Passa ai contenuti principali

CIO' CHE NON SOPPORTO DELL'ESTATE (pensieri frivoli tra un cartone e l'altro)

In mezzo ad un trasloco,al bisogno di ferie e alla certezza che non le farò...scrivo un post semiserio di ciò che non sopporto dell'estate....
La cosa che più mi fa inorridire dell'estate è la totale perdita del buongusto....che un po' di caldo fa venire alla gente.
Va bene lo ammetto io odio le infradito....non si possono vedere ai piedi della gente in giro per la città, negli uffici (questo mi crea anche un po' di senso di panico),al supermercato, in ufficio......e sopratutto quelle di plastica di qualunque marca anche se costano un sacco di soldi...io le concedo solo in piscina, in riva al mare, al lago....no in montagna no!!!
Come fa una donna a vestirsi di tutto punto...magari con un carinissimo vestito estivo e poi infilarsi delle infradito di plastica.....ed io adoro le scarpe piatte,piattissime e camminare scalza....ma piuttosto un paio di sandali piatti, ma le infradito di plastica....no io le bandirei.
Quando arriva l'estate va da che si abbandonano le scarpe chiuse e quindi dai sandali spuntano i piedi....quindi vanno C.U.R.A.T.I.non dico di andare a farsi fare una pedicure alla settimana, ma almeno limare le unghie...renderli guardabili.
Io ho i piedi piatti e quindi ho portato anfibi e scarpe da ginnastica anche in pieno agosto quando ero giovane, ma poi ho scoperto che basta curarli un po' questi poveri piedi...dedicargli del tempo, limare le unghie, magari mettere uno smalto carino e soprattutto CAMBIARLO quando è smangiato....che quello è ancora peggio di non metterlo....anche questo è una cosa che mi da fastidio!!!!
D'estate va da che oltre a mostrare i piedi si mostrano altre parti del corpo....odio le magliette con lo scollo sulla schiena e il reggiseno magari non in tinta che si vede....o metti queste magliette senza reggiseno o almeno sceglilo nelle nuance giuste.
Altra cosa che non sopporto, ma ammiro veramente chi osa farlo è lo spuntare dei rotolini di ciccia dai vestiti o da leggins troppo stretti...se neanche Kate Moss lo metterebbe magari è perchè il fisico per quel vestito non esiste....e allora va bene l'autostima a mille e va bene fregarsene chi non lo fa....lo faccio pure io, ma il decoro prima di tutto.
Dulcis in fundo.....cosa che più odio e mi fa inorridire sono i sandali con i calzini....poveri bambini con sandaletti bellissimi che hanno i calzini "Se no prendono freddo"; uomini con sandali di dubbio gusto ai quali abbinano calzini di spugna e sicuramente di un colore che non c'entra niente con l'abbigliamento indossato....allora se metti i sandali è perché fa caldo e quindi perché indossare il calzino....se decidi di metterti le calze ti prego scarpe chiuse,scarpe chiuse.....
Ecco ora che è tutto nero su bianco sto meglio!

Commenti

  1. Oddio, avrei paura a farmi vedere da te...
    Lo ammetto, uso le infradito di plastica.
    Ho spesso lo smalto dei piedi rovinato, faccio fatica a trovare il tempo di rimetterlo (perché lo devo fare quando mio marito non c'è, odia l'odore).
    Non faccio caso al colore del reggiseno.
    E i miei figli mettono spesso i sandali coi calzini. Non perché fa freddo, ma perché se dobbiamo camminare molto, vengono loro le vesciche o scivolano i piedini per il sudore.
    Mi perdoni?

    RispondiElimina
  2. ecco io sul reggiseno "a vista" sono più talebana. Mai!!
    io proprio non lo sopporto. Che senso ha mettersi un top senza spalline e poi mostrare le spalline del reggiseno? (pure se sono in tinta eh)
    con tutti i reggiseni a fascia che esistono, comprarsene uno per queste occasioni no?
    pure le canotte scollate sulle spalle non le concepisco con le spalline del reggiseno a vista, e quindi non le compravo nemmeno, prima di scoprire che esiste un gancio di plastica che le posiziona in modo che non si vedano!

    RispondiElimina
  3. PRECISAZIONE....io non sono sempre così...anzi era solo un post...frivolo...
    @slela guarda che per la vita che facciamo noi mamme è già bello se non usciamo con il pigiama!;)
    @trasparelena...anche io la penso come te sulle canotte

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

FELICE GIORNO DELLA NASCITA

E' arrivato il 15 Novembre e tu non sei qui con me.
E' il primo compleanno da quando sei nata che passiamo lontane.
Hai compiuto gli anni ed io e i tuoi fratelli ti abbiamo cantato una sguaiata canzoncina tramite whatsup.
Hai compiuto gli anni ed io non ho potuto darti un bacio e darti un regalo.
Quest'anno, come non mai, il tuo compleanno è felice giorno della nascita...già perché non si nasce solo quando si viene al mondo, ma si nasce un sacco di volte nel corso della vita.
Tu sei nata a te stessa e al mondo e hai deciso di partire alla ricerca della tua missione.
Tu sei nata ai tuoi progetti e ai tuoi sogni e hai deciso di corrergli incontro.
Il tuo compleanno è ora, perché non c'è modo migliore di festeggiare il nostro venire al mondo che celebrarla la vita!
Tu nell'ultimo periodo hai celebrato ogni giorno e hai sparso in giro le tue gocce di serenità e gioia ed io le ho viste nello sguardo di chi ti ha incrociato.
Il giorno della tua nascita...io c'ero e s…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…