Passa ai contenuti principali

SECONDA SETTIMANA

(Seba e Marti in montagna dai nonni)

Eccoci alla fine dell'agognata seconda settimana, che se tutto fila liscio da lunedì è attivo il servizio anticipo e posticipo.
Allora Lunedì i bimbi sono stati alla scuola materna (Guai chiamarlo asilo...i miei bimbi mi mangiano!!) sono stati da soli per ben 2 ore a scuola e poi il nonno è andato a prenderli e tutto ok.
Martedì si fermavano per il pranzo e la nanna e si andava a prenderli alle 15,00.
Noi nel pomeriggio avevamo una festa di compleanno di un amichetto così a prenderli sono andata io.
Appena entro controllo sul cartellone e vedo la solita T (hanno mangiato tutto) e NO. Vedo l'insegnante e dico "Tutto Bene? e cosa vuol dire NO?" e lei risponde "Si tutto bene e no vuol dire che non hanno dormito...anzi saltavano sui lettini e hanno svegliato anche qualche bimbo.Non c'è stato verso di calmarli!"
"Pensavo che andando al nido non avessero di questi problemi?" e la maestra "Ma si, sarà perchè è il primo giorno vedrà che la prossima volta dormiranno".
Il proseguo della giornata è stato roccambolesco, con bimbo che si addormenta a 300 metri dalla festa e si sveglia subito, arzillo come un grillo.
Comunque non sono crollati fino alla 21,45.
Il giorno successivo c'era solo il pranzo e tutto ok.
Giovedì si riparte con giornata pranzo e nanna ed il nonno va a prenderli per le 15,00.
Io arrivo alle 16,30 e li trovo addormentati.......a scuola non avevano dormito e così dopo giro e merenda al parco son crollati alle 16,00.
Peccato che io avessi appuntamento dalla pediatra per le 17,20 così dopo una nanna di 45 minuti e conciati come degli zombie li ho caricati in macchina e via....
Venerdì: Scuola materna fino alle 16,00.
Quando arrivo Martina mi corre incontro e dice "Ho fatto la nanna!" Olè!!!!
Andiamo al parco e per premio gli compro un bel gelato: Seba "gusto Tuffo e panna" e Martina "Mutella e panna".
Ci sediamo al parco e Seba vuol giocare con la pasta di sale che hanno fatto all'asilo.
Io e Martina andiamo avanti a giocare e poi.....T.R.A.G.E.D.I.A. la mia amica mi avvisa che mio figlio sta vomitando.
Da lì è partito una scena pulp dove il bimbo vomitava gelato al puffo in un parco pieno di bambini e io tantavo inutilmente di correre con lui verso il bagno.
Terminata l'emergenza il papà di un bimbo dice "Mi sa che è perchè ha mangiato tanta pasta di sale che è stato male!".
Io pulisco il parco con secchiate di acqua e carico i miei due bimbi che da lì non si vogliono muovere e quindi relativi capricci...e mi dico "Un'altra settimana è passata!"
E poi subito questo pensiero "Andare al nido non vuol dire che dormirò subito e non mangerò la pasta di sale...."

PENSIERI DI MAMMA
Quando entravo al nido c'era un ambiente spesso tranquillo e una sorridente educatrice mi salutava e mi chiedeva com'era andata la giornata.
All'entrata della scuola materna ci sono bambini che gridano e maestre che devono rispondere alle domande di troppe mamme, regna sempre un po' troppo caos e io non mi sento accolta.
Per avere una risposta dalle tre educatrici devo aspettare un po' e sempre uno dei miei bimbi si stanca e corre fuori dall'aula.
Sto ancora vivendo questo primo cambiamento così, confusa e curiosa su come proseguirà.
So che ogni passo verso l'indipendenza ne implica uno un po' più lontano da me!!

Commenti

  1. mi sembra una seconda settimana fantastica (a parte la nanna pomeridiana da ristabilire e il vomito di gelato al puffo)...per l'accoglienza delle maestre che devono dar retta a troppi genitori e bambini, ho la stessa sensazione...

    RispondiElimina
  2. Io prendo appunti...:-) povero piccino però...

    RispondiElimina
  3. e poi un'altra cosa, ma come son belli!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

SARA' LA FINE, MA NON E' LA FINE....

Siamo agli sgoccioli di un lungo e nuovo anno scolastico.
Io ho cambiato giro di mamme, con il cambio scuola e devo dire che non mi sono nemmeno sforzata di creare nuovi legami con altre persone. I pochi legami si sono creati da sé, per vicinanza di casa e per affinità.
Arrivo quindi settimana scorsa alla pizzata di fine anno con un 'altra mamma, consapevole di non conoscere quasi nessuno e di non essere conosciuta da quasi nessuno se non come "La mamma dei gemelli".
I saluti di convenienza sono diventati il mio forte, poi dopo poche banali chiacchiere mi siedo vicino all'unica mamma con cui ho più conoscenza.
La cena inizia tranquilla e serena, si toccano argomenti vari legati alla scuola e altro, finché all'ennesima proposta da parte di chi mi sta accanto di cibo, dal momento che la mia pizza non era ancora arrivata, ho avuto l'ardire di comunicare: "Grazie, ma non mangio la carne. Sono vegetariana".
Questa frase ha scatenato al nostro tavolo un&#…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…