Passa ai contenuti principali

LAVORO E SOGNI....anche con 3 figli e vicino ai 40 anni.

Nell'ultimo periodo grandi cambiamenti hanno attraversato la mia vita. Cambiamenti che ti scuotono da dentro, che ti fanno fare quel salto nel vuoto, dove lo stomaco si ricongiunge al cervello e tu annaspi quell'attimo prima di sentire una leggerezza infinita.
Già perché io non sono molto brava a separare passione e dovere, cuore e mente, sesso e amore (ma questo è un altro capitolo...) così dopo mesi di lacerazioni interiori, congetture e continui ripensamenti...mi sono licenziata.
Mi sono licenziata da un lavoro che amavo e amo molto, da un lavoro a contatto con le neomamme, le loro preoccupazioni, bisogni,paure e incertezze. Un lavoro che ho svolto:  prima sul campo, in casa di questa fantastiche donne che aprivano la porta a me e si lasciavano un po' guidare nella gestione del loro bambino, delle loro paure e delle loro storie; poi ho iniziato a coordinare chi a casa ci andava, a seguire le segnalazioni da fuori e a difendere con i denti questo progetto così utile e vero.
Ecco questo pezzo di lavoro da quando sono tornata dalla maternità è quello che mi dava linfa vitale per affrontare gli altri pezzi invece più difficili e meno gratificanti.
Già perché quando torni da una maternità non è sempre detto che quello che hai lasciato (anche se per poco tempo) sia ancora lì ad aspettarti e che tu riesca a conciliare i tuoi nuovi orari con quelli richiesti. Allora ti adatti, ti reinventi, cambi luogo di lavoro e vieni gentilmente ceduta altrove....e proprio in quell'altrove ti trovi a fare un'altra cosa che ti ha sempre affascinato molto e quindi ti dividi in luoghi dove raccogli stimoli, nuove competenze e a volte anche bastonate (perché comunque così si cresce) e l'altro dove aspetti solo le 4 ore in mezzo alle mamme e poi vivi aspettando che finisca la giornata.
Io però lavoro con la gente e non è così facile dissimulare il tuo fastidio o la tua fatica e tenere a bada questo senso di frustazione e quindi riempi i polmoni di coraggio e invii curriculum...alla ricerca di altri sogni e altre ambizioni.
Alla fine del mese lascerò la cooperativa che negli ultimi 8 anni è stata la mia casa e saluterò i miei colleghi cari con cui ho intessuto relazioni preziose.
Da circa 1 mese ho cominciato in un posto nuovo (part-time perchè grazie alla flessibilità l'altro part-time me lo sono tenuto).
I pensieri sono tanti e il cambiamento è stato radicale sia come tipologia di utenze da neonati ad adulti sia come difficoltà dalla maternità alla tossicodipendenza.
Io sono carica di buone volontà e poi questo nuovo lavoro  mi aveva sempre acceso delle corde ,che non ero mai riuscita a far risuonare per impossibilità a coniugarlo alla mia vita familiare.
In questo momento l'amarezza riguarda ciò che ho lasciato e tutto quello che ho imparato in questi anni sulla prima infanzia, che rimarrà nel mio bagaglio....e che magari un giorno tornerà utile...e il salutare colleghi cari da cui ho imparato tante cose.
Ma non mi fermo qui proseguo lanciando i miei sogni oltre le paure, stendendo progetti teatrali e inseguendo il sogno di lavorare scrivendo.
Nel frattempo ho raccolto la sfida che la vita mi ha dato e positivamente conosco questi giovani ragazzi a cui la vita ha già rubato molto tempo e tento di motivare, di fare vedere il lato bello e una possibilità....che c'è sempre per tutti ....e in questo la mia odiosissima amata scuola superiore mi ha aiutata perché come ripeteva incessantemente la mia prof. di latino
HOME FABER IPSIUS FORTUNAE 
Carica di sogni e figli comincio da capo con nuova gente, nuovi posti, nuove motivazioni....perchè anche con 3 figli e quasi (ma non troppo vicina neh) 40 anni si può osare.

Commenti

  1. Complimenti per il coraggio, ma soprattutto per la forza di fare un lavoro del genere.
    Sei una grande!

    RispondiElimina
  2. tanti auguri allora...sono sicura che motivata come sembri da come racconti sul post riceverai gratificazioni da questa nuova avventura...brava!
    anche io sono alla ricerca di una svolta...sto cercando e se mi si aprirà una porta spero di avere il coraggio che hai avuto tu....

    RispondiElimina
  3. approposito ho scritto un post...ti va di darmi dei consigli? grazie :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LA SIGNORA DEI VERMI

PREMESSA:
I gemelli dopo 2 settimane di inserimento al nido sono stati a casa per 3 giorni per vomito e dissenteria.....i famosi giorni dell'esorcista......
Visto che finalmente noi cantavamo vittoria ed eravamo psicologicamente pronti ad un distacco più lungo.....ovvero sarei andata a prenderli per le 15.45 ..........
Sebastiano, sabato e domenica notte, ci ripropone il trailer dell'esorcista
....così .....Martina è al nido fino alle 12.30.....io grazie a mia mamma e al papone sono riuscita ad andare un po' al lavoro.....Sebastiano è a casa......


Oggi è il giorno della signora delle pulizie.....la gentil signora appena arriva fa due chiacchiere con la sottoscritta, prima di affrontare lo sporco più sporco che è diventata casa mia con due gemelli gattonanti e mangianti......
Io le ho raccontato del malessere di Seb. e del fatto che il dottor C. ha detto di non preoccuparsi....che sarà un virus.....tutto senza visitarlo....come di suo solito ..........

Allora la S.S. delle pulizi…

FELICE GIORNO DELLA NASCITA

E' arrivato il 15 Novembre e tu non sei qui con me.
E' il primo compleanno da quando sei nata che passiamo lontane.
Hai compiuto gli anni ed io e i tuoi fratelli ti abbiamo cantato una sguaiata canzoncina tramite whatsup.
Hai compiuto gli anni ed io non ho potuto darti un bacio e darti un regalo.
Quest'anno, come non mai, il tuo compleanno è felice giorno della nascita...già perché non si nasce solo quando si viene al mondo, ma si nasce un sacco di volte nel corso della vita.
Tu sei nata a te stessa e al mondo e hai deciso di partire alla ricerca della tua missione.
Tu sei nata ai tuoi progetti e ai tuoi sogni e hai deciso di corrergli incontro.
Il tuo compleanno è ora, perché non c'è modo migliore di festeggiare il nostro venire al mondo che celebrarla la vita!
Tu nell'ultimo periodo hai celebrato ogni giorno e hai sparso in giro le tue gocce di serenità e gioia ed io le ho viste nello sguardo di chi ti ha incrociato.
Il giorno della tua nascita...io c'ero e s…

QUANDO PIANGE LA MAMMA

Ci sono momenti in cui la sofferenza c'è e si sente. Circostanze della vita in cui siamo fragili, vulnerabili e quindi le lacrime solcano le guance e tu ti ritrovi a piangere quando meno te lo aspetti e  con sei occhi puntati addosso e allora provi a  far finta di nulla.
In questi tristi momenti una mamma cosa fa? Finge che nulla sia accaduto e continua imperterrita ciò che stava facendo. Già, perché, a volte le lacrime scendono quando meno te lo aspetti e tu pensi sempre di averla scampata e di non essere vista, quindi tiri su con il naso, asciughi le lacrime e ti pizzichi un po' le guance in modo che siano rosse come il naso e sorridi. Ma il problema è che "quelli" non li freghi. Ti guardano con aria indagatoria e poi "Mamma, hai pianto?". Tu,  adesso ne devi uscire da quella domanda e vorresti cadere in piedi, come il gatto quando casca dall'alto e si gira per toccare elegantemente il terreno con le zampe, quindi sorridi di convenienza e "Io? m…