio la stessa fatta eccezione x le uvette che non le piacevano) mi deciderò a farla!
    baci flavia

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…